• Febbraio 3, 2023

5 mesi per uccidere

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


I dati ufficiali pubblicati dall’Office for National Statistics del Regno Unito rivelano che la popolazione vaccinata contro il Covid-19 ha molte più probabilità di morire per tutte le cause rispetto alla popolazione non vaccinata tra tutte le fasce d’età.

Questa è una prova inequivocabile che i vaccini Covid-19 hanno ucciso e stanno ancora uccidendo persone, e i modelli all’interno dei dati ONS rivelano che sono necessari in media cinque mesi dopo la vaccinazione per portare a termine pienamente le conseguenze mortali.

Il 6 luglio, l’Office for National Statistics (ONS) ha pubblicato il suo ultimo set di dati sui decessi per stato di vaccinazione in Inghilterra e ha rivelato tutta una serie di risultati scioccanti.

Se si scava un po’ più a fondo nei dati, si scopre che la vaccinazione contro il Covid-19 aumenta effettivamente il tasso di mortalità di tutti entro circa 5 mesi.

La tabella 1 del set di dati ONS contiene i dati sui tassi di mortalità mensili standardizzati per età in base allo stato di vaccinazione per i decessi tra il 1 gennaio 21 e il 31 maggio 22. La prima iniezione di Covid-19 è stata somministrata in Inghilterra l’8 dicembre 2021, ed ecco le cifre sui tassi di mortalità per stato vaccinale nei 4 mesi successivi –

All’improvviso, la popolazione vaccinata nel suo insieme aveva maggiori probabilità di morire rispetto ai non vaccinati per qualsiasi causa diversa dal Covid-19, e questa tendenza è continuata mese dopo mese da allora. Si scopre anche che questa tendenza è in linea con coloro che hanno ricevuto i vaccini Covid-19.

La popolazione in Inghilterra è stata vaccinata in ordine di età, ai più anziani è stata offerta per primi l’iniezione Covid-19.

Il grafico seguente mostra i tassi di mortalità standardizzati per età ogni 100.000 individui in base allo stato di vaccinazione e al gruppo di età per il mese di maggio 2021.

I dati mostrano che a maggio le tre fasce di età che avevano un tasso di mortalità più elevato tra i vaccinati erano i 70-79, 80-89 e 90+ anni. La tendenza continua poi fino a giugno con i vaccinati di età compresa tra 60 e 69 anni che si uniscono al club con il più alto tasso di mortalità.

Continua poi fino a luglio con i 50-59enni che si uniscono agli altri con il più alto tasso di mortalità.

Questi dati indicano che i vaccini Covid-19 impiegano circa 5 mesi per distruggere il sistema immunitario, al punto che le possibilità di un individuo di morire per qualsiasi causa risultano significativamente aumentate, oppure indicano che le iniezioni di Covid-19 stanno sia uccidendo direttamente le persone che condannando altre migliaia di individui a una morte lenta e dolorosa che impiega in media 5 mesi per concludersi.

da The Exposé

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Muore a 17 anni in vacanza a causa di un malore improvviso

Read Next

Justin Bieber sta male, posticipa il tour mondiale di “Justice”: “Ho bisogno di fare della mia salute la priorità in questo momento”

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock