• Giugno 26, 2022

15 studi che indicano che l’immunità naturale da precedenti infezioni è più robusta dei vaccini COVID

Il dibattito sulla vaccinazione forzata con un vaccino dall’efficacia sempre più calante, sta nascendo proprio nel momento in cui dovrebbe accendersi su altre tematiche.

Tra i messaggi più discutibili c’è quello di forzare la vaccinazione su coloro che hanno sviluppato precedente infezione, che hanno cioè un maggiore grado di protezione contro tutte le varianti del virus rispetto a chi si è sottoposto a uno qualsiasi dei vaccini.

È tempo di mettere le cose in chiaro una volta per tutte.

L’immunità naturale al SARS-CoV-2 è più ampia, più efficace e più duratura di qualsiasi vaccino sul mercato oggi.

La politica mondiale deve tener conto di questa realtà.

Sembrerebbe quasi superfluo rimarcarlo ora che anche i governi ammettono che l’immunità dai vaccini, in particolare dal vaccino Pfizer, diminuisce ogni mese.

Con i ricercatori della Mayo Clinic che suggeriscono, sulla base di vecchi dati che probabilmente sono peggiorati ulteriormente da allora, che l’efficacia di Pfizer contro l’infezione sia solo del 42%, non c’è motivo di tentare di confrontare questo tipo di immunità indotta con l’immunità quasi perfetta dell’infezione naturale, anche contro la variante Delta. Dovrebbe essere ovvio per qualsiasi persona intellettualmente onesta che un individuo immunizzato da precedente infezione è più sicuro in temini di diffusione del contagio rispetto a qualcuno che si è sottoposto a vaccinazione ma non ha sviluppato l’infezione in precedenza.

Inoltre, una parte significativa della popolazione è già stata infettata ed ha quindi sviluppato immunità naturale esattamente , come è avvenuto in India .

Alcuni studi hanno dimostrato che i soggetti che hanno sviluppato infezione precedente, hanno probabilità 4,4 volte maggiori di effetti collaterali clinicamente significativi dopo la vaccinazione con vaccini a mRNA. Pertanto, è tanto scandaloso quanto inutile vaccinare i guariti da precedente infezione, anche per i più ferrei sostenitori delle vaccinazioni di massa.

A tal fine è importante chiarire una volta per tutte, sulla base dell’attuale letteratura accademica, che gli individui con immunità naturale sono molto più protetti individualmente e sicuri in termini di diffusione del contagio, rispetto a quelli vaccinati.

Ecco solo un piccolo elenco di alcuni degli studi più recenti, che dimostrano l’efficacia dell’immunità naturale – anche da infezioni lievi :

1) Università di New York, 3 maggio 2021

Gli autori hanno studiato il contrasto tra l’immunità da vaccino e l’immunità da infezione precedente in relazione alla stimolazione dell’immunità innata delle cellule T, che è più duratura dell’immunità adattativa attraverso i soli anticorpi. Hanno concluso: “Nei pazienti COVID-19, le risposte immunitarie erano caratterizzate da una risposta all’interferone altamente aumentata che era in gran parte assente nei destinatari del vaccino. L’aumento della segnalazione dell’interferone probabilmente ha contribuito alla drammatica sovraregolazione osservata dei geni citotossici nelle cellule T periferiche e nei linfociti innati nei pazienti ma non nei soggetti immunizzati“.

Lo studio osserva inoltre: “L’analisi dei repertori dei recettori delle cellule B e T ha rivelato che mentre la maggior parte delle cellule B e T clonali nei pazienti COVID-19 erano cellule emotrici, nei destinatari del vaccino le cellule clonalmente espanse erano principalmente cellule di memoria circolanti“. Ciò significa in parole povere che le cellule emotrici innescano una risposta innata che è più rapida e duratura, mentre la risposta della memoria richiede una modalità adattativa che è più lenta a rispondere. L’immunità naturale trasmette un’immunità innata, mentre il vaccino stimola principalmente l’immunità adattativa.

2) Washington University, St. Louis, Missouri, 24 maggio 2021, pubblicato su Nature

I media hanno terrorizzato la popolazione facendo credere che se i livelli di anticorpi diminuiscono, l’immunità si indebolisca, come stiamo effettivamente vedendo con i vaccini oggi. Ma come ha scritto Nature, “Le persone che guariscono [anche] da COVID-19 lieve hanno cellule del midollo osseo che possono produrre anticorpi per decenni”. Pertanto, a parte la robusta memoria delle cellule T che probabilmente manca alla maggior parte o a tutti gli individui vaccinati, l’infezione precedente crea cellule B di memoria che “pattugliano il sangue per la reinfezione, mentre le plasmacellule del midollo osseo (BMPC) si nascondono nelle ossa, producendo anticorpi per decenni” secondo necessità.

Non sorprende quindi che all’inizio della pandemia, uno studio in vitro a Singapore abbia scoperto immunità contro SARS-CoV-2 in pazienti guariti da SARS-1 che non hanno mai contratto COVID-19.

3) Cleveland Clinic, 19 giugno 2021

In uno studio su 1.359 operatori sanitari precedentemente infettati, nel sistema della Cleveland Clinic, nessuno di loro è stato reinfettato 10 mesi dopo la pandemia, nonostante alcuni di questi individui avessero continui contatti con pazienti COVID-positivi.

4) Fred Hutchinson Cancer Research Center, Seattle/Emory University, Washington, 14 luglio 2021, pubblicato su Cell Medicine

Lo studio ha rilevato che la maggior parte dei pazienti guariti ha prodotto anticorpi durevoli, cellule B di memoria e cellule T CD4 e CD8 polifunzionali durevoli, che colpiscono più parti del virus. “Nel loro insieme, questi risultati suggeriscono che un’immunità ampia ed efficace può persistere a lungo termine nei pazienti COVID-19 guariti“, hanno concluso gli autori. In altre parole, a differenza dei vaccini, non sono necessari richiami per aiutare l’immunità naturale.

5) Università della California, Irvine, 21 luglio 2021

Gli autori concludono: “L’espansione indotta dall’infezione naturale di cloni di cellule T CD8 più grandi occupava cluster distinti, probabilmente a causa del riconoscimento di un insieme più ampio di epitopi virali presentati dal virus non visto nel vaccino mRNA”(enfasi aggiunta).

6) Università della California, San Francisco, 12 maggio 2021

Conclusione: “Negli individui naïve alle infezioni, la seconda dose ha aumentato la quantità ma non la qualità della risposta delle cellule T, mentre nei convalescenti la seconda dose non ha aiutato né l’una né l’altra. Le cellule T spike-specifiche dei vaccini convalescenti differivano in modo sorprendente da quelle dei vaccinati naïve alle infezioni, con caratteristiche fenotipiche che suggeriscono una persistenza a lungo termine superiore e la capacità di raggiungere le vie respiratorie, incluso il rinofaringe.”

Dato che sappiamo che il virus si diffonde attraverso il rinofaringe, il fatto che l’infezione naturale trasmetta un’immunità mucosale molto più forte rende chiaro che i precedentemente infetti sono molto più sicuri di essere in giro rispetto alle persone naïve all’infezione con il vaccino. Il fatto che questo studio abbia abilmente formulato le scelte tra persone ingenue vaccinate e vaccinate guarite piuttosto che semplicemente recuperate non cambia il fatto che è l’infezione precedente, non il vaccino, a trasmettere l’immunità della mucosa. In effetti, gli studi ora dimostrano che le persone vaccinate infette contengono la stessa carica virale nel rinofaringe di quelle non vaccinate, una conclusione chiaramente inequivocabile del virus che si diffonde selvaggiamente in molte aree con quasi tutti gli adulti vaccinati.

7) Ricercatori israeliani, 22 agosto 2021

A parte una più robusta immunità delle cellule T e delle cellule B della memoria, che è più importante dei livelli di anticorpi, i ricercatori israeliani hanno scoperto che gli anticorpi diminuiscono più lentamente tra quelli con precedente infezione. “Nei soggetti vaccinati, i titoli anticorpali sono diminuiti fino al 40% ogni mese successivo, mentre nei convalescenti sono diminuiti di meno del 5% al mese”.

8) Ricercatori irlandesi, pubblicato su Wiley Review, 18 maggio 2021

I ricercatori hanno condotto una revisione di 11 studi di coorte con oltre 600.000 pazienti COVID guariti totali che sono stati seguiti per oltre 10 mesi. La scoperta chiave? A differenza del vaccino, dopo circa quattro-sei mesi, non hanno trovato “nessuno studio che riporti un aumento del rischio di reinfezione nel tempo”.

9) Cornell University, Doha, Qatar, pubblicato su Lancet, 27 aprile 2021

Questo è uno dei pochi studi che ha analizzato il rischio di reinfezione a livello di popolazione basato sul sequenziamento dell’intero genoma in un sottogruppo di pazienti con prove a sostegno della reinfezione. I ricercatori stimano il rischio a 0,66 per 10.000 persone-settimana. Ancora più importante, lo studio non ha trovato prove di calo dell’immunità per oltre sette mesi del periodo di follow-up. Le poche reinfezioni che si sono verificate “erano meno gravi delle infezioni primarie” e “solo una reinfezione era grave, due erano moderate e nessuna era critica o fatale”. Inoltre, a differenza di molte infezioni rivoluzionarie vaccinate nelle ultime settimane che sono state molto sintomatiche, “la maggior parte delle reinfezioni sono state diagnosticate incidentalmente attraverso test casuali o di routine o attraverso il tracciamento dei contatti”.

10) Ricercatori israeliani, 24 aprile 2021

Diversi mesi fa, i ricercatori israeliani hanno studiato 6,3 milioni di israeliani e il loro stato COVID e sono stati in grado di confermare solo un decesso in tutto il paese di qualcuno che presumibilmente aveva già il virus, e aveva più di 80 anni. In contrasto con il torrente di ricoveri e morti che stiamo vedendo in coloro che sono stati vaccinati più di cinque mesi fa in Israele.

11) Ricercatori francesi, 11 maggio 2021

I ricercatori hanno testato campioni di sangue di operatori sanitari che non hanno mai avuto il virus, ma hanno ottenuto sia colpi pfizer contro campioni di sangue da quegli operatori sanitari che avevano una precedente infezione lieve e un terzo gruppo di pazienti che avevano un caso grave di COVID. Hanno scoperto: “Nessuna via di neutralizzazione potrebbe essere temuta per quanto riguarda le due varianti di preoccupazione [Alfa e Beta] in entrambe le popolazioni” di quelle precedentemente infette.

12) Duke-NUS Medical School, Singapore, pubblicato su Journal of Experimental Medicine

Molte persone si chiedono: se hanno avuto solo un’infezione asintomatica, sono meno protetti contro l’infezione futura rispetto a quelli che hanno sofferto di infezione con sintomi più evidenti? Questi ricercatori credono che sia vero il contrario. “Gli individui asintomatici infetti da SARS-CoV-2 non sono caratterizzati da una debole immunità antivirale; al contrario, montano una risposta immunitaria cellulare altamente funzionale specifica del virus”, hanno scritto gli autori dopo aver studiato le risposte delle cellule T da pazienti convalescenti sia sintomatici che asintomatici. Semmai, hanno scoperto che quelli con infezione asintomatica avevano solo segni di citochine non infiammatorie, il che significa che il corpo è pronto ad affrontare il virus senza produrre quella pericolosa risposta infiammatoria che sta uccidendo così tanti ricoverati in ospedale con il virus.

13) Ricercatori coreani, pubblicati su Nature Communications il 30 giugno 2021

Gli autori hanno scoperto che le cellule T create da pazienti convalescenti avevano qualità “simili alle cellule staminali”. Dopo aver studiato le cellule T di memoria specifiche di SARS-CoV-2 in pazienti guariti che avevano il virus in vari gradi di gravità, gli autori hanno concluso che a lungo termine “la memoria delle cellule T specifiche di SARS-CoV-2 viene mantenuta con successo indipendentemente dalla gravità di COVID-19”.

14) Rockefeller University, 29 luglio 2021

I ricercatori osservano che lungi dal soffrire di immunità calante, le cellule B della memoria in quelle con precedente infezione “esprimono anticorpi sempre più ampi e potenti che sono resistenti alle mutazioni trovate nelle varianti di preoccupazione”. Concludono che “gli anticorpi della memoria selezionati nel tempo dall’infezione naturale hanno maggiore potenza e ampiezza rispetto agli anticorpi suscitati dalla vaccinazione”. E ancora, questo è ancora prima di entrare nell’immunità cellulare innata che è esponenzialmente maggiore in quelli con immunità naturale.

15) Ricercatori di Madrid e del Monte Sinai, New York, 22 marzo 2021

Fino ad ora, abbiamo stabilito che l’immunità naturale fornisce migliori risposte adattive delle cellule B e delle cellule T innate che durano più a lungo e funzionano per le varianti rispetto ai vaccini. Inoltre, quelli con infezione precedente sono a maggior rischio di effetti collaterali negativi dai vaccini, rendendo la campagna per vaccinare i precedentemente infetti sia inutile che pericolosa. Ma la domanda finale è: i vaccini possono danneggiare l’immunità superiore delle cellule T accumulata da precedenti infezioni?

Gli immunologi del Monte Sinai a New York e dell’Ospedale La Paz di Madrid hanno sollevato serie preoccupazioni. In una scoperta scioccante dopo aver monitorato un gruppo di persone vaccinate sia con che senza precedente infezione, hanno scoperto che “in individui con un’immunità preesistente contro SARS-CoV-2, la seconda dose di vaccino non solo non riesce ad aumentare l’immunità umorale, ma determina una contrazione della risposta delle cellule T spike-specific”. Notano inoltre che altre ricerche hanno dimostrato che “la seconda dose di vaccinazione sembra esercitare un effetto dannoso nell’entità complessiva della risposta umorale specifica del picco negli individui guariti da COVID-19”.https://playlist.megaphone.fm/?e=BMDC2082011822#amp=1

Già il 27 marzo, tra le molte dichiarazioni accurate che il dottor Fauci ha fatto prima di diventare un animale politico, ha dichiarato di essere “davvero fiducioso” nell’immunità conferita da una precedente infezione. Questo è stato molto prima di 17 mesi di dati e dozzine di studi lo hanno confermato. Eppure, oggi, ci sono migliaia di medici e infermieri con un’immunità infinitamente migliore di quella che i vaccini possono conferire che stanno perdendo il lavoro durante una crisi del personale per non aver ottenuto i colpi. Sappi solo che la grande bugia sull’immunità naturale è forse la bugia più verificabile, ma probabilmente non è l’unica bugia con conseguenze devastanti che ci viene detto sul virus, sui vaccini e sulle opzioni di trattamento alternative.

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Pfizer chiede l’autorizzazione all’uso per i bambini tra 5 e 11 anni

Read Next

SCANDALO: Pfizer ha nascosto informazioni al pubblico sull’utilizzo di tessuto fetale per sviluppare il vaccino COVID-19,parla un informatore

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.