• Luglio 20, 2024

Burundi: focolaio di poliomielite collegato al vacc ino. La malattia era stata eradicata da 30 anni

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


LONDRA – I funzionari sanitari del Burundi hanno dichiarato un focolaio di poliomielite legato al vacc ino, è la prima volta che la malattia viene rilevata nel paese dell’Africa orientale da oltre tre decenni.

La poliomielite è stata diagnosticata in un bambino di quattro anni non vacci nato nella parte occidentale del paese e in altri due bambini che erano contatti del bambino, le autorità del Burundi hanno confermato venerdì in una dichiarazione. I funzionari hanno inoltre trovato tracce del virus in campioni di acque reflue, confermando la circolazione della poliomielite.

Si è scoperto che il virus che ha colpito i bambini era un ceppo mutato di poliomielite proveniente da un vacc ino orale.

Il governo del Burundi ha dichiarato l’epidemia di poliomielite un’emergenza sanitaria pubblica nazionale e prevede di avviare una campagna di immunizzazione entro poche settimane, volta a proteggere tutti i bambini fino ai sette anni.

“Stiamo sostenendo gli sforzi nazionali per intensificare la vaccin azione contro la poliomielite per garantire che nessun bambino venga perso e affronti l’impatto debilitante della polio”, ha affermato il dott. Matshidiso Moeti, direttore dell’OMS per l’Africa.

L’OMS ha affermato che l’ultima volta che i bambini in Burundi sono stati vacci nati contro la poliomielite è stato nel 2016, ma non disponeva di statistiche su quanti ne fossero stati raggiunti. L’agenzia ha affermato di considerare l’immunità del paese contro la poliomielite “molto bassa”.L’epidemia è un’altra battuta d’arresto per lo sforzo globale per eliminare la poliomielite guidato dall’Organizzazione mondiale della sanità e dai suoi partner, iniziato nel 1988 e inizialmente mirato a eradicare la malattia in una dozzina di anni.La poliomielite è una malattia altamente infettiva che si diffonde principalmente attraverso l’acqua e colpisce in genere i bambini sotto i cinque anni. Non c’è trattamento. Sebbene il vacci no orale utilizzato nello sforzo globale per eradicare la malattia sia altamente efficace, richiede quattro dosi.Il vaccino orale può anche causare la poliomielite in circa 2-4 bambini ogni 2 milioni di dosi. In casi estremamente rari, il virus indebolito può talvolta mutare in una forma più pericolosa e innescare focolai, soprattutto in luoghi con scarsa igiene e bassi livelli di vacci nazione.Negli ultimi anni, il vacci no antipolio orale ha causato molti più casi di polio rispetto al virus selvaggio della polio.

L’anno scorso, casi legati al vacci no orale si sono verificati in paesi ricchi tra cui Gran Bretagna, Israele e Stati Uniti per la prima volta da anni.I funzionari hanno iniziato a lanciare un nuovo vacci no antipolio orale l’anno scorso che speravano avrebbe avuto meno probabilità di mutare in una versione in grado di innescare nuovi focolai. Ma l’epidemia in Burundi – oltre a sei casi in Congo – è risultata essere stata innescata proprio dal nuovo vacci no orale.

In tutta l’Africa, più di 400 casi di polio lo scorso anno sono stati collegati al vacci no orale, inclusi Congo, Nigeria , Etiopia e Zambia.La malattia rimane ostinatamente radicata anche in Pakistan e Afghanistan, dove la trasmissione non è mai stata interrotta.

SOURCE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Clamorosa inversione di marcia per il ministro della Salute tedesco Lauterbach: ora ammette danni “sconcertanti” e profitti “esorbitanti”

Read Next

Il settimanale svizzero pubblica un nuovo articolo sui danni del v. all’apparato riproduttivo

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO