• Luglio 24, 2024

Email trapelate dell’EMA: i politici hanno chiesto il rilascio praticamente SENZA TEST

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Del Dr. Peter F. Mayer

Le procedure di approvazione dei VC19 sono state affrettate senza alcun test di efficacia e sicurezza. L’estrema abbreviazione senza precedenti dell’approvazione di un farmaco è stata elusa con il termine “procedura telescopica”. In realtà, sono state esercitate enormi pressioni sul personale dell’autorità da parte dei più alti esponenti politici, guidati dalla presidente della Commissione europea tedesca Ursula von der Leyen.

Circa 900 pagine di e-mail della seconda metà del 2020 provenienti dal dipartimento Chemistry Manufacturing and Controls (CMC) “vaccini” di Pfzer, responsabile della presentazione delle autorizzazioni all’immissione in commercio all’EMA, sono state divulgate a diversi giornalisti. I documenti contengono anche la corrispondenza via e-mail tra alcuni investigatori e alti funzionari dell’EMA. La fuga di notizie è stata riportata dal British Medical Journal, che ha potuto confermare l’autenticità dei documenti.

Pagine importanti sono state analizzate da Sasha Latypova sul suo  blog Substack. È una veterana dell’industria farmaceutica, specializzata in affari regolatori. Recentemente ha scoperto che negli Stati Uniti i contratti con le aziende farmaceutiche per lo sviluppo, la produzione e la distribuzione dei VC19 sono stati assegnati dal Dipartimento della Difesa statunitense (DOD) e quindi non sono più soggetti al controllo civile e la responsabilità è esclusa. Lo ha illustrato in questo video su Rumble:  COVID-19 Countermeasures: Evidence of the Intent to Harm – di Sasha Latypova

I file di posta elettronica dell’EMA che Latypova sta valutando contengono 14 screenshot di e-mail risalenti alla metà-fine di novembre 2020, e gli scambi provengono dal personale dell’EMA e da dirigenti di alto livello. L’autrice riassume il contenuto di queste e-mail come segue:

– Gli investigatori dell’EMA erano sottoposti a forti pressioni politiche per inventare nuovi modi per approvare i prodotti pericolosi non approvati. Le pressioni sono arrivate dai vertici dei governi di Stati Uniti, Regno Unito e Unione Europea.

– La commissaria europea Ursula von der Leyen ha fatto agli Stati membri promesse che non intendeva mantenere, al fine di vincolarli tutti a un unico patto per i contratti sui V., impedendo così qualsiasi decisione indipendente nei loro Paesi.

– C’erano problemi seri e – dato il calendario volutamente irrealistico – irrisolvibili con la qualità del prodotto che il personale dell’EMA è stato spinto ad approvare. Alcuni si sono sentiti a disagio nel farlo e nell’esprimere le proprie preoccupazioni. Altri hanno “trascurato” dati chiaramente inventati.

Alla fine, la revisione normativa in sé e le preoccupazioni espresse non hanno avuto importanza: il prodotto è stato lanciato comunque. Ora sappiamo esattamente perché: le autorità di regolamentazione non avevano alcuna autorità sul prodotto. Le autorità di regolamentazione farmaceutica non controllano i materiali di grado militare noti come “contromisure” e “dimostrazioni di produzione” (linguaggio occulto che nasconde gli agenti di guerra biologica prodotti dal governo statunitense in cattività e dai suoi partner globali). Le e-mail rivelano che la maggior parte del personale dell’EMA ha partecipato inconsapevolmente a questo gioco.

Per il Regno Unito, è stato confermato che l’autorizzazione è stata rilasciata dal Segretario di Stato per la Salute e non dall’autorità regolatoria competente, la MHRA. In risposta a una domanda, l’MHRA ha dichiarato: “Tutte le decisioni relative ai V. e alle autorizzazioni terapeutiche di Co vid sono state prese dal Ministro delle Licenze e non sono state delegate”.

Ecco una delle email di debunking (leggete dal fondo – il più vecchio – all’inizio per capire bene):

Le tre agenzie regolatorie – la FDA statunitense, la MHRA britannica e l’EMA europea – sono tutte impegnate a coordinare i tempi di approvazione prima che sia stata effettuata una revisione formale dei dati, prima che i comitati consultivi abbiano visto, discusso e votato i risultati degli studi clinici, e così via. Si discute della tempistica perché i dati non hanno alcun ruolo nell’immissione o meno sul mercato di questi prodotti. Inoltre, interagiscono come se non fossero tre agenzie separate di nazioni sovrane distinte, responsabili nei confronti di contribuenti diversi e della supervisione del Congresso/Parlamento, ma semplicemente dipartimenti burocratici già fusi in un unico governo globale.

Latypova spiega come sia possibile che una simile truffa vada in porto:

“Molte persone mi chiedono come sia possibile che migliaia di persone siano state coinvolte nella truffa inscenata come “difesa dalla pandemia Cvid” – non è possibile che così tante persone fossero in combutta! Non era necessario che fossero in tanti a partecipare. In questo caso, Noel Wathion, un alto funzionario dell’EMA, o non sa che la revisione dei dati è irrilevante per la questione se le iniezioni raggiungeranno o meno il mercato, oppure lo sta abilmente travisando. Il personale dell’EMA che fa capo a lui non deve esserne consapevole e deve solo affrettarsi a svolgere il lavoro assegnatogli. La compartimentazione è la chiave per coprire una frode importante in grandi organizzazioni e strutture complesse. È per questo che ha dato le dimissioni poco dopo la pubblicazione di Killshots? È anche sotto pressione da parte della Commissione Europea per l’approvazione del farmaco. E Pfzer ora vuole l’approvazione completa (MA) invece dell’approvazione condizionale (CMA)! Nota: la CMA è stata concessa, ma le condizioni non sono mai state soddisfatte da Pfzer/Bi.NTech, perché chi se ne frega, era un gioco fin dall’inizio”.

Per spiegare la seguente e-mail, è necessario conoscere la funzione dei relatori e dei correlatori. Il sistema esiste nel Parlamento e nelle autorità. L’EMA è un organismo europeo composto dalle “autorità competenti” degli Stati membri, un tempo separate, che regolamentavano e autorizzavano i farmaci separatamente in ciascun Paese. Nella struttura europea, il gruppo di revisione tecnica e di co-revisione viene selezionato per un determinato prodotto. Nel caso dei “VC19”, il team svedese guidato da Philip Josephson era il relatore (lead rapporteur) e il team francese guidato da Jean-Michel Race era il correlatore. “CHMP” = Comitato per i medicinali per uso umano (presso l’EMA).

L’e-mail è indirizzata a Olga Solomon della Commissione europea e il capo di Noel, Emer Cooke, direttore esecutivo dell’EMA ed ex dirigente dell’OMS e amministratore delegato della più grande società di lobbying farmaceutico dell’UE, ne riceve una copia.

Tra l’altro, la presidente della Commissione tedesca Ursula von der Leyen ha negoziato contratti di fornitura incredibilmente svantaggiosi per conto di tutti gli Stati membri dell’UE  via SMS con il CEO di Pfizer Albert Bourla. In questi contratti, i Paesi dell’UE dovevano depositare beni statali come garanzia, rinunciare a tutte le leggi sul controllo di qualità, sulle importazioni e sulla protezione dei consumatori e rinunciare alla propria sovranità nazionale, ovvero non potevano modificare la legislazione sulla responsabilità V. attraverso i propri parlamenti. I contratti sono stati divulgati solo in gran parte redatti per proteggere i cosiddetti “interessi commerciali” di Pfzer. Il seguente scambio di e-mail si riferisce agli sforzi della von der Leyen:

Di seguito sono riportate alcune abbreviazioni dell’UE che necessitano di spiegazioni, dove “CE” = Commissione europea, “SM” = Stati membri, “PE” = Parlamento europeo. La frase chiave è che Ursula “è pronta a convocare di persona i ministri della Sanità interessati per evitare l’applicazione dell’articolo 5, paragrafo 2”. L’articolo 5(2) fa riferimento all'”articolo 5(2) della direttiva 2001/83″ – un’autorizzazione di emergenza in uno Stato membro europeo, concessa separatamente da ogni Stato membro nel proprio paese. La CMA è un’autorizzazione all’immissione in commercio condizionata concessa dall’EMA a tutti i membri dell’UE contemporaneamente.

Con l’asticella della CMA, nessuno degli Stati membri sarebbe in grado di esercitare un processo decisionale indipendente, e quindi sarebbe in grado di costringerli tutti a sottoscrivere gli stessi contratti folli e quasi completamente redatti da Pfzer, Mderna e AstrZeneca, che eliminano comunque ogni responsabilità e, inoltre, vietano ai Paesi di modificare le proprie leggi in materia di responsabilità!

“Gli acquirenti devono “indennizzare, difendere e tenere indenne Pfzer … da e contro tutte le cause, i reclami, le azioni, le richieste, le perdite, i danni, le responsabilità, gli accordi, le sanzioni, le multe, i costi e le spese … derivanti da, correlati a o risultanti dal V.””.

Altre e-mail mostrano come il personale dei livelli tecnici dell’EMA sia stato sottoposto a una pressione tale da non avere la possibilità di sollevare le proprie giustificate obiezioni. Se sollevavano obiezioni, venivano respinte dai superiori e cancellate dal tavolo. In caso di richiesta urgente di dati mancanti, questa veniva respinta, tra l’altro con l’affermazione che l’autorità di regolamentazione statunitense FDA li aveva visti e approvati.

I VC19 sono stati così diffusi tra la popolazione senza alcun test serio e tutto ciò è stato organizzato nell’UE dai vertici della Commissione.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

8 febbraio – oltre 30 d.ecessi e m.alori i.mprovvisi in Italia nelle ultime ore

Read Next

Il direttore generale dell’OMS Tedros: “Dobbiamo prepararci” a una potenziale pandemia di influenza aviaria umana H5N1 (VIDEO)

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock