• Agosto 16, 2022

COVID-19: i bambini nati durante il primo anno di pandemia hanno livelli di sviluppo neurologico più bassi

I bambini sembrano essere stati colpiti indipendentemente dal fatto che la madre fosse stata infettata dal coronavirus o meno.

I bambini nati durante il primo anno della pandemia hanno ottenuto punteggi più bassi in un test di screening dello sviluppo rispetto a quelli nati poco prima, secondo un nuovo studio.

Gli scienziati della Columbia University di New York hanno affermato che lo sviluppo dei bambini – in particolare le loro capacità sociali e motorie – non è stato influenzato dal fatto che la madre avesse avuto COVID-19 durante la gravidanza.

Sebbene i bambini nati durante questo periodo abbiano ottenuto solo un punteggio leggermente inferiore rispetto ai loro coetanei, i ricercatori avvertono che anche piccoli cambiamenti possono avere impatti significativi sulla salute pubblica se considerati a livello di popolazione.

Lo studio è stato limitato a 225 bambini nati a New York tra marzo e dicembre 2020, secondo lo studio pubblicato sulla rivista JAMA Paediatrics.

Quasi la metà delle madri nello studio ha contratto il virus ad un certo punto durante la gravidanza, la maggior parte delle malattie sono state lievi o asintomatiche.

Uno studio precedente ha scoperto che il Covid in gravidanza sembra non avere alcun effetto sul cervello di un feto in via di sviluppo.

Tuttavia, in generale, “i bambini nati da madri che hanno infezioni virali durante la gravidanza hanno un rischio più elevato di deficit dello sviluppo neurologico”, ha dichiarato il dottor Dani Dumitriu, assistente professore di pediatria alla Columbia.

Il dottor Dumitriu ha dichiarato: “Siamo rimasti sorpresi di non trovare assolutamente alcun segnale che suggerisca che l’esposizione al COVID in utero fosse legata a deficit di sviluppo neurologico”.

“Piuttosto, essere nel grembo di una madre che sta vivendo la pandemia è stato associato a punteggi leggermente più bassi in aree come le abilità motorie e sociali, anche se non in altre, come la comunicazione o le capacità di risoluzione dei problemi”.

“I risultati suggeriscono che l’enorme quantità di stress avvertita dalle madri incinte durante questi tempi senza precedenti potrebbe aver avuto un ruolo”, ha aggiunto il dottor Dumitriu.

“Non sono grandi differenze, il che significa che non abbiamo visto un tasso più elevato di ritardi effettivi nello sviluppo nel nostro campione di poche centinaia di bambini, solo piccoli cambiamenti nei punteggi medi tra i gruppi”, ha aggiunto.

“Ma questi piccoli cambiamenti meritano un’attenzione particolare perché a livello di popolazione possono avere un impatto significativo sulla salute pubblica. Lo abbiamo imparato da altre pandemie e disastri naturali”.

I risultati – basati su un questionario compilato dai genitori – non significano necessariamente che questa generazione sarà compromessa più avanti nella vita, i ricercatori vogliono che i genitori lo sappiano.

Hanno anche suggerito che le minori opportunità di gioco e interazioni sociali alterate con i caregiver stressati “possono aiutare a spiegare perché i bambini nati durante la pandemia hanno capacità sociali e motorie più deboli rispetto ai bambini nati prima della pandemia”.

Link allo STUDIO: Association of Birth During the COVID-19 Pandemic With Neurodevelopmental Status at 6 Months in Infants With and Without In Utero Exposure to Maternal SARS-CoV-2 Infection | Child Development | JAMA Pediatrics | JAMA Network

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Addio stato di “completamente vaccinato” adesso per Fauci saranno “aggiornamenti delle vaccinazioni”

Read Next

Francia sulla quarta dose: “Non appena le autorità sanitarie daranno l’ok, partiremo”