• Gennaio 27, 2023

Ancora sulla vitamina D: “Efficacia e sicurezza dell’integrazione di vitamina D per prevenire COVID-19 negli operatori sanitari in prima linea”. Nuovo STUDIO

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Sfondo

Le associazioni tra carenza di vitamina D (VD) e rischio di infezione da SARS-CoV-2 sono state documentate in studi trasversali sulla popolazione. Gli studi di intervento in pazienti con COVID-19 da moderato a grave non sono riusciti a documentare in modo coerente un effetto benefico.

Obiettivo

Determinare l’efficacia e la sicurezza della supplementazione di VD nella prevenzione dell’infezione da SARS-CoV-2 in individui altamente esposti.

Metodi

È stato condotto uno studio in doppio cieco, parallelo, randomizzato. Gli operatori sanitari in prima linea di quattro ospedali di Città del Messico, che sono risultati negativi all’infezione da SARS-CoV-2, sono stati arruolati tra il 15 luglio e il 30 dicembre 2020. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 4.000 UI VD (VDG) o placebo (PG) al giorno per 30 d. I test RT-PCR sono stati effettuati al basale e ripetuti se le manifestazioni COVID-19 sono apparse durante il follow-up. I test sierici 25-idrossivitamina D3 e anticorpali sono stati misurati al basale e al giorno 45. Sono state condotte analisi per protocollo e intention-to-treat.

Risultati

Dei 321 soggetti reclutati, 94 VDG e 98 PG hanno completato il follow-up. Il tasso di infezione da SARS-CoV-2 era inferiore in VDG che in PG (6,4 vs 24,5%, p <0,001). Il rischio di contrarre l’infezione da SARS-CoV-2 era inferiore nel VDG rispetto al PG (RR: 0,23; IC 95%: 0,09-0,55) ed era associato a un aumento dei livelli sierici di 25-idrossivitamina D3 (RR: 0,87; IC 95%: 0,82-0,93), indipendentemente dal deficit di VD. Non sono stati identificati eventi avversi significativi.

Conclusioni

I nostri risultati suggeriscono che la supplementazione di VD in individui altamente esposti previene l’infezione da SARS-CoV-2 senza gravi eventi avversi e indipendentemente dallo stato di VD.


LEGGI LO STUDIO COMPLETO: Efficacy and Safety of Vitamin D Supplementation to Prevent COVID-19 in Frontline Healthcare Workers. A Randomized Clinical Trial – ScienceDirect

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

L’OMS trova un potenziale collegamento tra i vaccini COVID-19 e problemi di udito (finalmente)

Read Next

Studio sulle TERAPIE PRECOCI del Comitato Terapia Domiciliare pubblicato sulla rivista American Journal of Biomedical Science and Research. Grimaldi: ” Adesso cosa direte ai parenti dele vittime”?

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock