• Giugno 28, 2022

Come le comunità Amish hanno raggiunto l’immunità di gregge, senza tassi di mortalità più elevati, lockdown, mascherine e vaccini

  • Le comunità Amish che contano migliaia di abitanti a Lancaster, PA, hanno scelto di non imporre lockdown o chiusure, hanno condotto una vita normale nel 2020.
  • Le loro comunità sono state infettate dal COVID, ma i tassi di mortalità non sono stati più alti di altri luoghi.
  • Non hanno indossato mascherine e hanno continuato ad attenersi ai loro valori e alla loro cultura.

Nella contea di Lancaster, in Pennsylvania, migliaia di famiglie Amish hanno adottato un approccio diverso al COVID-19.

Il risultato è una storia che probabilmente non sentirete mai raccontare dai media mainstream.

A maggio 2020, gli Amish hanno affrontato le infezioni da Covid e sono riusciti ad ottenere l’immunità di gregge.

Per arrivarci, non hanno imposto lockdown, campagne vaccinali, obbligo di mascherine o distanziamento sociale.

Si sono invece attenuti a ciò che apprezzano di più: spirito di comunità, contributo sociale, famiglia, salute e tradizione.

Valori che sono stati messi in secondo piano nella maggior parte delle aree del mondo, dove invece è stata posta la riduzione dei casi di COVID al di sopra ogni cosa.

Inizialmente anche gli Amish di Lancaster hanno adottato una chiusura molto breve, proprio all’inizio del COVID.

Come tutti gli altri, stavano cercando di scoprire cosa stesse accadendo e quanto fosse grave questa malattia. Ma una volta che le cose sono state più chiare, hanno adottato un approccio che in qualche modo assomiglia a quello che la Grande Dichiarazione di Barrington stabilisce – una protezione mirata per i vulnerabili, ma lasciando che il resto della popolazione vivesse la propria vita.

Mentre il Covid imperversava, il mondo “esterno” ha iniziato a bloccarsi. I governi hanno imposto ai cittadini lockdown, chiusure delle attività produttive, mascherine, distanza sociale, ecc. Gli Amish non sentivano che questo fosse in linea con ciò in cui credono.

Calvin Lapp, un mennonita Amish che vive a Lancaster, PA, ha dichiarato durante un’intervista sull’approccio che la loro comunità ha adottato col Covid:

“Chiudere e dire che non possiamo andare in chiesa, che non possiamo stare con la famiglia, non possiamo vedere i nostri anziani in ospedale, dover smettere di lavorare… E’ qualcosa che va completamente contro tutto ciò in cui crediamo e che cambierebbe profondamente la nostra cultura. Non lo faremo”.

Calvin Lapp, un mennonita Amish

Durante una festa cristiana, quando la comunità è tornata in chiesa, tutti hanno iniziato a contrarre il coronavirus e inevitabilmente… hanno sviluppato l’immunità.

“Quando facciamo la comunione, si riempie di vino un calice e a turno si beve da quel calice. Tutti bevono da quella tazza. Quindi, se una persona ha il coronavirus, il resto della chiesa avrà il coronavirus. La prima volta che siamo tornati in chiesa, tutti abbiamo avuto il coronavirus”.

Calvin Lapp, un mennonita Amish

Per affrontare la malattia, alcuni hanno scelto di andare in ospedale mentre altri no, preferendo avere persone care accanto, piuttosto che essere isolati.

Ciò che è chiaro, è che non ci sono state più morti tra gli Amish che in qualsiasi luogo che abbia chiuso la propria economia, indossato mascherine e obbligato al vaccino.

Inoltre grazie al loro approccio, si evince ancora una volta che l’immunità naturale dimostra di essere molto robusta .

Gli ultimi dati indicano che è la migliore protezione contro la reinfezione e le malattie gravi.

“Ci sono tre cose che agli Amish non piacciono: la prima è il governo – non saranno mai coinvolti nei governi. La seconda riguarda il sistema di istruzione pubblica – non manderanno mai i loro figli in una scuola pubblica. In fine, non si fidano del sistema sanitario – “Ci frega”.

Queste sono tre cose contro cui ci siamo sempre battuti… e queste tre cose fanno parte di ciò che è ‘COVID’ “.

Calvin Lapp, un mennonita Amish

Reportage della giornalista indipendente Sharyl Attkisson:

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Circolare Ministero della Salute del 25 novembre. Prorogate le certificazioni di esenzioni. Non sarà necessaria ulteriore certificazione

Read Next

Pfizer era a conoscenza di oltre 50.000 gravi reazioni al vaccino COVID entro pochi mesi dalla distribuzione