• Gennaio 22, 2022

Fusione cellulare come collegamento tra la proteina spike SARS-CoV-2, le complicanze COVID-19 e gli effetti collaterali del vaccino – STUDIO

La proteina spike SARS-CoV-2 ha la capacità di fondere le cellule.
 Questo aspetto è probabilmente importante anche per spiegare le reazioni biologiche ai vaccini Covid.

Un nuovo studio pubblicato su Oncotarget (una rivista bisettimanale principalmente focalizzata sull’oncologia, peer-reviewed, open access) illustra le potenziali correlazioni tra la proteina Spike e la varietà di effetti avversi post vaccinazione cui stiamo assistendo.


ASTRATTO

Una caratteristica distintiva della proteina spike SARS-CoV-2 è la sua capacità di fondere in modo efficiente le cellule, producendo così il sincizio riscontrato nei pazienti COVID-19. Questo studio propone come questa capacità consenta alla proteina spike, di causare complicazioni COVID-19 e effetti collaterali dei vaccini COVID-19 e suggerisce come prevenire questi effetti.

INTRODUZIONE

Un segno distintivo del COVID-19 grave è l’abbondanza di sincizi, i prodotti della fusione tra due o più cellule nei polmoni dei pazienti . Questi sincizi sono stati attribuiti alla capacità di spike, una proteina codificata da SARS-CoV-2, di fondere le cellule tra loro e hanno spinto una ricerca di farmaci che potrebbero impedire questa fusione cellulare. Recentemente, Braga e colleghi hanno identificato una serie di farmaci già approvati che impediscono la fusione cellulare indotta da spike e inibiscono TMEM16F, una proteina che ha due attività. […]

Fusione cellulare come innesco della cascata di coagulazione del sangue

La scoperta dei sincizi nei pazienti COVID-19 ha portato a un suggerimento : “le proprietà fusogene delle cellule infette da MERS-CoV e SARS-CoV-2 potrebbero essere collegate alla patogenesi della trombosi”, una delle principali complicanze di COVID-19.

Quale potrebbe essere questo collegamento?

Vorremmo suggerire due candidati: l’attività delle scramblasi ( Le scramblasi -dall’inglese “to scramble” che significa mescolare- sono proteine adibite allo spostamento dei fosfolipidi da un monostrato all’altro del doppio strato lipidico all’interno della membrana plasmatica di una cellula), associata alla fusione cellulare indotta dalle proteine spike, e la morte cellulare.

Diverse osservazioni suggeriscono che l’attività delle scramblasi indotta dalla proteina Spike, può essere in grado di causare trombosi[…]

In secondo luogo, una carenza di proteinaTMEM16F (fondamentale per la fusione cellulare), le scramblasi identificate da Braga e colleghi,sono responsabili della sindrome di Scott, un disturbo emorragico, suggerendo che queste scramblasi siano coinvolte nella coagulazione del sangue.

In terzo luogo, le infezioni virali causano trombosi principalmente innescando l’assemblaggio di quello che viene chiamato il fusibile che innesca la cascata di coagulazione del sangue. Questo fusibile, noto anche come tenasi estrinseca, è formato dal fattore tissutale (TF) e dal fattore VIIa sulla superficie esterna della membrana cellulare arricchita in PS esternalizzata. La combinazione di PS, TF e ioni calcio può aumentare l’attività del fattore VIIa di un notevole cinque-otto ordini di grandezza.

In quarto luogo, il TF e la sua regolamentazione sono stati considerati potenziali bersagli per la terapia COVID-19 . Il TF è regolato controllando la sua espressione, dall’inibitore della via del fattore tissutale (TFPI) e innescando il TF attraverso un processo noto come de-crittografia. Il candidato principale per il de-encrypter è PS esternalizzato . Come l’esternalizzazione della PS sia indotta nelle cellule che esprimono TF non è chiaro […]

L’ipotesi della tenasi sinciziale

Se la fusione cellulare indotta da spike è patogena, come sostiene questo studio, allora la sfortunata classifica del vaccino AstraZeneca diventa prevedibile perché è l’unico dei quattro vaccini che rende il “wild type spike” completamente fusogenico, consegnandolo con un vettore ottimizzato per esprimere “livelli molto alti” della proteina .

La proteina Spike utilizzata negli altri tre vaccini è stata resa meno fusogenica, apparentemente fortuitamente, ottimizzando spike come antigene.[…]

Due mutazioni aggiuntive introdotte nel vaccino Janssen hanno ulteriormente diminuito questa incidenza nello stesso test alterando il sito riconosciuto dalla furina, una proteasi che contribuisce all’attivazione della spike scindendola in due subunità […]

Queste osservazioni suggeriscono una relazione tra la fusogenicità delle proteine spike e l’incidenza riportata di effetti collaterali. Questa relazione è accidentale o causale?

Una relazione causale comporta due previsioni verificabili:

In primo luogo, integrare la vaccinazione con farmaci che prevengano la fusione cellulare indotta da spike dovrebbe ridurre l’incidenza di complicanze, in particolare per il vaccino AstraZeneca e altri vaccini che esprimono una spike di tipo selvaggio .

Un certo numero di farmaci approvati che hanno tale attività, tra cui l’ivermectina molto dibattuta, sono già stati identificati da Braga e colleghi.

In secondo luogo, i vaccini che utilizzano frammenti di spike ricombinanti, o altri derivati di spike che non sono fusogeni senza alcun dubbio, dovrebbero avere meno complicazioni rispetto ai vaccini che esprimono completamente o parzialmente spike fusogenico. I vaccini che utilizzano SARS-CoV2 inattivato (attualmente Sinopharm e Sinovac avrebbero un’incidenza intermedia di complicanze perché i virus inattivati possono ancora fondere cellule dall’esterno, anche se senza la capacità di esprimerela spike, l’incidenza dei sincizi è limitata dal numero di particelle virali iniettate. Questa previsione è coerente con i rapporti sulla sicurezza per i vaccini che utilizzano virus inattivato, ma ulteriori studi, e avere tutti i vaccini attuali e futuri monitorati da database accessibili al pubblico di sospette complicanze del vaccino, come VAERS negli Stati Uniti e EudraVigilance in Europa, fornirebbero un insieme più ampio di dati da valutare, come è stato fatto per confrontare i vaccini AstraZeneca e Pfizer.

L’ipotesi che la fusione cellulare medi alcune complicanze del vaccino deve essere testata perché la scala della vaccinazione COVID-19 richiede un’abbondanza di cautela, che difficilmente implica trascurare l’attività primaria dell’antigene e perché l’ipotesi proposta si applica ad altre proteine fusogeniche che si potrebbe voler esprimere nel corpo umano per prevenire un’infezione virale o un’altra malattia. Ad esempio, un certo numero di tali vaccini sono già in cantiere.

Valutare le potenziali conseguenze della fusione cellulare nelle prime fasi dello sviluppo del vaccino potrebbe aiutare a prevenire effetti collaterali evitabili.

Se i vaccini causano complicazioni vaccinali inducendo la fusione cellulare, ci si potrebbe chiedere, perché allora queste complicanze sono così rare, diverse e si sovrappongono a quelle osservate in COVID-19?

Forse, come è stato suggerito, l’esito della vaccinazione dipende da come viene iniettato un vaccino. Se, come previsto, il vaccino rimane strettamente intramuscolare, i sincizi che crea possono essere irrilevanti in quanto rimangono nel sito di iniezione e muoiono a tempo debito. Tuttavia, se un vaccino si diffonde sistemicamente perché viene iniettato accidentalmente in un vaso sanguigno o linfatico, o per altri motivi, il risultato dipenderebbe da quali cellule, dove e in quali numeri iniziano a esprimere le spike e quindi acquisiscono la capacità di fondersi. Ad esempio, la fusione di cellule endoteliali tra loro o con altre cellule che trasportano un recettore spike, comprese piastrine e periciti, potrebbe provocare trombosi, mentre la fusione dei neuroni può portare a manifestazioni neurologiche. Alcune complicazioni causate dalla fusione cellulare possono essere specifiche per un particolare vaccino o per COVID-19 perché i tropismi dei vettori adenovirali, delle particelle lipidiche portatrici di mRNA e del SARS-CoV-2 si sovrappongono ma non sono identici. Un fattore che contribuisce potrebbe essere una predisposizione di alcuni individui alla fusione cellulare da parte di fusogeni virali, che è difficile da valutare in questo momento perché la regolazione della fusione cellulare in generale e la regolazione della fusione cellulare indotta da virus in particolare è ancora in gran parte una terra incognita.


In sintesi, questo autore spera che la scoperta dei sincizi nei pazienti COVID-19 aiuterà a studiare la fusione cellulare e le sue conseguenze, sia in salute che in malattia, rendendo più ricercatori consapevoli di questo processo affascinante ma spesso trascurato. Dopotutto, tendiamo a notare solo ciò che ci aspettiamo di vedere.

Link allo studio : Cell fusion as a link between the SARS-CoV-2 spike protein, COVID-19 complications, and vaccine side effects | Oncotarget

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

La National Football League cura i suoi atleti con l’Ivermectina, le dichiarazioni della superstar Aaron Rodgers

Read Next

I bambini sviluppano risposte immunitarie robuste e sostenute cross-reattive specifiche per spike all’infezione da SARS-CoV-2 – STUDIO