• Dicembre 6, 2022

Denunciati dipendenti di Poste Italiane. Impiegati impediscono l’accesso a Denise, esonerata dal vaccino per allergia

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


In provincia di Torino è stata presentata una querela nei confronti di alcuni dipendenti di Poste Italiane che hanno impedito l’accesso, malgrado l’esibizione di un’esenzione vaccinale, per ritirare un pacco postale in un ufficio non affollato. Nella querela, arrivata nei giorni scorsi in procura, si contesta il reato di rifiuto di atti d’ufficio.

È successo a San Francesco al Campo ad una residente del paese, Denise Perino Ceresole, assistita dagli avvocati Riccardo Magarelli e Maurizio Marangon. La donna, impiegata, a causa di motivi di salute, dovuti ad allergie, non ha potuto vaccinarsi. La certificazione di esenzione le è stata rilasciata il 7 gennaio 2022 presso l’hub vaccinale di Leinì. La signora Denise non ha mai avuto problemi con il certificato, fino a quando, il 3 febbraio è andata alle Poste del paese per ritirare un pacco.

«Un impiegato all’ingresso – spiega la residente, nella querela scritta dai suoi legali – mi ha chiesto di esibire la certificazione verde. Gli ho prontamente mostrato la documentazione esentiva con cui solitamente accedo a qualsiasi ufficio. Lo stesso, convinto della non validità della certificazione, si è rivolto a un collega: i due quindi dopo avere effettuato alcune ricerche, per circa una decina di minuti, mi hanno contestato la validità del certificato in quanto sprovvisto di un timbro». Eppure, rimarcano i legali nella querela, il certificato di esenzione per essere valido non richiede timbri, come confermato dallo stesso hub di Leinì il giorno successivo, perché è sufficiente il numero di iscrizione all’ordine o il codice fiscale del medico certificatore.

«Mi hanno invitata ad uscire e così ho chiamato il 112 chiedendo l’intervento dei carabinieri», scrive la donna in denuncia, precisando che anche un suo amico, in possesso di Green pass, che si era offerto di prendere il pacco per lei, era stato respinto perché “sprovvisto di delega”, nonostante la signora fosse al di là della vetrata. Soltanto dopo essere tornato con una delega, all’amico è stato finalmente consegnato il pacco.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Infarto fulminante durante una consegna per il corriere 39enne Angelo Stanco pochi giorni dopo la terza dose. Nove indagati dalla Procura di Pisa

Read Next

ESCLUSIVO: Barack Obama ha guidato una missione per costruire un BioLab in Ucraina che gestisce “agenti patogeni particolarmente pericolosi”.

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock