• Dicembre 6, 2022

Dalla guerra contro il Covid all’escalation della guerra in Ucraina – un’analisi di Fabio Vighi

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


La connessione con la pandemia è diventata sempre più evidente.

Del Dr. Peter F. Mayer per tkp

In un articolo dal titolo “The Central Banker Long Covid: an incurable condition”, Fabio Vighi, professore di teoria critica e italiano all’Università di Cardiff nel Regno Unito, ha analizzato il contesto e le cause di ciò che sta accadendo da 2 anni con il pretesto di proteggersi dal Covid.

Vighi osserva che dovrebbe essere chiaro ormai che COVID-19 è essenzialmente un sintomo del capitale finanziario che impazzisce. In senso più ampio, è sintomo di un mondo che non è più in grado di riprodursi attraverso il profitto del lavoro umano, e quindi si basa su una logica di doping permanente del denaro. Mentre la contrazione strutturale dell’economia basata sul lavoro gonfia il settore finanziario, la sua volatilità può essere contenuta solo da emergenze globali, propaganda di massa e tirannia attraverso la biosicurezza.

In un nuovo saggio intitolato “Dal Covid-19 a Putin-22: chi ha bisogno di amici con nemici come questi?” Vighi analizza ora i legami tra la pandemia e l’escalation del conflitto in Ucraina.

Ecco il testo tradotto da The Philosophical Salon:


Come un’illustrazione da copione di Hollywood, la de-escalation della guerra al Covid è passata senza soluzione di continuità all’escalation della guerra ucraina, con Vladimir Putin che ha sostituito Virus come nemico pubblico numero uno. Se il passaggio di emergenza era prevedibile, i tempi della sovrapposizione sembravano quasi troppo agevoli per essere credibili. La coreografia creativa dei media corporativi, tuttavia, ha assicurato una rappresentazione unidimensionale della guerra di Putin, aggiungendo anche effetti speciali quando necessario: dai videogiochi come War ThunderArma 3 e Digital Combat Simulator, alle clip di disastri passati. In retrospettiva, il filmato apocalittico di persone che crollano nella città di Wuhan nel gennaio 2020 appare ora decisamente amatoriale.

Quando Jean Baudrillard scrisse che “la guerra del Golfo non ebbe luogo”, intendeva dire che la sua violenza era sovrascritta come uno spettacolo mediatico (simulacro) che la trasformava in iperrealtà: qualcosa di così inequivocabilmente e schiacciantemente reale da sospendere qualsiasi domanda, dubbio o incredulità riguardo all’opacità intrinseca del referente. Il Covid e l’invasione russa sono esplosioni enfatiche di iperrealtà. Come tali, ci cadono addosso come una coperta che copre tutta la realtà nella sua complessità, sostituendola con un modello preconfezionato di false opposizioni binarie: sano/malato, vero/falso, democratico/fascista, Bene/Male. In quale altro modo potremmo spiegare la decisione delle Meta Piattaforme (Facebook e Instagram) di consentire ai loro utenti di invocare la violenza contro i russi (apparentemente una modifica temporanea alla loro politica di incitamento all’odio)? O la sospensione di un corso universitario su Fëdor Dostoevskij perché era russo? O il rifiuto di una clinica privata di curare russi e bielorussi?

Non è chiaro che la pandemia e l’affare ucraino mobilitano la stessa strategia di guerra?

Non c’è più alcuna connessione tra la realtà e la sua caricatura iperreale nel metaverso sociale. La guerra di Putin è la continuazione ideale della “guerra al Covid”. L’obiettivo generale è quello di offuscare il vero problema in gioco, che consiste nel drenare montagne di denaro a buon mercato nell’economia dipendente dal debito. Il ciclo di emergenza è l’evento macroeconomico del nostro tempo. Esploriamo ulteriormente questa affermazione.

La bomba a orologeria ucraina

Due serie di domande sono escluse dalla rappresentazione iperreale della “guerra di Putin”. In primo luogo, l’espansione geopolitica (ovvia): l’Ucraina era una bomba a orologeria pronta a esplodere. L’espansione della NATO verso est era culminata nell’orchestrazione del cambio di regime ucraino del 2014, che, come ha recentemente affermato il politologo statunitense John Mearsheimer, “ha rovesciato un leader filo-russo e installato un leader filo-americano” come parte di un piano per “trasformare l’Ucraina in un baluardo occidentale al confine con la Russia”. In parole povere, un colpo di stato (con ripercussioni come il massacro di Odessa del 2 maggio 2014). Se qualcuno ha bisogno di conferme, la conversazione telefonica trapelata da Nuland-Pyatt del febbraio 2014 aiuterà: mostra il Dipartimento di Stato americano dell’amministrazione Obama che pianifica la composizione del nuovo governo ucraino pochi giorni prima della rivolta di piazza Maidan che ha innescato la caduta del governo Yanukovich.

Negli ultimi anni – mentre le autoproclamate Repubbliche del Donbass e le minoranze rom erano sotto continuo attacco da parte delle milizie ultranazionaliste ucraine (che hanno causato migliaia di vittime) – la NATO guidata dagli Stati Uniti aveva intensificato la militarizzazione del paese, anche lavorando con i neonazisti ucraini, il cui ruolo è tutt’altro che marginale in un paese il cui parlamento ha deciso di commemorare il compleanno del collaboratore nazista Stepan Bandera come un festa nazionale. La NATO ha agito nella piena consapevolezza che, per la Russia, il loro accordo con l’Ucraina equivarrebbe a una dichiarazione di guerra – come Putin ha sottolineato nel suo famoso discorso alla Conferenza di Monaco sulla politica di sicurezza dell’11 febbraio 2007. Le truppe nato e le basi militari dotate di missili anti-balistici difensivi (convertibili in armi nucleari offensive) hanno continuato ad essere schierate in varie regioni dell’Europa orientale. Ecco, quindi, la domanda retorica: se la Russia avesse una tale artiglieria che circonda gli Stati Uniti, diciamo, da Cuba, Messico o Canada, Joe Biden (o chiunque altro al suo posto) lo tollererebbe? Ecco perché la bomba ucraina, dopo decenni di mosse provocatorie, era pronta a esplodere.

Guerra finanziaria

La seconda serie di questioni riguarda l’agenda economica, il cui modo di apparire è quello della guerra finanziaria. Le sanzioni draconiane da parte dei leader occidentali – per lo più il congelamento dei beni e l’esclusione delle banche russe dal sistema di pagamento globale SWIFT – dovrebbero danneggiare Putin e i suoi “oligarchi” divenuti improvvisamente riprovevoli. Tuttavia, è tutt’altro che certo se questo obiettivo sia raggiungibile o addirittura auspicabile. Gli Stati Uniti e l’UE, le cui principali banche d’investimento sono esposte al debito russo, possono davvero permettersi il gioco finanziario del pollo con la Russia? E perché JP Morgan dovrebbe contraddire la narrativa ufficiale sull’implosione economica del nemico raccomandando ai suoi clienti di aumentare le loro posizioni in parte del debito societario della Russia? Di fatto, la megabanca statunitense sta scommettendo sulla rapida ripresa della Russia.

Inoltre, la Russia è il più grande produttore mondiale di quasi tutte le materie prime, e con gli attuali livelli di aumento dell’inflazione in tutto il mondo sembra quasi impossibile, o suicida, fare a meno delle sue forniture. È per questo che la graduale eliminazione del gas russo da parte dell’Europa ha portato all’importazione di carbone… dalla Russia? I media prevedono che le sanzioni causeranno il crollo del rublo, e quindi la fine del regno di Putin. Tuttavia, Putin ha fatto scorta di riserve valutarie (valute estere) e in particolare di oro. Se l’economia russa si bloccasse, potrebbe emettere obbligazioni e coprire il loro valore con azioni di petrolio, oro e gas. In breve, sembra avere più influenza di quanto i nostri media vorrebbero farci credere. Cacciare la Russia dal sistema SWIFT denominato in USD darebbe anche a Putin maggiori incentivi a cercare altri mercati e valute in cui commerciare (in particolare la Cina), il che a sua volta minerebbe ulteriormente l’USD e quindi quasi tutto il resto. La tanto temuta de-dollarizzazione dell’economia potrebbe rapidamente diventare realtà. Pertanto, cosa succede se le sanzioni sono un inganno?

L’elefante Gazprom nella stanza (riscaldata)

Mentre sono impegnati ad aumentare le misure restrittive vendute al pubblico come azioni eroiche, i leader dell’UE e degli Stati Uniti sono stati fin dall’inizio attenti a evitare di tagliare fuori alcuni dei pesi massimi finanziari della Russia, come Sberbank (la cui sanzione è ora osteggiata dalla Germania) e soprattutto Gazprombank – perché? Sberbank è il più grande prestatore e detentore di attività della Russia, quindi un embargo completo implicherebbe un danno collaterale sostanziale per le banche occidentali. Il vero elefante nella stanza, tuttavia, è Gazprombank, perché gestisce i pagamenti per il petrolio e il gas russi da cui i paesi dell’UE dipendono e stanno ancora acquistando. Solo circa un quarto del settore bancario russo è attualmente sotto sanzioni – questo è davvero destinato a fermare Putin?

Wolfgang Munchau (ex autorità del Financial Times) ha riassunto l’ipocrisia dell’UE (e degli Stati Uniti) con una semplicità disarmante: “L’UE sta facendo il tifo per la parte ucraina da una distanza di sicurezza, guardando da salotti caldi, riscaldati dal gas russo”. Nella misura in cui la Russia è un partner commerciale chiave per l’Europa (quasi la metà del gas europeo proviene dalla Russia), ma anche per gli Stati Uniti (importatore di petrolio russo), è improbabile che le sanzioni si materializzino nella realtà come fanno nelle notizie. Se, quindi, il “bazooka delle sanzioni” si rivela essere una pistola ad acqua, o un boomerang, dobbiamo cercare risposte altrove.

La rete intricata che tessiamo

Consideriamo la decisione dell’Occidente di fornire migliaia di armi all’Ucraina proprio mentre le delegazioni russa e ucraina erano sedute al tavolo del primo round di negoziati a Gomel (Bielorussia). La Russia chiedeva, come ha fatto fin dall’inizio, lo status neutrale dell’Ucraina, la sua smilitarizzazione e l’autonomia della Crimea e delle Repubbliche del Donbass. L’invio di aiuti militari all’Ucraina difficilmente avrebbe aiutato un esito positivo dei negoziati – o, se è per questo, del conflitto. Quale strategia, allora, sta perseguendo la NATO? In altre parole: da quale copione ha letto il presidente Zelensky? Rifiutando le condizioni di Putin, Zelensky pensa di poter respingere l’esercito russo da solo? O spera che la NATO intervenga e inizi la Terza Guerra Mondiale? In entrambi i casi, sarebbe pazzo. Come comico diventato politico meno di quattro anni fa (dopo aver interpretato il presidente ucraino in una serie TV) Zelensky sembra perfetto per il ruolo. Ma qui la trama si infittisce.

Come il suo predecessore Poroshenko, Zelensky potrebbe essere in possesso di informazioni potenzialmente compromettenti sulla parodia del Russiagate, o sulle connessioni ucraine della famiglia Biden – incluso Hunter seduto nel consiglio del gigante gassoso ucraino Burisma nel 2014, subito dopo gli eventi di Maidan Square. Per aggiungere ulteriore complessità, la neocon Victoria Nuland (ora sottosegretario di Stato) ha dichiarato davanti al Senato degli Stati Uniti che “l’Ucraina ha strutture di ricerca biologica”, confermando le accuse russe e cinesi fino ad allora ridicolizzate come “teoria della cospirazione” dalla solita coorte di fact-checker auto-nominati. Perché Nuland ha sentito l’irresistibile bisogno di sganciare la bomba del bio-laboratorio, contraddicendo la confutazione arrabbiata di Jen Psaki del giorno precedente? Perché Nuland ha avvertito che ai russi dovrebbe essere impedito di raggiungere queste “strutture”? Il suo duetto con il senatore Marco Rubio aveva lo scopo di nascondere qualche imbarazzante verità sui programmi di “riduzione della minaccia biologica” finanziati dagli Stati Uniti in Ucraina? Con l’OMS ora coinvolta, solo una cosa è certa: siamo tornati nel bel mezzo degli intrighi della Guerra Fredda. E la domanda da porsi è sempre la stessa: cui prodest?

Dipendenza da emergenza

Mentre il sottotesto di cui sopra può essere rilevante per dare un senso alla tragedia umana in corso, la mia opinione è che, in definitiva, l’affare ucraino ha una “macroeconomia” scritta dappertutto. La ragione è quella che gli analisti finanziari, piuttosto che i filosofi, sono più propensi a cogliere: un conflitto prolungato legittima a tirare ulteriore debito dal futuro, mentre la colpa per l’imminente tsunami economico è attribuita all’ultima reincarnazione del dottor Stranamore. In sostanza, con la sua offensiva militare “Mad Vlad” ha permesso alla Federal Reserve (e ad altre importanti banche centrali) di posticipare il giorno della resa dei conti per il nostro sistema economico ultra-finanziarizzato. Perché il debito a buon mercato investito in più debito è ciò che impedisce al Titanic di affondare.

Poiché la domanda di attività finanziarie è sostenuta dalla domanda di debito, le emergenze globali soddisfano proprio la richiesta di maggiori prestiti: montagne di denaro a basso costo vengono create dal nulla e utilizzate come leva finanziaria. L’appetito per l’indebitamento è ora propriamente endemico, perché colpisce anche l’economia reale, le famiglie e, soprattutto, i governi. Questo è il motivo per cui le emergenze globali sono il principale motore dell’espansione monetaria artificiale, che a sua volta rappresenta la via di fuga capitalista dalla crisi della valorizzazione (incapacità di generare quantità socialmente sufficienti di plusvalore e quindi ricchezza reale) che ha afflitto il nostro modo di produzione dalla Terza Rivoluzione Industriale e dall’implosione del sistema di Bretton Woods nel 1970.

Per la ragione di cui sopra, sembra legittimo sostenere che tutti gli eventi geopolitici hanno origine o sono fortemente condizionati da ciò che accade nell’Olimpo finanziario. La pandemia di Putin, quindi, è guidata dallo stesso stratagemma che ha guidato la pandemia di Covid: dà alle banche centrali una licenza gratuita per prolungare le loro monumentali follie di stampa, che stimolano i mercati mentre mettono l’economia mondiale sotto ulteriore pressione. Questa è la strada a senso unico del capitalismo contemporaneo.

La bomba a orologeria della crisi del debito

Dovremmo sempre tenere a mente il quadro generale: dal 2009, tutte le principali banche centrali sono state in un’abbuffata senza precedenti di creazione di denaro, di cui non c’è fine in vista. Sfornare debito a basso costo per trilioni funziona come meccanismo compensativo per un’economia globale in caduta libera sempre più dipendente da una “bolla di tutto” di proporzioni grottesche (che, ovviamente, alla fine scoppierà). La Fed di Atlanta ha ora tagliato le aspettative di crescita del PIL degli Stati Uniti nel primo trimestre del 2022 allo 0,0%, inaugurando ufficialmente una nuova era di stagflazione che ci rimanda al 1970 – anche se senza margine di manovra per ripetere ciò che è stato fatto allora per evitare il collasso. Solo mettendoli in questo contesto possiamo capire a cosa servono le emergenze attuali.

Al momento, la Fed sta ottenendo ciò che solo una guerra potrebbe garantire. Vale a dire, la giustificazione ideale per frenare l’aumento pianificato dei tassi di interesse (il costo del prestito di denaro). Anche un rialzo dei tassi di 50 punti base sembra ora improbabile per il 2022. Dopotutto, una guerra tende ad essere vantaggiosa per il mercato azionario, in particolare quando impedisce aumenti dei tassi che esporrebbero lo stratagemma manipolativo del Quantitative Easing strutturale (acquisto di attività della Banca Centrale). Con ogni probabilità, più tesa diventa la situazione in Ucraina, più il mercato obbligazionario si stabilizzerà e i rendimenti scenderanno (il mercato obbligazionario funge da canarino nella miniera di carbone per un potenziale crollo del mercato). Inoltre, la sospensione del Patto di stabilità e crescita dell’UE, decisa nel 2020 a causa del Covid, potrebbe ora essere prorogata sine die. Pertanto, nonostante i recenti segnali contrari, il conflitto ucraino potrebbe facilmente consentire all’UE di dare un calcio al “barattolo della crisi del debito pubblico” e spostarlo un po ‘più avanti.

La linea di fondo è che le nostre economie indebitate continuano ad avere bisogno di più piuttosto che di meno QE, per la semplice ragione che il loro debito supera di gran lunga il loro PIL. Questo è il motivo per cui la bomba a orologeria della crisi ucraina è un’estensione della bomba a orologeria della crisi del debito. Ciò che quest’ultimo richiede è un regime di QE perenne calibrato attraverso una successione ciclica di emergenze globali: pandemie, campagne terroristiche, minacce nucleari, guerre commerciali, conflitti militari o, perché no, l’atterraggio di alieni. Il caos deve essere invocato in ogni occasione, e con esso, idealmente, la figura di un nemico brutale e assetato di sangue. Che avvenga nei media o nella realtà, è il ciclo di emergenza che conta, perché mantiene aperto il rubinetto monetario. Non dimentichiamo che il capitale è un processo cieco che aborre la stagnazione: deve essere in costante movimento, anche quando movimento significa accumulare quantità sempre maggiori di debito insostenibile, in qualsiasi modo possibile.

Demolizione controllata

L’impennata dell’inflazione – che è cotta nella torta ucraina come lo era con il Covid – facilita la demolizione controllata della società attraverso l’erosione del potere d’acquisto. Salvare i mercati finanziari oggi significa deprimere la domanda reale. E come unico detentore del privilegio di creare dollari dal nulla, la Federal Reserve è sempre almeno un passo avanti al gioco. Come ho mostrato in precedenza, il bilancio della Fed aveva iniziato a gonfiarsi a settembre 2019, quando quantità astronomiche di denaro elettronico cliccato con il mouse sono state pompate nel settore finanziario in difficoltà per sostenerlo artificialmente. Dopo due anni di implacabile allarmismo, narrazione e stampa, tuttavia, la narrativa del Covid era diventata stantia e sempre più contraddittoria, come dimostrano le proteste dei camionisti canadesi. Mentre le “morti per Covid” e i “casi” non stanno esattamente diminuendo, l’economia ha improvvisamente avuto bisogno di una nuova storia dell’orrore da sfruttare, una nuova coperta da far cadere sul mondo. Ciò è particolarmente urgente ora che le condizioni finanziarie sono ai livelli più bassi dal 2016; il che significa che se la Fed dovesse togliere il piede dall’acceleratore monetario, il mondo precipiterebbe in una recessione in piena regola in tempi record.

Diffidenti nell’improvvisare una risposta militare che porterebbe all’Armageddon, la NATO e le élite occidentali sono ora impegnate in una guerra asimmetrica con la Russia. Ciò colpirà soprattutto le popolazioni indifese e le economie già afflitte da due anni di contrazione economica indotta dalla pandemia. Le bollette del gas e i prezzi delle materie prime continueranno a salire. Ma non è questo ciò che richiede il Grande Reset, mentre la fantasia neoliberista della “fine della storia” diventa irta? Una crisi energetica e alimentare è alle porte, che giustificherà ulteriori politiche socioeconomiche oppressive – tra cui, se necessario, lo stato della legge marziale come recentemente sperimentato nel Canada democratico. Per quanto difficile possa essere, quindi, dovremmo mettere da parte lo scacchiere geopolitico e concentrarci sulla causa economica. Scelte politiche di questo calibro sono dettate da condizioni che interessano l’economia come una totalità di relazioni sociali sempre più disfunzionali. Se Putin è pazzo – come tutti sembrano ripetere insensatamente in questi giorni – è senza dubbio in buona compagnia. Non mi riferisco alla salute mentale di Joe Biden, ma ai gestori finanziari della ricchezza sociale e alla loro dissonanza cognitiva, che è ciò che il capitalismo contemporaneo (il sistema) richiede loro.

Ciò che continua ad essere cruciale per noi è renderci conto che, dati i livelli senza precedenti di doping finanziario, le società capitaliste dipendono da una successione di minacce globali in cui, tuttavia, la linea tra rischio simulato e reale sta diventando sempre più sottile. Come sostenuto da Marx, ai gestori finanziari il capitale appare, essenzialmente, come un oggetto che ha rotto il suo legame con la sua sostanza:

“Nel capitale fruttifero, quindi, questo feticcio automatico è elaborato nella sua forma pura, valore auto-valorizzante, denaro che genera denaro, e in questa forma non porta più alcun segno della sua origine. La relazione sociale si consuma nella relazione di una cosa, il denaro, con se stessa. Invece dell’effettiva trasformazione del denaro in capitale, abbiamo qui solo la forma di questo privo di contenuto. 

Oggi, la quasi totale dissociazione del capitale dalla sua origine (lavoro produttivo di valore) rende il suo nucleo psicotico sempre più visibile. Mentre l’attuale uso delle emergenze è perverso nella sua natura, gli episodi psicotici potrebbero essere proprio dietro l’angolo. Eppure, etichettando Putin come “Vlad il pazzo”, ci manca la follia e la vocazione veramente criminale del capitalismo contemporaneo. Ripetiamo il punto chiave: un sistema socioeconomico implosivo sostenuto da una leva finanziaria della portata attuale richiede disperatamente un flusso continuo di emergenze e un cattivo da incolpare. A sua volta, la produzione industriale di emergenze richiede attori credibili sulla scena globale, insieme a un pubblico che è disposto a rimanere scioccato dalla cinica propaganda mediatica.

Umanitarismo selettivo e iceberg finanziario

Mentre sarebbe facile scavare nell’acquiescenza dei nostri media nei confronti delle guerre omicide (“operazioni”) del recente passato guidate dagli Stati Uniti / NATO, l’attuale furia contro “oligarchi” come Roman Abramovich è altrettanto eloquente. Perché ora e non prima? E perché i nostri “oligarchi” occidentali sono chiamati “imprenditori”? Altrettanto fuori luogo sono gli slogan contro il nazista-Putin, dal momento che sta mediando tra le due potenze che contano di più in Russia: Gazprom e l’esercito. Quindi, quanto è diverso Putin dai potenti leader politici nei paesi “democratici”? Naturalmente, come ha recentemente detto Todd Smith, “Putin non è un eroe, nel caso qualcuno fosse confuso. È solo un’altra élite che è dalla parte sbagliata di una certa situazione ‘finanziaria'”. Ma perché i nostri “leader democratici” conducono affari (ad esempio, accordi sulle armi) con “dittatori” in tutto il mondo? Perché non ci viene detto di indossare una bandiera siriana o palestinese a sostegno di vite innocenti perse ogni giorno a causa dei bombardamenti israeliani? I livelli senza precedenti dell’ipocrisia di oggi – mescolati con un’indignazione razzista del tutto sorprendente nel bombardare persone europee bionde e dagli occhi azzurri e civili piuttosto che iracheni o afghani “meno civilizzati” – sono sintomatici della malattia degenerativa che colpisce il nostro “mondo”.

La triste verità è che se le élite finanziarie hanno bisogno di ulteriori ragioni per gonfiare i mercati con denaro appena coniato, il conflitto potrebbe persino intensificarsi. Nulla deve essere escluso quando l’obiettivo è quello di prolungare la durata di vita di un sistema economico malato terminale. Ecco un paradosso che dovrebbe farci riflettere: il giorno in cui Vladimir Putin ha invaso l’Ucraina ed è stato ufficialmente incoronato il nuovo Hitler, i mercati finanziari hanno registrato il più grande rimbalzo intraday da marzo 2020, quando sono stati lanciati programmi di QE anti-Covid per salvare il mondo. Siamo onesti: nonostante le lacrime di coccodrillo dei leader mondiali, il loro problema non è la libertà dell’Ucraina, ma l’iceberg della leva finanziaria che sta per colpire il Titanic.

E adesso?

Pertanto, aspettatevi una crisi geopolitica prolungata che giustificherà, persino la domanda, l’azione della Banca Centrale contro le tanto propagandate politiche di tapering (riduzione degli acquisti di attività) e gli aumenti dei tassi. Aspettatevi uno tsunami di inflazione globale, ulteriore impoverimento e migrazione di massa (di manodopera a basso costo) – tutti fattori che saranno attribuiti a Putin. Aspettatevi il ritorno delle minacce pandemiche a sostegno degli sforzi in corso per globalizzare i passaporti dei vaccini e la digitalizzazione della vita. Aspettatevi una nuova corsa agli armamenti volta a rafforzare i PIL stagnanti in tutto il mondo. Aspettatevi, se richiesto dall’ambiente economico, più danni militari inflitti a popolazioni indifese intrappolate nel mezzo della farsa capitalista. Aspettatevi “false flag” e incessanti campagne di disinformazione.

L’invasione russa sarà munta oltre ogni immaginazione, perché più a lungo dura, più denaro sarà prelevato dal futuro e preso in prestito – esattamente quello che è successo con il Covid. Se la pandemia è servita a nascondere la crisi strutturale del capitalismo spacciandola per crisi microbiologica, la guerra di Putin raggiunge lo stesso scopo con mezzi militari. Tuttavia, la politica monetaria dominante di oggi non è altro che una gestione della crisi impazzita: un tipo distruttivo di negazione che accelererà solo il processo implosivo del nostro modo di riproduzione sociale. Un futuro diverso non può nemmeno essere immaginato, figuriamoci costruito, senza esserne consapevoli.


Fabio Vighi è professore di teoria critica e italiano all’Università di Cardiff, Regno Unito. I suoi lavori recenti includono Critical Theory and the Crisis of Contemporary Capitalism (Bloomsbury 2015, con Heiko Feldner) e Crisi di valore: Lacan, Marx e il crepuscolo della società del lavoro (Mimesis 2018).

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Il camper vaccinale davanti alle scuole fa FLOP

Read Next

Ultimo smacco di Figliuolo prima di congedarsi. Si rifiuta di pubblicare il contratto con Pfizer. È “confidenziale”

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock