• Febbraio 7, 2023

Bambini a rischio di problemi di salute per tutta la vita a causa del vaccino COVID

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Mentre i casi di miocardite da vaccino post-COVID esplodono, specialmente tra i ragazzi adolescenti, i medici ci dicono che le affermazioni dei funzionari della sanità pubblica secondo cui il problema cardiaco è “lieve”, rappresenta una “bugia spaventosa”.

Storia a colpo d’occhio:

  • I bambini sono a rischio di problemi di salute potenzialmente permanenti da vaccino. La miocardite (infiammazione cardiaca) è emersa come uno dei problemi più comuni, specialmente tra i ragazzi e i giovani uomini.
  • La miocardite è inversamente correlata all’età, quindi il rischio aumenta quanto più l’età si abbassa. Il rischio è anche dose-dipendente, i ragazzi hanno un rischio sei volte maggiore di miocardite dopo la seconda dose.
  • I dati britannici mostrano che i decessi tra gli adolescenti sono aumentati da quando quella fascia di età è diventata idonea per i vaccini COVID. Tra la settimana che si è conclusa il 26 giugno e la settimana che si è conclusa il 18 settembre 2020, sono stati segnalati 148 decessi tra i 15 ei 19 anni. Durante quelle stesse settimane nel 2021, si sono verificati 217 decessi in quella fascia di età, con un aumento del 47%.

I bambini rischiano danni cardiaci permanenti

A parte il rischio immediato di morte, i bambini sono anche a rischio di problemi di salute potenzialmente permanenti dal vaccino. La miocardite (infiammazione cardiaca) è emersa come uno dei problemi più comuni, specialmente tra i ragazzi e i giovani uomini.

All’inizio di settembre 2021, Tracy Beth Hoeg e colleghi hanno pubblicato un’analisi dei dati VAERS sul server di prestampa medRxiv, mostrando che oltre l’86% dei bambini di età compresa tra 12 e 17 anni che hanno riportato sintomi di miocardite erano abbastanza gravi da richiedere il ricovero in ospedale.

I casi di miocardite esplodono dopo la seconda dose, ha scoperto Hoeg, e colpiscono in modo sproporzionato i ragazzi. Il 90% dei rapporti di miocardite post-vaccino sono maschi e l’85% delle segnalazioni si è verificato dopo la seconda dose. Secondo Hoeg et. al.:

“L’incidenza stimata di CAE [eventi avversi cardiaci] tra i ragazzi di età compresa tra 12 e 15 anni dopo la seconda dose era di 162 per milione – l’incidenza tra i ragazzi di età compresa tra 16 e 17 anni era di 94 per milione. L’incidenza stimata di CAE tra le ragazze era del 13 per milione in entrambe le fasce d’età”.

Senza dubbio, i medici stanno vedendo un aumento della miocardite, ma pochi sono disposti a parlarne. In un recente post su Substack, Steve Kirsch scrive:

“Ho appena letto un commento sul mio sottostack privato ‘solo per gli operatori sanitari’. Un aumento stimato di 100 volte del tasso di miocardite, ma nessuno ne verrà a conoscenza poiché i cardiologi non parleranno per paura di ritorsioni.

“Il suo commento è stato una conversazione privata che ha avuto con un cardiologo pediatrico. Il cardiologo non lo dirà mai in pubblico, alla stampa, o farà rivelare il suo nome poiché il suo primo dovere è verso la sua famiglia (mantenere il suo lavoro).

“Se un ‘fact checker’ chiamasse il cardiologo, potrebbe rifiutarsi di commentare o dire ‘Sto vedendo un po ‘più di casi dopo il lancio del vaccino’. Ecco il commento esatto che è stato pubblicato sul sottostack privato:

“Il recente incontro a pranzo con il mio amico cardiologo pediatrico è andato così:

“Pre-vaccini, uno o due casi all’anno di miocardite. Ora, metà della sua sala d’attesa.

Dice ai genitori che stanno “studiando” la causalità.

“Li indirizza a uno specialista in malattie infettive per discussioni sugli altri loro figli.

“Ammette che lui e circa il 50% dei suoi colleghi sanno cosa stia succedendo, ma sono troppo terrorizzati per parlare, hanno paura di ritorsioni da parte di ospedali e comitati statali per le licenze.

“Altri 50% non vogliono sapere, non si preoccupano e / o si stanno godendo la dissonanza cognitiva (come il Dr. Harvey [Cohen] a Stanford) e / o lasciando libero il loro demone autoritario.

“Buona fortuna con questi miei ex colleghi.

“La puzza è opprimente.”

“… Da 1 o 2 casi all’anno a “metà della sua sala d’attesa”. Non conosco le dimensioni della sua sala d’attesa, ma sono almeno due persone da quando ha detto “metà”. Quindi, il tasso è aumentato di: 250 giorni all’anno aperto / 1,5 casi medi all’anno = 166X. “

La miocardite non è un effetto collaterale lieve e irrilevante

Insieme al Dr. Peter McCullough, nell’ottobre 2021, la Dottoressa Rose ha presentato un documento sui casi di miocardite in VAERS a seguito dei vaccini COVID alla rivista Current Problems in Cardiology. Tutto era pronto per la pubblicazione quando, improvvisamente, la rivista cambiò idea e la tolse.

Potete ancora trovare la prova preliminare sul sito web di Rose. I dati mostrano chiaramente che la miocardite è inversamente correlata all’età, quindi il rischio aumenta quanto più giovane sei. Il rischio è anche dose-dipendente, con i ragazzi che hanno un rischio sei volte maggiore di miocardite dopo la seconda dose.

Mentre le nostre autorità sanitarie si stanno scrollando di dosso questo rischio dicendo che i casi siano “lievi”, questa è una bugia spaventosa. Il danno al cuore è in genere permanente e il tasso di sopravvivenza da tre a cinque anni per la miocardite ha storicamente variato dal 56% all’83%.

I pazienti con miocardite fulminante acuta (caratterizzata da grave disfunzione sistolica ventricolare sinistra che richiede terapia farmacologica o supporto circolatorio meccanico) che sopravvivono allo stadio acuto hanno un tasso di sopravvivenza del 93% a 11 anni, mentre quelli con miocardite acuta non fulminante (disfunzione sistolica ventricolare sinistra, ma altrimenti emodinamicamente stabile) hanno un tasso di sopravvivenza di appena il 45% a 11 anni.

Ciò potrebbe significare che ovunque dal 7% al 55% degli adolescenti danneggiati da questi vaccini oggi potrebbero non sopravvivere fino alla fine degli anni ’20 o all’inizio degli anni ’30. Alcuni potrebbero anche non arrivare ai loro primi 20 anni!

In che modo questo può essere un compromesso accettabile per un virus per cui hai praticamente zero rischi di morire da bambino o adolescente?

Le morti in eccesso stanno esplodendo, anche tra gli adolescenti

Durante la pandemia, il vaccino COVID è stato presentato come la via per tornare alla normalità. Eppure, nonostante le somministrazioni di massa e i richiami, le morti in eccesso continuano ad aumentare. Ad esempio, nella settimana che si è conclusa il 12 novembre 2021, il Regno Unito ha riportato 2.047 decessi in più rispetto allo stesso periodo tra il 2015 e il 2019.

COVID-19 non può essere interamente da biasimare, in quanto è stato elencato sui certificati di morte per solo 1.197 persone.

Ancora più significativo è il fatto che, da luglio 2021, i decessi non COVID nel Regno Unito siano stati superiori alla media settimanale nei cinque anni precedenti la pandemia. Le malattie cardiache e gli ictus sembrano essere alla base di molti dei decessi in eccesso, ed entrambi sono noti effetti collaterali del vaccino COVID.

In un post su Twitter del 28 novembre 2021, l’ingegnere del software della Silicon Valley Ben M. (@USMortality) ha rivelato che nelle precedenti 13 settimane, circa 107.700 anziani sono morti al di sopra del tasso normale, nonostante un tasso di vaccinazione del 98,7%.

In un altro esempio, ha usato i dati del CDC e census.gov per mostrare l’aumento delle morti in eccesso nel Vermont, anche se la maggior parte degli adulti era stata vaccinata..

“Il Vermont aveva il 71% dell’ intera popolazione vaccinata entro il 1 ° giugno 2021”, ha twittato. “E’ l’83% della popolazione adulta, eppure stanno vedendo il maggior numero di morti in eccesso adesso dalla pandemia!”

Ancora più inquietante, i dati britannici mostrano che i decessi tra gli adolescenti sono aumentati da quando quella fascia di età è diventata idonea per i colpi COVID.

Tra la settimana che si è conclusa il 26 giugno e la settimana che si è conclusa il 18 settembre 2020, sono stati segnalati 148 decessi tra i 15 ei 19 anni. Tra la settimana che termina il 25 giugno 2021 e la settimana che termina il 17 settembre 2021, si sono verificati 217 decessi in quella fascia di età. Questo è un aumento del 47%!

I decessi per COVID-19 sono aumentati anche tra i 15 ei 19 anni dopo che i vaccini sono stati lanciati per questa fascia di età.

Sono state sollevate preoccupazioni significative sulla possibilità che i vaccini COVID-19 possano peggiorare la malattia COVID-19 attraverso il potenziamento anticorpo-dipendente (ADE). È quello che sta succedendo? Come riportato da The Exposé, che ha condotto l’indagine:

“La correlazione non equivale alla causalità, ma è estremamente preoccupante vedere che i decessi sono aumentati del 47% tra gli adolescenti di età superiore ai 15 anni e anche i decessi COVID-19 sono aumentati tra questa fascia di età da quando hanno iniziato a ricevere il vaccino COVID-19, ed è una coincidenza troppo strana”.

Omicron non rappresenta un rischio per i giovani

Come notato in una recente analisi del Dr. Robert Malone, (che è stato recentemente bandito da Twitter ma può essere trovato su Substack), il rapporto rischio-beneficio del vaccino COVID si sta sempre più invertendo con l’emergere di Omicron, poiché questa variante produce una malattia molto più lieve rispetto alle varianti precedenti, mettendo i bambini a rischio ancora più basso di ospedalizzazione o morte per infezione rispetto a prima, e il loro rischio era già trascurabile.

Malone sta attualmente guidando la seconda Dichiarazione dei medici dell’International Alliance of Physicians and Medical Scientists, che è stata firmata da oltre 16.000 medici e scienziati, affermando che “i bambini sani non devono essere sottoposti a vaccinazione forzata” poiché il loro rischio clinico dall’infezione da SARS-CoV-2 è trascurabile e la sicurezza a lungo termine dei vaccini non può essere determinata prima che tali politiche vengano emanate.

Non solo i bambini sono ad alto rischio di gravi eventi avversi dai vaccini, ma avere bambini sani e non vaccinati nella popolazione è fondamentale per raggiungere l’immunità di gregge.

Vaccini: doppio rischio di sindrome coronarica acuta

I ricercatori hanno inoltre scoperto che i vaccini a mRNA COVID-19 di Pfizer e Moderna causano un drastico aumento dei biomarcatori associati a trombosi, cardiomiopatia e altri eventi vascolari dopo l’iniezione.

Le persone che hanno ricevuto due dosi di vaccino mRNA, hanno più che raddoppiato il loro rischio quinquennale di sindrome coronarica acuta (ACS), hanno scoperto i ricercatori, portandolo da una media dell’11% al 25%.

ACS è un termine generico che include non solo gli attacchi di cuore, ma anche una serie di altre condizioni che comportano una brusca riduzione del flusso sanguigno al cuore. In un tweet del 21 novembre 2021, il cardiologo Dr. Aseem Malhotra ha scritto:

“Straordinario, inquietante, sconvolgente. Ora abbiamo prove di un meccanismo biologico plausibile di come il vaccino a mRNA possa contribuire ad aumentare gli eventi cardiaci. L’abstract è pubblicato sulla rivista di cardiologia a più alto impatto, quindi dobbiamo prendere molto sul serio questi risultati”.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

I completamente vaccinati condannati a essere reinfettati per sempre. I DATI

Read Next

“Pensaci due volte prima di vaccinare i tuoi figli”, il dottor Robert Malone

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock