• Dicembre 5, 2022

Appello pubblicato su “Il Fatto Quotidiano”: “I bambini non siano cavie”

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Alcuni medici, giuristi e altri professionisti hanno pubblicato ieri 3 novembre, su “Il Fatto Quotidiano”, il seguente appello.

Vaccini ai minori di 12 anni: i bambini non siano “cavie”

Gli Stati Uniti si preparano alla vaccinazione di massa dei bambini dai 5 agli 11 anni a partire dai primi di novembre. Il 29 ottobre la Fda ha autorizzato per “uso emergenziale” il vaccino Pzifer-BioNTech nella fascia d’età citata, facendo seguito al voto espresso il 26 ottobre dal Comitato consultivo della Fda che aveva votato all’unanimità (17 voti favorevoli, 1 astenuto) per l’autorizzazione.

In Italia, i media cavalcano la notizia, dipingendo uno scenario simile a quello statunitense non appena anche l’Ema darà il via libera: una campagna che riguarderà 4 milioni di bambini dalle materne alle elementari.

Tutto ok, dunque? Non proprio, dal momento che la decisione se i benefici delle vaccinazioni superino i rischi per i bambini sani è stata particolarmente difficile per i membri della Commissione, dato il rischio decisamente inferiore di contrarre il Covid-19 in forma grave.

Ci sono state rassicurazioni sul fatto che il monitoraggio della sicurezza per gli effetti collaterali rari, inclusa la miocardite, continuerà dopo l’autorizzazione: la stima dei rischi di miocardite e pericardite per la fascia d’età in oggetto è stata estrapolata da una modellizzazione dei dati disponibili per gli adolescenti, non essendoci a disposizione dati.

Lo scorso agosto uscì sul British Journal of Medicine un articolo dal titolo “Una strategia di vaccinazione di protezione mirata: perché le politiche di vaccinazione per il Covid-19 non dovrebbero essere indirizzate ai bambini”, in cui gli studiosi di Oxford invitavano a limitare la vaccinazione ai soli soggetti vulnerabili. Allo stato attuale delle conoscenze infatti è improbabile che i bambini sani possano beneficiare direttamente della vaccinazione Covid-19 o che la loro vaccinazione di massa possa avere una ricaduta collettiva: ricordiamo che sebbene i vaccini anti Covid-19 forniscano una protezione a medio termine (per quel che si sa, a un anno dall’immissione in commercio) contro la malattia grave e la morte, i loro effetti sulla riduzione della trasmissione del contagio sono parziali.

Stando al mero dato numerico, i rischi di malattia grave o di morte da Sars-Cov2 nei bambini e nei giovani sono minimi. John Ioannidis, uno degli epidemiologi più citati al mondo, in un bell’articolo sui vaccini ai bambini ha mostrato che in Italia e in Europa i decessi per Covid-19 nei minori sono pari a circa 3 per milione, i rischi a lungo termine dei nuovi vaccini anti Covid-19 sui bambini sono invece, al momento, sconosciuti.

Vaccinare i bambini nell’interesse di altre persone? Abbiamo già imposto loro costi molto elevati attraverso restrizioni indiscriminate – dai lockdown alla Dad al distanziamento alle mascherine indossate per lunghe ore a scuola – che ne hanno spesso compromesso il benessere psicofisico e la necessaria socialità in una fase cruciale della loro crescita, in una parola la salute intesa in un’accezione più ampia del termine. Senza contare che usare i bambini come mezzo o anche solo come “un mezzo” è scorretto eticamente e legalmente: l’articolo 3 della Convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza nel suo incipit evidenzia che “in tutte le decisioni relative ai fanciulli, di competenza delle istituzioni pubbliche o private di assistenza sociale, dei tribunali, delle autorità amministrative o degli organi legislativi, l’interesse superiore del fanciullo deve essere una considerazione preminente”.

Ricordiamo che, dopo le note vicende legate al criterio anagrafico per la somministrazione di AstraZeneca, recentemente Finlandia, Svezia e Danimarca hanno sospeso l’uso del vaccino Moderna per i giovani. In Svezia, l’agenzia di salute pubblica ne ha sospeso l’uso nelle persone sotto i 30 anni d’età perché ci sono segnali di accresciuto rischio di effetti collaterali (come infiammazione del muscolo cardiaco o del pericardio), in Danimarca nelle persone al di sotto dei 18 anni e in Finlandia nei maschi sotto i 30 anni. Queste modifiche nei protocolli sono avvenute perché gli eventi avversi seri sono rari e possono essere stimati solo con campioni molto ampi. Sono quindi necessari altri studi, possibilmente con campioni di grandi dimensioni nonché un lungo follow-up per avere una stima precisa dei rischi in tutte le fasce d’età e per sesso (con la farmacovigilanza è infatti difficile avere dati certi nel breve periodo). Ci domandiamo e ridomandiamo: che conseguenze nefaste potrebbe avere un ipotetico errore di questo genere su un’intera popolazione in età pediatrica?

Elena Flati, biologa/farmacista; Sara Gandini, epidemiologa/biostatistica; Daniele Novara, pedagogista; Maurizio Matteoli, pediatra; Elena Dragagna, avvocato; Maurizio Rainisio, statistico; Emilio Mordini, psicoanalista; Gilda Ripamonti, giurista; Clementina Sasso, astrofisica; Francesca Capelli, sociologa

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Verona. Sindacato Vigili del Fuoco annuncia sciopero della fame contro il green pass

Read Next

Speranza: “Daremo il green pass a chi ha fatto il vaccino russo e cinese appena riceveranno la terza dose mRNA” . Se sono passati oltre sei mesi dalla seconda iniezione sarà necessaria anche la quarta dose

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock