• Dicembre 9, 2022

24enne denuncia il grave danno da v. sul più importante quotidiano della Regione. Il drammatico racconto della sua odissea e lo studio degli autoanticorpi

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Nei giorni scorsi, lo storico quotidiano Schwäbische Zeitung, il più importante della storica regione tedesca della Svevia ha pubblicato un articolo dal titolo “Sindrome post-vaccinale. Quando il vaccino ti fa ammalare”.

Viene riportata la drammatica testimonianza di una 24enne della città di Bingen del Land Renania-Palatinato. Si legge nell’articolo:

“Stanchezza estrema, dolore ai nervi, a volte deficit neurologici: ci sono persone che soffrono degli stessi sintomi dopo una vaccinazione come dopo il Covid. Una di loro è Hannah Stoll di Bingen. La 24enne vuole dare un volto alla malattia ancora non riconosciuta.

Hannah Stoll non si descrive né come negazionista del covid né come oppositrice della vaccinazione. Ma sente soprattutto una cosa: delusione. “Ho sempre preso sul serio la pandemia. Inoltre sono sempre stata pronta a proteggere me stessa e gli altri. Allora perché adesso non vengo presa sul serio?” chiede la 24enne.

A dicembre 2020 la giovane si è ammalata di Covid19. “Non ho avuto alcun sintomo. L’ho notato solo a causa della mia mancanza di senso dell’olfatto e del gusto”, ricorda Hannah Stoll. Circa sei mesi dopo si è fatta vaccinare per la prima volta contro il virus corona con Pfizer-Biontech.
Dopo tre giorni, improvvisamente è comparso un dolore al ginocchio destro, l’articolazione si è gonfiata e la 24enne ha iniziato a zoppicare. “Poiché correvo intensamente, tutti i dottori lo attribuivano a un uso eccessivo. Ma sentivo già che qualcosa non andava nel mio corpo.” La donna di Bingen non ha potuto coltivare la sua passione per lo sport per molto tempo.

Tuttavia, si è fatta vaccinare una seconda volta con Pfizer-Biontech. “Tuttavia, davo ancora per scontata la vaccinazione. Non sono affatto una negazionista del covid.” Pochi giorni dopo, i primi sintomi sono comparsi e ne sono comparsi di nuovi: crampi ai gomiti, forti dolori agli arti e ai muscoli, mal d’orecchi, nausea, forte sfinimento.

A settembre, le dita si sono infiammate e si sono gonfiate gravemente. C’erano anche problemi digestivi, dolori addominali e un’infezione fungina. “Semplicemente non era finita la reazione avversa e nessun dottore mi ha dato retta in quel momento”, dice Hannah Stoll.

Con questi sintomi diffusi, per la 24enne iniziò un’odissea che continua ancora oggi. Secondo i primi risultati, vari specialisti sono stati in grado di escludere malattie come reumatismi, sclerosi multipla e lupus. Né la medicina convenzionale né gli approcci alternativi hanno aiutato. La cartella clinica con i suoi esami medici divenne sempre più corposa.

Ma nessuno mi ha aiutato con una diagnosi valida, una spiegazione dei sintomi o persino un trattamento. “Ciò che mi ha infastidito sempre di più nel tempo è che sono stata etichettata come una persona strana da molti. Alcuni dei miei colleghi, amici e persino parenti non mi hanno presa sul serio”, dice la 24enne. Ha anche incontrato ripetutamente reazioni scettiche da parte di professionisti medici.
Solamente a maggio 2022 un medico ha sollevato una connessione concreta tra la vaccinazione e i suoi disturbi, quasi un anno dopo i primi sintomi. Il dott Jörg-Heiner Möller, capo medico presso la clinica del distretto medico di Burglengenfeld, è in realtà un cardiologo. Anche la sua compagna si è ammalata di covid e ha avuto un decorso lieve. Dopo la vaccinazione ha manifestato però gravi sintomi.
Così il medico 64enne ha iniziato ad affrontare più intensamente l’argomento. “Adesso mi è chiaro: sindrome post-Covid e sindrome post-vaccino, cioè la malattia dopo la vaccinazione, sono la stessa cosa. Entrambe sono malattie autoimmuni, in cui il corpo non solo combatte un virus, ma anche il proprio tessuto”, afferma Möller.

Oltre al suo vero lavoro, aveva iniziato a esaminare il sangue delle persone colpite per i cosiddetti autoanticorpi. Quasi tutti i circa 150 pazienti avevano determinati autoanticorpi, solo in due di loro non potevano essere rilevati. Möller vede questi autoanticorpi come la causa delle reazioni infiammatorie croniche che si sono verificate anche nel caso di Hannah Stoll.

Come trattamento, il dott. Möller ha consigliato l’aferesi, un tipo di lavaggio del sangue in cui alcuni componenti come gli autoanticorpi vengono rimossi dal sangue. “Questo ha portato sollievo a molte delle persone colpite”, afferma Möller. Lui stesso non può offrire il trattamento nel suo ospedale, ma può indirizzare le persone colpite alle cliniche appropriate.
Anche Hannah Stoll ha provato il lavaggio del sangue. La famiglia ha dovuto sostenere i costi – diverse migliaia di euro per seduta – da sola. Le compagnie di assicurazione sanitaria non li coprono perché non ci sono prove scientifiche della loro efficacia in questo contesto. Anche la 24enne di Bingen non ha ottenuto una guarigione dei suoi sintomi. “Ma almeno non ha peggiorato i miei sintomi e almeno mi sono sentito finalmente compresa come paziente”.

Nel frattempo, l’odissea continua. Invece di fare progetti per il futuro, la 24enne fa rete con altre persone colpite, scambia informazioni sui risultati e sui trattamenti. Presto avrà un appuntamento con un reumatologo pediatrico che potrà effettuare esami speciali. Il dott. Möller sta anche considerando di riesaminare le diagnosi che sono già state escluse, per andare a fondo e individuare possibili virus e batteri nel corpo perché si sospetta che anche malattie pregresse nascoste abbiano potuto influire a scatenare la sindrome post-vaccinale.

Per più di 15 mesi, la 24enne ha lottato contro il dolore e per la mancanza di comprensione. È molto infastidita dal fatto che deve ancora sopportare commenti malevoli quando riferisce i suoi sintomi come sindrome post-vaccino. Anche se i sintomi del post-Covid e del post-vaccino sono così simili, l’accettazione come conseguenza della vaccinazione, come nel suo caso, è rara.

Per il primario dott. Möller, una spiegazione per la mancanza di accettazione è che l’intero quadro clinico è ancora nuovo e poco conosciuto. “Siamo all’inizio, ma i pazienti ci sono già. Quindi non dobbiamo lasciarli da soli esclusivamente perché non esiste ancora una definizione riconosciuta”, afferma Möller. Chiede che gli effetti collaterali della vaccinazione siano realisticamente classificati e registrati. I medici non dovrebbero vederli come un tabù.
Secondo il Paul Ehrlich Institute, ci sono 0,2 segnalazioni per 1000 dosi di vaccino con sospette reazioni gravi. “Quando guardo i miei dati, vedo che sono molti di più. Non solo ci vorrà del tempo prima di avere linee guida chiare per la diagnosi e il trattamento. Ma anche fino a quando non sarà chiarito che i costi dovranno essere sostenuti. Chiunque prescriva le vaccinazioni per legge deve anche essere consapevole e fatti carico di tutti gli effetti collaterali e le conseguenze”, afferma Möller. Non mette in alcun modo in dubbio la vaccinazione come misura di emergenza nella pandemia, ma non è una soluzione per minimizzare le reazioni avverse.
In estate, anche il ministro della Salute Karl Lauterbach ha ammesso che in rari casi possono verificarsi effetti collaterali dopo la vaccinazione. Nessuna consolazione per Hannah Stoll, i suoi medici e la sua rete di contatti. “Finalmente sta succedendo qualcosa nel mio corpo. Voglio sapere la causa e spero che finalmente stia finendo. Rivoglio la mia vita e i miei 24 anni, non voglio pensare solo ad andare a visita dal dottore”, conclude Hannah Stoll”.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Due arresti cardiaci colpiscono due trentenni in pochi chilometri. Ieri sera un altro decesso improvviso in città

Read Next

Un altro attacco cardiaco improvviso in crociera. La nave rientra nel porto di partenza

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock