• Dicembre 10, 2022

Enorme convoglio di camion diretto a Washington dopo Ottawa

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Camionisti americani che protestano contro gli obblighi sui vaccini e le restrizioni del governo si sono uniti a un convoglio canadese da record di decine di migliaia di veicoli diretti a Ottawa.

Brian Von D, l’amministratore di “Convoy to DC 2022” ha annunciato che “uniranno le forze” per guidare dalla California a Washington, aggiungendo che “l’America è la prossima”.

“Mentre [il convoglio canadese] si spostava da ovest a est, [i camionisti americani] hanno raggiunto questo convoglio, ed è assolutamente enorme. Ne sta parlando tutto il mondo, è il più grande finora “, ha affermato in un video in diretta su Facebook.

Decine di migliaia di veicoli sono partiti da tutte le parti del Canada.

Foto di Epoch Times
Camionisti e sostenitori partono su un convoglio di cross-country destinato a Ottawa per protestare contro un obbligo federale di vaccinazione per i camionisti a Delta, B.C., il 23 gennaio 2022. (Darryl Dyck/The Canadian Press)

Un gran numero di persone dagli Stati Uniti si sono unite lungo la strada.

Brian ha chiarito che alcuni numeri “in giro” sui social media sui camion che si uniscono al convoglio non sono corretti.

“Un post dice da 100.000 a 5.000. Quelli non sono corretti. Qualcuno ha inventato quei numeri. Non c’è modo per noi di sapere esattamente quanti camion degli Stati Uniti siano andati laggiù”.

Parlando del prossimo convoglio degli Stati Uniti, fa sapere che “partirà dalla California e finirà a Washington e rimarremo lì, proprio come sta facendo il Canada”, ha affermato Brian. “Ci sarà un’arteria principale … tutti si uniranno mentre scendono lungo l’interstatale fino a DC. “

Ha aggiunto che le date e i percorsi pianificati saranno rilasciati presto su un sito Web e varie piattaforme di social media, e una pagina GoFundMe sarà attivata solo sulla loro pagina Facebook CONVOY TO DC 2022.

“Abbiamo finito con gli obblighi, siamo stanchi del governo che ci dice cosa fare, continueremo e seguiremo proprio come il resto del mondo queste proteste dei camionisti, e saranno legali al 100%, rispetteranno la legge”.

Brian ha aggiunto che nessuno è stato cacciato dal convoglio finora per non aver rispettato i termini concordati.

“È stata un’unità che non ho mai visto prima, non da nessuna parte nel nord. Il Canada lo ha sicuramente dimostrato, la protesta più pacifica che abbia mai visto fino ad oggi“, ha dichiarato Brian. “America, è il tuo turno, è il tuo turno di fare un passo avanti e mostrare di cosa sei fatta.

“Non ci interessa da che parte stai, non ci interessa da dove vieni, se vivi in America, in Canada o da qualsiasi parte tu possa venire. Lo stiamo facendo per te”, ha dichiarato.

Aziende di diverse dimensioni, così come famiglie nei due paesi, hanno aiutato i convogli con cibo, riparo e gas.

Mentre attraversavano diverse città, i video su Facebook mostrano che sono stati accolti da lunghe file di persone che applaudivano e tenevano bandiere canadesi, con fuochi d’artificio.

L’enorme evento ha avuto finora poca attenzione da parte dei media nazionali. Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha definito le “persone che sono in viaggio verso Ottawa” una “piccola minoranza marginale” che sta “portando avanti opinioni inaccettabili” durante una conferenza stampa il 26 gennaio.

Ha poi annunciato il 27 gennaio di essere entrato in contatto con qualcuno infetto da COVID-19 ed è andato in autoisolamento.

Ha poi riferito a The Canadian Press che è risultato negativo, si sente bene e non ha sintomi.

Brian ha raccontato che durante la pandemia, i camionisti hanno lavorato 24 ore su 24, ritmi assurdi che hanno impedito addirittura di fermarsi per mangiare o fare la doccia liberamente e non hanno ricevuto alcun fondo, incentivo o stimolo da parte del governo.

“Abbiamo eletto quei funzionari, ora è il momento che facciano il proprio dovere. È tutto progettato in modo da poter vedere la corruzione, è sotto gli occhi di tutti. Non c’è odio in questo gruppo”, ha aggiunto Brian.

“L’eccesso di potere del governo sta volgendo al termine, ed è così che lo faremo.

“Se torni indietro nel tempo all’America del 1776, ci volle una guerra per essere ascoltati. Gli inglesi arrivarono, un intero esercito arrivò. E sono stati i villaggi a battere gli inglesi, un intero esercito”, ha osservato Brian, “Beh, non lo facciamo più in quel modo. Non è più così violento.

“Tutto quello che devi fare è aggiungerti e guidare ed essere parte di qualcosa che ora sta facendo la storia, che sarà nei libri di storia, sarà per sempre ricordato nel 2022. Fai parte di questo movimento mondiale. Tu, non noi. Siamo insieme a te. Noi siamo solo i portavoce”.

“Una sola voce può essere ascoltata in tutto il mondo. E questo grazie a voi, il popolo”.

Supporto internazionale

Altri camionisti statunitensi si sono uniti alle proteste dopo che i creatori di Freedom Fighter Nationl’avvocato Leigh Dundas e la sua assistente Maureen Steele, hanno iniziato a organizzarsi negli Stati Uniti.

“Il nostro meraviglioso paese si sta mobilitando! Le persone che sono state intorpidite e stordite per ciò che è accaduto negli ultimi due anni si stanno svegliando. Ora lo stanno facendo e noi ci stiamo coordinando e muovendo in modo intenzionale”, ha dichiarato Steele.

Steele ha affermato che l’Australia sta mobilitando il proprio convoglio ora, e più punti di raduno negli Stati Uniti sono stati istituiti, con migliaia di partecipanti.

“Ci stiamo riprendendo il nostro paese. Non commetteremo errori, noi patrioti e amanti della libertà siamo la maggioranza. Il 20-25 per cento che vuole il socialismo o il comunismo rappresenta la MINORANZA. Non importa in questo momento chi è di sinistra o chi ha ragione, niente di tutto ciò importa se perdiamo la nostra libertà. La libertà è una bandiera sotto la quale tutti possiamo radunarci. La libertà scorre nelle nostre vene. Dio benedica i nostri fratelli e sorelle canadesi per averci ricordato che siamo combattenti! Grazie per la spinta. Siamo svegli. SVEGLIATEVI. Ho visto un post su un sito canadese che diceva “hai svegliato i leoni addormentati”. Bene, l’America ha appena ricevuto un campanello d’allarme dai nostri vicini canadesi, e indovinate un po’? Stiamo mettendo il mondo in guardia. Hanno svegliato il drago sputafuoco!!” Steele ha inoltre osservato.

Altri paesi come il Brasile hanno organizzato i propri convogli, esprimendo solidarietà per la causa.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Quasi 35.000 segnalazioni di danni da vaccino COVID tra i 5 ei 17 anni. A un 31 enne viene negato il trapianto di cuore perché non vaccinato

Read Next

UK- Sotto indagine il governo per l’uso di annunci intimidatori e terroristici con fini manipolatori durante la pandemia. Finalmente giustizia.

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock