• Maggio 19, 2022

Germania, la dittatura è servita. Telegram costretto a bloccare 64 canali

Il servizio di messaggeria cede dopo mesi di pressioni da parte del governo. L’azienda sta chiudendo anche il canale di Attila Hildmann secondo le richieste del BKA. Il ministro dell’Interno Nancy Faeser vuole mantenere alta la pressione sull’azienda.

Dopo le massicce pressioni del governo federale su Telegram, la società sta intraprendendo azioni evidenti contro ciò che è considerato “incitamento alla’odio” su Internet per la prima volta in Germania. Secondo le informazioni della Süddeutsche Zeitung, Telegram ha bloccato un totale di 64 canali negli ultimi giorni. La chiusura è dovuta alle pressioni del Ministero federale dell’Interno e dell’Ufficio federale di polizia criminale (BKA). La BKA aveva inviato una corrispondente richiesta di cancellazione a Telegram. Ora ne sono stati presi in considerazione un totale di 64.

Venerdì sono stati resi noti ulteriori dettagli sui contatti tra Telegram e il governo federale. Giovedì, secondo le informazioni, c’è stata una seconda conversazione di lavoro tra il governo e Telegram. Il governo e la società volevano “rimanere in uno stretto scambio”, hanno riferito dopo i colloqui.

Il ministro dell’Interno Nancy Faeser ha chiarito che vuole intraprendere ulteriori azioni su Telegram. “Stiamo costantemente sperimentando nuove ondate di odio e minacce contro le persone e contro la nostra democrazia su Telegram”, ha affermato alla SZ. “Stiamo agendo rapidamente e coerentemente contro questo”. “Telegram non deve più essere un acceleratore per estremisti di destra, ideologi della cospirazione e altri agitatori. Le minacce di morte e altri pericolosi post di odio devono essere cancellati e avere chiare conseguenze penali“. Il ministro dell’Interno vede l’azione di cancellazione come un successo della pressione durata settimane su Telegram. “L’Ufficio federale di polizia criminale ha intensificato significativamente le indagini. Fin dal primo giorno in carica, ho esercitato una pressione significativa per far sì che Telegram collaborasse. Questa pressione ha funzionato”.

I canali di Attila Hildmann su Telegram non sono più disponibili in Germania da martedì. Gli utenti che desiderano accedervi riceveranno una notifica che il canale non può essere visualizzato “perché viola le leggi locali”. Hildmann, che era diventato noto come uno chef vegano, aveva incitato alla cospirazione Covid circa 100.000 utenti tramite Telegram. Dal febbraio 2021, il 40enne è ricercato dalla magistratura di Berlino con un mandato di arresto. Da allora si è nascosto e potrebbe essere in Turchia.

La politica inizialmente si sentiva ignorata

Il Ministero dell’Interno ha a lungo chiesto che l’odio e l’incitamento all’odio fossero messi fuori legge e rimossi da Telegram. Finora, tuttavia, la società non ha rispettato l’obbligo legale di cancellazione. Nel governo federale, questo ha recentemente causato una crescente rabbia. La politica si sentiva ignorata. Il primo procedimento non ha avuto successo perché le autorità tedesche non sono riuscite nemmeno a trovare un indirizzo della società al quale avrebbero potuto inviare un avviso. Telegram ha sede a Dubai. Più di recente, il governo ha apertamente minacciato la società con multe massicce fino a 55 milioni di euro.

Telegram è usato, tra le altre cose, dagli oppositori radicali del vaccino e dai pensatori laterali per fare rete per le proteste contro le misure Covid. L’Ufficio della Turingia per la protezione della Costituzione si era recentemente lamentato, ad esempio, del fatto che vi si stavano diffondendo un numero particolarmente elevato di allusioni a un colpo di stato. La piattaforma è stata utilizzata anche da numerosi estremisti di destra.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

STOP a Pfizer per l’autorizzazione delle due dosi di vaccino Covid nei bambini sotto i 5 anni. Dati insufficienti per l’ FDA

Read Next

Questi 5 studi rivelano una tendenza inquietante: i ricercatori presentano conclusioni che non corrispondono ai dati. Perchè?