• Giugno 25, 2022

“51 studi sull’efficacia vaccinale che dimostrano il fallimento e che mettono in discussione l’obbligo”

Dr. Paul Alexander

Poiché la campagna vaccinale è partita da diversi mesi, abbiamo ormai le prove sulla reale efficacia del vaccino Covid. Il risultato implica che l’esplosione delle infezioni a livello globale che abbiamo sperimentato – dopo la doppia vaccinazione ad esempio in Israele, Regno Unito, Stati Uniti ecc. – potrebbe essere dovuta alla diffusione del Covid dai vaccinati tanto o più dai non vaccinati.

Una domanda naturale da porsi è: vaccini con capacità limitata di prevenire la malattia sintomatica possono guidare l’evoluzione di ceppi più virulenti? In un articolo di PLoS Biology del 2015, Read et al. hanno osservato che:

“La saggezza convenzionale è che la selezione naturale rimuoverà gli agenti patogeni altamente letali se la morte dell’ospite riduce notevolmente la trasmissione. I vaccini che mantengono in vita gli ospiti ma consentono comunque la trasmissione potrebbero quindi consentire a ceppi molto virulenti di circolare in una popolazione”.

Quindi, piuttosto che i non vaccinati che mettono a rischio i vaccinati, potrebbero teoricamente essere i vaccinati a mettere a rischio i non vaccinati.

Qui 51 studi e rapporti che fanno luce sull’immunità indotta da vaccino contro il Covid. Evidenziano i problemi con gli obblighi vaccinali che stanno attualmente minacciando i posti di lavoro di milioni di persone. Sollevano anche dubbi sulla necessità di vaccinazione per i bambini.

1) Gazit et al. Ha dimostrato che “i vaccinati naïve al SARS-CoV-2 avevano un rischio aumentato di 13 volte (IC 95%, 8-21) per l’infezione rivoluzionaria con la variante Delta rispetto a quelli precedentemente infetti”. Durante l’aggiustamento per il tempo della malattia / vaccino, c’era un aumento del rischio di 27 volte (IC 95%, 13-57).

2) Ignorando il rischio di infezione, dato che qualcuno è stato infettato, Acharya et al. non ha trovato “alcuna differenza significativa nei valori di soglia del ciclo tra gruppi vaccinati e non vaccinati, asintomatici e sintomatici infetti da SARS-CoV-2 Delta”.

3) Riemersma et al. non ha trovato “alcuna differenza nelle cariche virali quando si confrontano gli individui non vaccinati con quelli che hanno infezioni “rivoluzionarie” da vaccino. Inoltre, gli individui con infezioni rivoluzionarie da vaccino spesso risultano positivi con cariche virali coerenti con la capacità di eliminare virus infettivi. I risultati indicano che “se gli individui vaccinati vengono infettati con la variante delta, possono essere fonti di trasmissione di SARS-CoV-2 ad altri”. Hanno riportato “bassi valori di CT (<25) in 212 su 310 completamente vaccinati (68%) e 246 su 389 (63%) individui non vaccinati. Il test di un sottoinsieme di questi campioni a basso contenuto di CT ha rivelato SARS-CoV-2 infettivo in 15 dei 17 campioni (88%) da individui non vaccinati e 37 su 39 (95%) da persone vaccinate.

4) In uno studio del Qatar, Chemaitelly et al. ha riportato efficacia vaccinale (Pfizer) contro malattie gravi e fatali, con efficacia nell’intervallo 85-95% almeno fino a 24 settimane dopo la seconda dose. Al contrario, l’efficacia contro l’infezione è scesa a circa il 30% a 15-19 settimane dopo la seconda dose.

5) Dal Wisconsin, Riemersma et al. hanno riferito che gli individui vaccinati che vengono infettati con la variante Delta possono trasmettere SARS-CoV-2 ad altri. Hanno trovato un’elevata carica virale nelle persone sintomatiche non vaccinate e vaccinate (68% e 69% rispettivamente, 158/232 e 156/225). Inoltre, nelle persone asintomatiche, hanno scoperto elevate cariche virali (rispettivamente 29% e 82%) rispettivamente nei non vaccinati e nei vaccinati. Ciò suggerisce che i vaccinati possono essere infettati, ospitare, coltivare e trasmettere il virus prontamente e inconsapevolmente.

6) Subramanian ha riferito che “a livello nazionale, non sembra esserci alcuna relazione discernibile tra la percentuale di popolazione completamente vaccinata e i nuovi casi di COVID-19”. Confrontando 2947 contee negli Stati Uniti, c’erano un po ‘meno casi in luoghi più vaccinati. In altre parole, non esiste una chiara relazione discernibile .

7) Chau et al. ha esaminato la trasmissione della variante SARS-CoV-2 Delta tra gli operatori sanitari vaccinati in Vietnam. Dei 69 operatori sanitari risultati positivi al SARS-CoV-2, 62 hanno partecipato allo studio clinico, tutti guariti. Per 23 di loro, sono state ottenute sequenze di genoma completo e tutte appartenevano alla variante Delta. “Le cariche virali dei casi di infezione della variante Delta rivoluzionaria erano 251 volte superiori a quelle dei casi infetti da vecchi ceppi rilevati tra marzo e aprile 2020”.

8) A Barnstable, Massachusetts, Brown et al hanno scoperto che tra i 469 casi di COVID-19, il 74% era completamente vaccinato e che “i vaccinati avevano in media più virus nel naso rispetto ai non vaccinati infetti”.

9) Riferendo su un focolaio ospedaliero nosocomiale in Finlandia, Hetemäli et al. hanno osservato che “sia le infezioni sintomatiche che quelle asintomatiche sono state trovate tra gli operatori sanitari vaccinati e la trasmissione secondaria si è verificata da quelli con infezioni sintomatiche nonostante l’uso di dispositivi di protezione individuale”.

10) In un’indagine sull’epidemia ospedaliera in Israele, Shitrit et al. hanno osservato “un’elevata trasmissibilità della variante SARS-CoV-2 Delta tra individui due volte vaccinati e mascherati”. Hanno aggiunto che “questo suggerisce un certo calo dell’immunità, anche se fornisce ancora protezione per gli individui senza comorbilità”.

11) Nel rapporto di sorveglianza del vaccino COVID-19 del Regno Unito per la settimana n. 42, è stato notato che vi è “un calo della risposta anticorpale N nel tempo” e “che i livelli di anticorpi N sembrano essere più bassi negli individui che acquisiscono l’infezione dopo 2 dosi di vaccinazione”. Lo stesso rapporto (Tabella 2, pagina 13), mostra che nelle fasce di età più avanzate sopra i 30 anni, le persone doppiamente vaccinate hanno un rischio di infezione maggiore rispetto ai non vaccinati, presumibilmente perché quest’ultimo gruppo include più persone con una più forte immunità naturale dalla precedente malattia Covid. Al contrario, le persone vaccinate avevano un rischio inferiore di morte rispetto ai non vaccinati, in tutte le fasce d’età, indicando che i vaccini forniscono più protezione contro la morte che contro l’infezione. Si vedano anche i rapporti PHE del Regno Unito 43, 44, 45, 46 per dati simili.

12) In Israele, Levin et al. “ha condotto uno studio prospettico longitudinale di 6 mesi che ha coinvolto operatori sanitari vaccinati che sono stati testati mensilmente per la presenza di IgG anti-spike e anticorpi neutralizzanti”. Hanno scoperto che “sei mesi dopo aver ricevuto la seconda dose del vaccino BNT162b2, la risposta umorale era sostanzialmente diminuita, specialmente tra gli uomini, tra le persone di età pari o superiore a 65 anni e tra le persone con immunosoppressione”.

13) In uno studio dello Stato di New York, Rosenberg et al. hanno riferito che “Durante il 3 maggio-25 luglio 2021, l’efficacia complessiva del vaccino aggiustata per età contro l’ospedalizzazione a New York era relativamente stabile 89,5%-95,1%). L’efficacia complessiva del vaccino aggiustata per età contro l’infezione per tutti gli adulti di New York è diminuita dal 91,8% al 75,0%”.

14) Suthar et al. hanno osservato che “I nostri dati dimostrano un sostanziale calo delle risposte anticorpali e dell’immunità delle cellule T a SARS-CoV-2 e alle sue varianti, a 6 mesi dalla seconda immunizzazione con il vaccino BNT162b2”.

15) In uno studio dell’Università di Umeå in Svezia, Nordström et al. hanno osservato che “l’efficacia del vaccino BNT162b2 contro l’infezione è diminuita progressivamente dal 92% (IC 95%, 92-93, P<0·001) al giorno 15-30 al 47% (IC 95%, 39-55, P<0·001) al giorno 121-180, e dal giorno 211 in poi non è stato possibile rilevare alcuna efficacia (23%; 95% CI, -2-41, P=0·07).”

16) Yahi et al. hanno riferito che “nel caso della variante Delta, gli anticorpi neutralizzanti hanno una ridotta affinità per la proteina spike, mentre gli anticorpi facilitanti mostrano un’affinità notevolmente aumentata. Pertanto, il potenziamento dipendente dagli anticorpi può essere una preoccupazione per le persone che ricevono vaccini basati sulla sequenza originale della spike del ceppo di Wuhan”.

17) Goldberg et al. (Vaccino BNT162b2 in Israele) hanno riferito che “l’immunità contro la variante delta di SARS-CoV-2 è diminuita in tutte le fasce d’età pochi mesi dopo aver ricevuto la seconda dose di vaccino”.

18) Singanayagam et al. ha esaminato la trasmissione e la cinetica della carica virale in individui vaccinati e non vaccinati con lieve infezione da variante delta nella comunità. Hanno scoperto che (in 602 contatti della comunità (identificati tramite il sistema di tracciamento dei contratti del Regno Unito) di 471 casi indice COVID-19 nel Regno Unito sono stati reclutati per la valutazione della trasmissione e della contagiosità dello studio di coorte COVID-19 in Contacts e hanno contribuito con 8145 campioni del tratto respiratorio superiore dal campionamento giornaliero per un massimo di 20 giorni) “la vaccinazione riduce il rischio di infezione della variante delta e accelera la clearance virale. Tuttavia, gli individui completamente vaccinati con infezioni rivoluzionarie hanno un picco di carica virale simile ai casi non vaccinati e possono trasmettere in modo efficiente l’infezione in contesti domestici, anche a contatti completamente vaccinati.

19. Keehner et al. in NEJM, ha recentemente riferito sulla rinascita dell’infezione da SARS-CoV-2 in una forza lavoro del sistema sanitario altamente vaccinata. La vaccinazione con vaccini a mRNA è iniziata a metà dicembre 2020; a marzo, il 76% della forza lavoro era stata completamente vaccinata e a luglio la percentuale era salita all’87%. Le infezioni erano diminuite drasticamente all’inizio di febbraio 2021 …” in coincidenza con la fine dell’obbligo di mascherine della California il 15 giugno e il rapido dominio della variante B.1.617.2 (delta) che è emersa per la prima volta a metà aprile e rappresentava oltre il 95% degli isolati di UCSDH entro la fine di luglio, le infezioni sono aumentate rapidamente, compresi i casi tra le persone completamente vaccinate … i ricercatori hanno riferito che il “drammatico cambiamento nell’efficacia del vaccino da giugno a luglio è probabilmente dovuto sia all’emergere della variante delta che all’immunità calante nel tempo”.

20. Juthani et al. hanno cercato di descrivere l’impatto della vaccinazione sul ricovero in ospedale in pazienti con infezione confermata da SARS-CoV-2 utilizzando i dati del mondo reale raccolti dal Yale New Haven Health System. “I pazienti sono stati considerati completamente vaccinati se la dose finale (seconda dose di BNT162b2 o mRNA-1273, o prima dose di Ad.26.COV2.S) è stata somministrata almeno 14 giorni prima dell’insorgenza dei sintomi o un test PCR positivo per SARS-CoV-2. In totale, abbiamo identificato 969 pazienti che sono stati ricoverati in un ospedale Yale New Haven Health System con un test PCR positivo confermato per SARS-CoV-2 “. I ricercatori hanno riportato “un numero maggiore di pazienti con malattia grave o critica in coloro che hanno ricevuto il vaccino BNT162b2 rispetto a quelli che hanno ricevuto mRNA-1273 o Ad.26.COV2.S …”

21. Uno studio molto recente pubblicato dal CDC ha riferito che la maggior parte (53%) dei pazienti ricoverati in ospedale con malattie simili a Covid-19 erano già completamente vaccinati con vaccini di RNA a due dosi. La Tabella 1 rivela che tra i 20.101 adulti immunocompromessi ricoverati in ospedale con Covid-19, 10.564 (53%) erano completamente vaccinati con il vaccino Pfizer o Moderna (la vaccinazione è stata definita come aver ricevuto esattamente 2 dosi di un vaccino COVID-19 a base di mRNA ≥14 giorni prima della data dell’indice di ospedalizzazione, che era la data di raccolta del campione respiratorio associato al risultato del test SARS-CoV-2 positivo o negativo più recente prima del ricovero o della data di ricovero se il test si è verificato solo dopo l’ammissione). Ciò evidenzia le sfide in corso affrontate con la svolta Delta quando vaccinato.

22. Eyre, 2021 ha esaminato l’impatto della vaccinazione SARS-CoV-2 sulla trasmissione delle varianti Alpha & Delta. Hanno riferito che “mentre la vaccinazione riduce ancora il rischio di infezione, cariche virali simili in individui vaccinati e non vaccinati infetti da Delta mettono in discussione quanta vaccinazione impedisce la trasmissione successiva … le riduzioni della trasmissione sono diminuite nel tempo dalla seconda vaccinazione, per Delta raggiungendo livelli simili agli individui non vaccinati di 12 settimane per ChAdOx1 e attenuandosi sostanzialmente per BNT162b2. Anche la protezione dalla vaccinazione nei contatti è diminuita nei 3 mesi successivi alla seconda vaccinazione… la vaccinazione riduce la trasmissione di Delta, ma di meno rispetto alla variante Alpha”.

23. Levine-Tiefenbrun, 2021 ha esaminato le cariche virali delle infezioni rivoluzionarie SARS-CoV-2 variante Delta dopo la vaccinazione e il richiamo con BNT162b2 e ha riferito che l’efficacia della riduzione della carica virale diminuisce con il tempo dopo la vaccinazione, “diminuendo significativamente a 3 mesi dopo la vaccinazione e scomparendo efficacemente dopo circa 6 mesi”.

24. Puranik, 2021 ha esaminato un confronto tra due vaccini a mRNA altamente efficaci per COVID-19 durante i periodi di prevalenza delle varianti Alfa e Delta, riportando “A luglio, l’efficacia del vaccino contro l’ospedalizzazione è rimasta elevata (mRNA-1273: 81%, IC 95%: 33-96,3%; BNT162b2: 75%, IC 95%: 24-93,9%), ma l’efficacia contro l’infezione era inferiore per entrambi i vaccini (mRNA-1273: 76%, IC 95%: 58-87%; BNT162b2: 42%, IC 95%: 13-62%), con una riduzione più pronunciata per BNT162b2.

25. Saade, 2021 ha esaminato i test di neutralizzazione del virus vivo in pazienti convalescenti e soggetti vaccinati contro 19A, 20B, 20I / 501Y. V1 e 20H/501Y. V2 isolati di SARS-CoV-2 e riportati come “Valutata la capacità neutralizzante degli anticorpi per prevenire l’infezione cellulare, utilizzando un test di neutralizzazione del virus vivo con diversi ceppi [19A (uno iniziale), 20B (Lignaggio B.1.1.241), 20I/501Y. V1 (lignaggio B.1.1.7) e 20H/501Y. V2 (Lignaggio B.1.351)] in campioni di siero raccolti da diverse popolazioni: operatori sanitari vaccinati a due dosi covid-19-naïve (HCW; Pfizer-BioNTech BNT161b2), 6 mesi dopo HCW COVID-19 lieve e pazienti covid-19 critici… il risultato del presente studio è la ridotta risposta neutralizzante osservata verso il 20H/501Y. V2 in soggetti completamente immunizzati con il vaccino BNT162b2 rispetto al wild type e 20I/501Y. Variante V1.”

26. Canaday, 2021 ha esaminato una significativa riduzione dell’immunità umorale tra gli operatori sanitari e i residenti delle case di cura 6 mesi dopo la vaccinazione contro l’mRNA COVID-19 BNT162b2, riportando “I livelli anti-picco, anti-RBD e neutralizzazione sono diminuiti di oltre l’84% in 6 mesi in tutti i gruppi indipendentemente dalla precedente infezione da SARS-CoV-2. A 6 mesi dopo il vaccino, il 70% dei residenti NH naïve all’infezione aveva titoli di neutralizzazione pari o inferiori al limite inferiore di rilevamento rispetto al 16% a 2 settimane dopo la vaccinazione completa. Questi dati dimostrano una significativa riduzione dei livelli di anticorpi in tutti i gruppi. In particolare, quei residenti NH naïve all’infezione avevano immediatamente un’immunità umorale post-vaccinazione iniziale più bassa e hanno mostrato i maggiori cali 6 mesi dopo.

27. Israele, 2021 ha esaminato uno studio su larga scala sul decadimento del titolo anticorpale a seguito del vaccino mRNA BNT162b2 o dell’infezione da SARS-CoV-2 e ha riferito come “Per determinare la cinetica degli anticorpi SARS-CoV-2 IgG dopo la somministrazione di due dosi di vaccino BNT162b2 o infezione da SARS-CoV-2 in individui non vaccinati … Nei soggetti vaccinati, i titoli anticorpali sono diminuiti fino al 40% ogni mese successivo, mentre nei convalescenti sono diminuiti di meno del 5% al mese. Sei mesi dopo la vaccinazione BNT162b2 il 16,1% dei soggetti aveva livelli di anticorpi inferiori alla soglia di sieropositività di <50 UA / mL, mentre solo il 10,8% dei pazienti convalescenti era al di sotto della soglia di <50 UA / mL dopo 9 mesi dall’infezione da SARS-CoV-2”.

28. Eyran, 2020 ha esaminato La cinetica longitudinale degli anticorpi in COVID-19 ha recuperato i pazienti per oltre 14 mesi e ha trovato “un decadimento significativamente più veloce nei vaccinati rispetto ai pazienti recuperati suggerendo che la memoria sierologica dopo l’infezione naturale è più robusta rispetto alla vaccinazione. I nostri dati evidenziano le differenze tra la memoria sierologica indotta dall’infezione naturale e la vaccinazione”.

29. Salvatore et al. hanno esaminato il potenziale di trasmissione di persone vaccinate e non vaccinate infettate con la variante SARS-CoV-2 Delta in una prigione federale, luglio-agosto 2021. Hanno scoperto che un totale di 978 campioni sono stati forniti da 95 partecipanti, “di cui 78 (82%) sono stati completamente vaccinati e 17 (18%) non sono stati completamente vaccinati … i medici e gli operatori della sanità pubblica dovrebbero considerare le persone vaccinate che si infettano con SARS-CoV-2 non meno infettive delle persone non vaccinate”.

30) Andeweg et al. hanno analizzato 28.578 campioni sequenziati di SARS-CoV-2 da individui con status immunitario noto ottenuti attraverso test della comunità nazionale nei Paesi Bassi da marzo ad agosto 2021. Hanno trovato prove di un “aumentato rischio di infezione da parte delle varianti Beta (B.1.351), Gamma (P.1) o Delta (B.1.617.2) rispetto alla variante Alpha (B.1.1.7) dopo la vaccinazione. Non sono state trovate chiare differenze tra i vaccini. Tuttavia, l’effetto è stato maggiore nei primi 14-59 giorni dopo la vaccinazione completa rispetto ai 60 giorni e oltre. In contrasto con l’immunità indotta dal vaccino, non è stato riscontrato alcun aumento del rischio di reinfezione con varianti Beta, Gamma o Delta rispetto alla variante Alpha in individui con immunità indotta da infezioni.

31) Di Fusco et al. hanno condotto una valutazione delle infezioni rivoluzionarie da vaccino COVID-19 tra i pazienti immunocompromessi completamente vaccinati con BNT162b2. “Le infezioni rivoluzionarie da vaccino COVID-19 sono state esaminate in individui IC completamente vaccinati (≥14 giorni dopo la 2a dose) (coorte IC), 12 gruppi di condizioni IC che si escludono a vicenda e una coorte non IC”. Hanno scoperto che “di 1.277.747 individui di età ≥16 anni che hanno ricevuto 2 dosi di BNT162b2, 225.796 (17,7%) sono stati identificati come IC (età mediana: 58 anni; 56,3% femmine). Le condizioni IC più diffuse erano tumori maligni solidi (32,0%), malattie renali (19,5%) e condizioni reumatologiche/infiammatorie (16,7%). Tra le coorti IC e non IC completamente vaccinate, sono state osservate un totale di 978 infezioni rivoluzionarie durante il periodo di studio; 124 (12,7%) hanno portato al ricovero in ospedale e 2 (0,2%) sono stati decessi ospedalieri. Gli individui IC rappresentavano il 38,2% (N = 374) di tutte le infezioni rivoluzionarie, il 59,7% (N = 74) di tutti i ricoveri e il 100% (N = 2) dei decessi ospedalieri. La proporzione con infezioni rivoluzionarie era 3 volte superiore nella coorte IC rispetto alla coorte non IC (N = 374 [0,18%] vs N = 604 [0,06%]; i tassi di incidenza non rettificati erano rispettivamente 0,89 e 0,34 per 100 persone-anno.

32) Mallapaty (NATURE) ha riferito che l’effetto protettivo di essere vaccinati se si ha già avuto l’infezione è “relativamente basso e diminuisce in modo allarmante a tre mesi dopo la ricezione della seconda dose “. Mallapaty aggiunge inoltre che le persone infette da Delta hanno circa gli stessi livelli di materiali genetici virali nel naso “indipendentemente dal fatto che siano state precedentemente vaccinate, suggerendo che le persone vaccinate e non vaccinate potrebbero essere ugualmente infettive”. Mallapaty ha riportato i dati dei test di 139.164 contatti stretti di 95.716 persone infette da SARS-CoV-2 tra gennaio e agosto 2021 nel Regno Unito e in un momento in cui le varianti Alpha e Delta erano in competizione per il dominio. La scoperta è stata che “sebbene i vaccini offrissero una certa protezione contro l’infezione e la trasmissione successiva, Delta ha smorzato tale effetto. Una persona che è stata completamente vaccinata e poi ha avuto un’infezione Delta “rivoluzionaria” aveva quasi il doppio delle probabilità di trasmettere il virus rispetto a qualcuno che è stato infettato da Alpha. E questo era in cima al rischio più elevato di avere un’infezione rivoluzionaria causata da Delta rispetto a una causata da Alpha. “

33) Chia et al. hanno riferito che i valori di soglia del ciclo PCR (Ct) erano “simili tra i gruppi vaccinati e non vaccinati alla diagnosi, ma le cariche virali diminuivano più velocemente negli individui vaccinati. Nei pazienti vaccinati è stato osservato un aumento precoce e robusto degli anticorpi anti-proteina spike, tuttavia, questi titoli erano significativamente più bassi rispetto a B.1.617.2 rispetto al ceppo vaccinale wildtype.

34) Wilhelm et al. hanno riportato una ridotta neutralizzazione della variante dell’omicrone SARS-CoV-2 da parte dei sieri vaccinali e degli anticorpi monoclonali. “I risultati in vitro che utilizzano autentiche varianti di SARS-CoV-2 indicano che, a differenza della variante Delta attualmente circolante, l’efficacia di neutralizzazione dei sieri provocati dal vaccino contro Omicron è stata gravemente ridotta evidenziando l’immunità mediata dalle cellule T come barriera essenziale per prevenire COVID-19 grave”.

35) CDC ha riferito sui dettagli per 43 casi di COVID-19 attribuiti alla variante Omicron. Hanno scoperto che “34 (79%) si sono verificati in persone che hanno completato la serie primaria di un vaccino COVID-19 autorizzato o approvato dalla FDA ≥14 giorni prima dell’insorgenza dei sintomi o della ricezione di un risultato positivo del test SARS-CoV-2”.

36) Dejnirattisai et al. hanno presentato titoli di neutralizzazione dal vivo contro la variante SARS-CoV-2 Omicron e li hanno esaminati rispetto alla neutralizzazione rispetto alle varianti Victoria, Beta e Delta. Hanno riportato un calo significativo dei “titoli di neutralizzazione nei destinatari di entrambi i corsi primari AZD1222 e BNT16b2, con prove di alcuni destinatari che non sono riusciti a neutralizzare affatto”.

37) Cele et al. hanno valutato se la variante Omicron sfugge alla neutralizzazione anticorpale “suscitata dal vaccino mRNA Pfizer BNT162b2 in persone che sono state vaccinate solo o vaccinate e precedentemente infettate”. Hanno riferito che la variante Omicron “richiedeva ancora il recettore ACE2 per infettare, ma aveva un’ampia fuga di Pfizer che ha suscitato la neutralizzazione”.

38) Holm Hansen et al.» Lo studio danese ha esaminato l’efficacia del vaccino contro l’infezione da SARS-CoV-2 con le varianti Omicron o Delta a seguito di una serie di vaccinazioni BNT162b2 o mRNA-1273 a due dosi o di richiamo. Un risultato chiave è stato riportato come “VE contro Omicron era del 55,2% inizialmente dopo la vaccinazione primaria BNT162b2, ma è diminuito rapidamente in seguito. Sebbene stimato con minore precisione, VE contro Omicron dopo la vaccinazione primaria con mRNA-1273 ha indicato in modo simile un rapido declino della protezione. In confronto, entrambi i vaccini hanno mostrato una protezione più elevata e più duratura contro Delta”. In altre parole, il vaccino che ha fallito contro Delta è ancora peggio per Omicron.

39) I rapporti del Regno Unito hanno dimostrato che i booster proteggono dal COVID-19 sintomatico causato da Omicron per circa 10 settimane; la UK Health Security Agency ha riferito che la protezione contro il COVID-19 sintomatico causato dalla variante è scesa dal 70% al 45% a seguito di un booster Pfizer per coloro che inizialmente sono stati vaccinati con il vaccino sviluppato da Pfizer con BioNTech. Tra coloro che hanno ricevuto un ciclo primario di AstraZeneca, l’efficacia del vaccino è stata di circa il 60% da 2 a 4 settimane dopo un richiamo Pfizer o Moderna, quindi è scesa al 35% con un booster Pfizer e al 45% con un booster Moderna entro 10 settimane dopo il richiamo. Tra coloro che hanno ricevuto un ciclo primario Pfizer, l’efficacia del vaccino è stata di circa il 70% dopo un richiamo Pfizer, scendendo al 45% dopo oltre 10 settimane ed è rimasta intorno al 70-75% dopo un richiamo Moderna fino a 9 settimane dopo il richiamo.

40) Buchan et al. ha utilizzato un disegno negativo al test per valutare l’efficacia del vaccino contro le varianti OMICRON o DELTA (indipendentemente dai sintomi o dalla gravità) durante il 22 novembre e il 19 dicembre 2021. Includevano persone che avevano ricevuto almeno 2 dosi di vaccino COVID-19 (con almeno 1 dose di vaccino a mRNA per la serie primaria) e hanno applicato un’analisi di modellazione della regressione logistica multivariabile per “stimare l’efficacia di due o tre dosi nel tempo dall’ultima dose”. Hanno incluso 3.442 casi Omicron-positivi, 9.201 casi Delta-positivi e 471.545 controlli negativi al test. Dopo 2 dosi, “l’efficacia del vaccino contro l’infezione Delta è diminuita costantemente nel tempo, ma è tornata al 93% (IC 95%, 92-94%) ≥7 giorni dopo aver ricevuto un vaccino a mRNA per la terza dose. Al contrario, la ricezione di 2 dosi di vaccini COVID-19 non era protettiva contro Omicron. L’efficacia del vaccino contro Omicron è stata del 37% (IC 95%, 19-50%) ≥7 giorni dopo aver ricevuto un vaccino a mRNA per la terza dose”.

41) Public Health Scotland COVID-19 & Winter Statistical Report (data di pubblicazione: 19 gennaio 2022) ha fornito dati sorprendenti a pagina 38 (tassi di casi), pagina 44 (ospedalizzazione) e pagina 50 (decessi), dimostrando che la vaccinazione ha fallito Delta ma criticamente, sta fallendo omicron.

42) Il rapporto di sorveglianza del vaccino COVID-19 del Regno Unito La settimana 3, 20 gennaio 2022, solleva preoccupazioni molto serie per il fallimento dei vaccini su Delta (che è fondamentalmente ora sostituito da omicron per dominanza) e omicron.

43) Nei recenti rapporti di sorveglianza della sanità pubblica del Regno Unito Settimana 9Settimana 8, così come settimana 7 (Rapporto di sorveglianza del vaccino COVID-19 nel Regno Unito Settimana 7 17 febbraio 2022), settimana 6 (rapporto di sorveglianza del vaccino COVID-19 Settimana 6 10 febbraio 2022) e settimana 5 per il 2022 (rapporto di sorveglianza del vaccino COVID-19 Settimana 5 3 febbraio 2022) e settimana 5 per il 2022 (rapporto di sorveglianza del vaccino COVID-19 Settimana 5 3 febbraio 2022) ) così come i rapporti accumulati per il 2021 dal lancio del vaccino, vediamo che i vaccinati sono a più alto rischio di infezione e soprattutto per le fasce di età sopra i 18 anni, così come il ricovero in ospedale e persino la morte. Questo è particolarmente marcato per coloro che ricevono doppie vaccinazioni. C’è un aumentato rischio di morte per coloro che sono triplo vaccinati e soprattutto con l’aumentare dell’età. Lo stesso schema emerge nei dati scozzesi.

44.) Regev-Yochay et al. in Israele ha osservato (data di pubblicazione 16 marzo 2022) l’immunogenicità e la sicurezza di una quarta dose di BNT162b2 (Pfizer-BioNTech) o mRNA-1273 (Moderna) somministrati 4 mesi dopo la terza dose in una serie di tre dosi di BNT162b2). Questo è stato uno studio clinico in aperto, non randomizzato, che ha valutato la quarta dose in termini di necessità oltre la terza dose. Tra i 1050 operatori sanitari idonei arruolati nella coorte Sheba HCW COVID-19, 154 hanno ricevuto la quarta dose di BNT162b2 e, 1 settimana dopo, 120 hanno ricevuto mRNA-1273. Per ciascun partecipante, sono stati selezionati due controlli di pari età tra i restanti partecipanti ammissibili.

I ricercatori hanno inoltre riferito che “nel complesso, il 25,0% dei partecipanti al gruppo di controllo è stato infettato dalla variante omicron, rispetto al 18,3% dei partecipanti nel gruppo BNT162b2 e al 20,7% di quelli nel gruppo mRNA-1273. L’efficacia del vaccino contro qualsiasi infezione da SARS-CoV-2 è stata del 30% (intervallo di confidenza al 95% [CI], da -9 a 55) per BNT162b2 e dell’11% (IC 95%, da -43 a 44) per mRNA-1273… la maggior parte dei partecipanti infetti erano potenzialmente infettivi, con cariche virali relativamente elevate (soglia del ciclo del gene nucleocapside, ≤25)”. I risultati suggeriscono che l’immunogenicità massima dei vaccini a mRNA si ottiene dopo tre dosi. Più specificamente, i ricercatori “hanno osservato una bassa efficacia del vaccino contro le infezioni negli operatori sanitari, nonché cariche virali relativamente elevate suggerendo che coloro che sono stati infettati erano infettivi. Pertanto, una quarta vaccinazione di giovani operatori sanitari sani può avere solo benefici marginali».

45.) Andrews et al. hanno utilizzato un disegno caso-controllo negativo al test per stimare l’efficacia del vaccino contro la malattia sintomatica causata dalle varianti omicron e delta (B.1.617.2) in Inghilterra. “L’efficacia del vaccino è stata calcolata dopo l’immunizzazione primaria con due dosi di vaccino BNT162b2 (Pfizer-BioNTech), ChAdOx1 nCoV-19 (AstraZeneca) o mRNA-1273 (Moderna) e dopo una dose di richiamo di BNT162b2, ChAdOx1 nCoV-19 o mRNA-1273.” I risultati hanno mostrato che l’immunizzazione con due dosi di vaccino ChAdOx1 nCoV-19 o BNT162b2 ha dato una protezione molto limitata contro la malattia sintomatica causata dalla variante omicron. “Un booster BNT162b2 o mRNA-1273 dopo il corso primario ChAdOx1 nCoV-19 o BNT162b2 ha sostanzialmente aumentato la protezione, ma tale protezione è diminuita nel tempo”.

46) Hoffmann et al. hanno pubblicato sulla rivista CELL che la proteina spike OMICRON (antigene) ha eluso la neutralizzazione da parte di anticorpi da “pazienti convalescenti o individui vaccinati con il vaccino BioNTech-Pfizer (BNT162b2) con un’efficienza da 12 a 44 volte superiore rispetto al picco della variante Delta. La neutralizzazione del picco di Omicron da parte di anticorpi indotti dalla vaccinazione eterologa ChAdOx1 (Astra Zeneca-Oxford) / BNT162b2 con tre dosi di BNT162b2 era più efficiente, ma il picco di Omicron eludeva ancora la neutralizzazione in modo più efficiente del picco Delta. ” Nel complesso, i risultati hanno mostrato che la maggior parte degli anticorpi terapeutici sarà inefficace contro la variante Omicron e, in modo allarmante, che la doppia inoculazione con BNT162b2 (Pfizer) potrebbe non “proteggere adeguatamente contro la malattia grave indotta da questa variante”.

47) Bar-on et al. pubblicati in NEJM con il titolo: Protezione da una quarta dose di BNT162b2 contro Omicron in Israele. Hanno valutato il database del Ministero della Salute israeliano e hanno raccolto dati su 1.252.331 persone di età pari o superiore a 60 anni e idonee per la quarta dose durante un periodo in cui la variante B.1.1.529 (omicron) di SARS-CoV-2 era predominante (dal 10 gennaio al 2 marzo 2022). L’analisi si è concentrata sul tasso di infezione confermata e Covid-19 grave in funzione del tempo a partire da 8 giorni dopo il ricevimento di una quarta dose (gruppi a quattro dosi) rispetto a quello tra le persone che avevano ricevuto solo tre dosi (gruppo a tre dosi) e tra le persone che avevano ricevuto una quarta dose da 3 a 7 giorni prima (gruppo di controllo interno).

I principali risultati che sottolineano il fallimento della quarta dose: “Confrontando il rapporto di velocità nel tempo dalla quarta dose (Figura 2) suggerisce che la protezione contro l’infezione confermata con la variante omicron raggiunge un massimo nella quarta settimana dopo la vaccinazione, dopo di che il rapporto di velocità diminuisce a circa 1,1 entro l’ottava settimana; questi risultati suggeriscono che la protezione contro l’infezione confermata diminuisce rapidamente … Il tasso aggiustato di infezione nell’ottava settimana dopo la quarta dose era molto simile a quello dei gruppi di controllo; il rapporto di velocità per il gruppo a tre dosi rispetto al gruppo a quattro dosi era 1,1 (IC al 95%, da 1,0 a 1,2) e il rapporto di tasso per il gruppo di controllo interno rispetto al gruppo a quattro dosi era solo 1,0 (IC al 95%, da 0,9 a 1,1).” Questi risultati non indicano alcuna differenza.

48. Durata del vaccino BNT162b2 contro i ricoveri ospedalieri e di pronto soccorso a causa delle varianti omicron e delta in un grande sistema sanitario negli Stati Uniti: uno studio caso-controllo negativo al test, Tartof, 2022. I ricercatori hanno valutato l’efficacia e la durata di due e tre dosi del vaccino mRNA BNT162b2 (Pfizer-BioNTech) contro i ricoveri ospedalieri e di pronto soccorso dovuti alle varianti delta (B.1.617.2) e omicron; uno studio caso-controllo con un design test-negativo, analizzando le cartelle cliniche elettroniche dei membri di Kaiser Permanente Southern California (KPSC), un grande sistema sanitario integrato in California, USA, dal 1 ° dicembre 2021 al 6 febbraio 2022; “Sono state effettuate analisi per 11 123 ricoveri ospedalieri o di pronto soccorso. Nelle analisi aggiustate, l’efficacia di due dosi del vaccino BNT162b2 contro la variante omicron è stata del 41% (IC 95% 21-55) contro il ricovero ospedaliero e del 31% (16-43) contro il ricovero al pronto soccorso a 9 mesi o più dopo la seconda dose”; i ricercatori hanno anche riferito che “3 mesi dopo aver ricevuto una terza dose, il calo era evidente contro gli esiti di SARS-CoV-2 a causa della variante dell’omicrone, incluso il ricovero ospedaliero”.

49. Laith J. Abu-Raddad et al. (maggio 2022): “Effetto dei richiami del vaccino mRNA contro l’infezione da omicron SARS-CoV-2 in Qatar”; come vediamo, il vaccino ha fallito, VE è <50% (la soglia necessaria) e “0” decessi; “Due studi di coorte retrospettivi abbinati per valutare l’efficacia della vaccinazione di richiamo, rispetto a quella di una serie primaria a due dosi da sola, contro l’infezione sintomatica da SARS-CoV-2 e l’ospedalizzazione e la morte correlate a Covid-19 durante una grande ondata di infezioni da omicron dal 19 dicembre 2021 al 26 gennaio 2022. L’associazione dello stato di richiamo con l’infezione è stata stimata con l’uso di modelli di regressione dei rischi proporzionali di Cox”. Come vediamo, il vaccino ha fallito, VE è <50% (la soglia necessaria) e “0” decessi.

I risultati chiave sono i seguenti per dimostrare che i vaccini non raggiungono la soglia del 50% per l’efficacia:

Efficacia di BNT162b2 Booster contro la variante Omicron

“L’efficacia stimata del booster BNT162b2 (Pfizer) contro l’infezione sintomatica da omicron, rispetto a quella della serie primaria a due dosi, è stata del 49,4% (IC 95%, da 47,1 a 51,6).”

Efficacia di mRNA-1273 Booster contro la variante Omicron

“L’efficacia stimata del booster mRNA-1273 (Moderna), rispetto a quella della serie primaria a due dosi, era del 47,3% (IC 95%, da 40,7 a 53,3).”

Analisi aggiuntive

“Per l’analisi del vaccino BNT162b2, con l’inizio del follow-up il 15 ° giorno dopo la vaccinazione di richiamo, l’efficacia stimata del richiamo contro l’infezione sintomatica da omicron, rispetto a quella della serie primaria a due dosi, è stata del 49,9% (IC 95%, da 47,6 a 52,2) (Fig. S2 e Tabella S4). La corrispondente efficacia stimata del vaccino mRNA-1273 era del 52,0% (IC 95%, da 45,1 a 57,9). Entrambe le stime di efficacia erano simili a quelle dell’analisi principale.

L’efficacia stimata del richiamo del vaccino BNT162b2 contro l’infezione sintomatica da omicron, rispetto a quella della serie primaria a due dosi, è stata del 38,0% (IC 95%, da 28,8 a 46,0) nelle persone che hanno ricevuto il richiamo 8 mesi o meno dopo la seconda dose e del 50,5% (IC 95%, da 48,2 a 52,8) in coloro che lo hanno ricevuto più di 8 mesi dopo la seconda dose. Le stime corrispondenti dell’efficacia del vaccino mRNA-1273 erano del 41,5% (IC 95%, da 32,3 a 49,5) e del 56,8% (IC 95%, da 47,0 a 64,8).

50. Fleming-Dutra et al. hanno esaminato l’associazione della precedente vaccinazione BNT162b2 COVID-19 con infezione sintomatica da SARS-CoV-2 nei bambini e negli adolescenti durante la predominanza omicron. Hanno utilizzato uno studio caso-controllo negativo al test condotto da dicembre 2021 a febbraio 2022 durante la predominanza della variante Omicron che includeva 121 952 test da siti in tutti gli Stati Uniti, l’efficacia stimata del vaccino contro l’infezione sintomatica per i bambini da 5 a 11 anni di età era del 60,1% da 2 a 4 settimane dopo la dose 2 e del 28,9% durante il mese 2 dopo la dose 2. Tra gli adolescenti di età compresa tra 12 e 15 anni, l’efficacia stimata del vaccino è stata del 59,5% da 2 a 4 settimane dopo la dose 2 e del 16,6% durante il mese 2 (vedere Figura 2). Hanno concluso che “tra i bambini e gli adolescenti, l’efficacia stimata del vaccino per 2 dosi di BNT162b2 contro l’infezione sintomatica è diminuita rapidamente”. Vediamo VE scendere al di sotto di 0 a circa 4,5 mesi.

51. Lassaunière et al: Anticorpi neutralizzanti contro la variante dell’omicron SARS-CoV-2 (BA.1) da 1 a 18 settimane dopo la seconda e la terza dose del vaccino mRNA BNT162b2″” Il nostro studio ha rilevato un rapido declino dei titoli anticorpali neutralizzanti del siero Omicron-specific solo poche settimane dopo la seconda e la terza dose di BNT162b2 … la diminuzione osservata dei titoli anticorpali neutralizzanti la popolazione corrisponde alla diminuzione dell’efficacia del vaccino contro la reazione a catena della polimerasi – confermata infezione da Omicron in Danimarca e infezione sintomatica da Omicron nel Regno Unito … Nel loro insieme, le risposte anticorpali protettive indotte dal vaccino dopo una seconda e terza dose di BNT162b2 sono transitorie e possono essere necessarie dosi di richiamo aggiuntive, in particolare nelle persone anziane; tuttavia, l’immunità delle cellule T conservata e gli anticorpi non neutralizzanti possono ancora fornire protezione contro l’ospedalizzazione e la morte”.


Ciò che questi studi dimostrano, è che i vaccini sono importanti per ridurre le malattie gravi e la morte, ma incapaci di prevenire la diffusione della malattia e alla fine infettare la maggior parte di noi. Cioè, mentre i vaccini forniscono benefici individuali al vaccinato, e in particolare alle persone anziane ad alto rischio, il beneficio pubblico della vaccinazione universale è in grave dubbio. Pertanto, non ci si dovrebbe aspettare che i vaccini Covid contribuiscano a eliminare la diffusione comune del virus o il raggiungimento dell’immunità di gregge. Questo fa crollare i presupposti per gli obblighi e i passaporti vaccinali.

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Il “vaccino contro le varianti” è impossibile e metterà in pericolo gli individui naturalmente immuni

Read Next

BREAKING: FDA autorizza le dosi di “richiamo” Covid per i bambini dai 5 agli 11 anni, nonostante l’efficacia “molto bassa” e i rischi noti