• Novembre 26, 2022

Gli scienziati cercano di risolvere il mistero del perché alcune persone non prendano il Covid

Di The Guardian

Phoebe Garrett ha frequentato lezioni universitarie senza prendere il Covid; ha persino ospitato una festa in cui tutti sono risultati positivi tranne lei. “Penso di essere stata consapevolmente esposta circa quattro volte”, ha detto la 22enne di High Wycombe.

Nel marzo 2021, ha partecipato alla primo esperimento di “sfida Covid-19” al mondo, che ha comportato il gocciolamento di virus vivo nel naso e l’ancoraggio delle narici chiuse per diverse ore, nel tentativo deliberato di infettare i partecipanti. Il suo corpo ha resistito.

“Abbiamo avuto più cicli di test e diversi metodi di test: tamponi per la gola, tamponi nasali, altri tipi di tamponi che non avevo mai fatto prima come stoppini nasali – dove tieni un tampone nel naso per un minuto – così come esami del sangue, ma non ho mai sviluppato sintomi, non sono mai risultata positiva”, ha raccontato Garrett. Mia madre ha sempre detto che la nostra famiglia non ha mai preso l’influenza, e mi sono chiesta se ci fosse forse qualcosa dietro”.

La maggior parte delle persone conosce qualcuno che ha ostinatamente resistito ad infettarsi di Covid, nonostante tutti intorno a loro si ammalassero. Esattamente come lo facciano resta un mistero, ma gli scienziati stanno iniziando a trovare alcuni indizi.

La speranza è che l’identificazione di questi meccanismi possa portare allo sviluppo di farmaci che non solo proteggano le persone dal Covid, ma impediscano anche loro di trasmetterlo.

Garrett non è stata l’unica partecipante allo studio di sfida a non essere stata infettata. Dei 34 che sono stati esposti al virus, 16 non sono riusciti a sviluppare un’infezione (definita come due test PCR positivi consecutivi) – anche se circa la metà di loro è risultata transitoriamente positiva per bassi livelli del virus, spesso diversi giorni dopo l’esposizione.

Forse, a causa di un riflesso del sistema immunitario che spegne rapidamente un’infezione embrionale. “Nei nostri precedenti studi con altri virus, abbiamo visto risposte immunitarie precoci nel naso che sono associate alla resistenza alle infezioni”, ha detto il professor Christopher Chiu dell’Imperial College di Londra, che ha guidato lo studio. “Insieme, questi risultati implicano che c’è una lotta tra il virus e l’ospite, che nei nostri partecipanti ‘non infetti’ si traduce nella prevenzione del decollo dell’infezione”.

Alcuni di loro hanno riportato alcuni sintomi lievi, come naso chiuso, mal di gola, stanchezza o mal di testa – anche se, poiché questi si verificano comunemente nella vita di tutti i giorni, potrebbero non essere stati correlati all’esposizione al virus.

“In entrambi i casi, i livelli del virus non sono saliti abbastanza in alto da innescare livelli rilevabili di anticorpi, cellule T o fattori infiammatori nel sangue che di solito sono associati ai sintomi”, ha dichiarato Chiu.

Altri studi suggeriscono inoltre che è possibile scrollarsi di dosso il Covid durante le prime fasi dell’infezione, prima che stabilisca un punto d’attecchimento adeguato. Ad esempio, durante la prima ondata della pandemia, il dottor Leo Swadling dell’University College di Londra e colleghi hanno monitorato intensamente un gruppo di operatori sanitari che sono stati regolarmente esposti a pazienti infetti, ma che non sono mai risultati positivi o hanno sviluppato anticorpi stessi. Gli esami del sangue hanno rivelato che circa il 15% di loro aveva cellule T reattive contro Sars-CoV-2, oltre ad altri marcatori di infezione virale.

Probabilmente, le cellule T della memoria delle precedenti infezioni da coronavirus – cioè quelle responsabili dei comuni raffreddori – hanno reagito in modo incrociato con il nuovo coronavirus e le hanno protette dal Covid.

Capire con quale frequenza le persone abortiscano le infezioni da Covid nascenti nell’era di Omicron è complicato perché richiede test intensivi – per il virus, gli anticorpi, le cellule T e altri marcatori di infezione – anche perché tante persone sono state vaccinate.

“È probabile che gli individui vaccinati siano esposti al virus e blocchino la replicazione virale e l’infezione rilevabile più comunemente”, ha detto Swadling.

Inoltre, non esiste un test disponibile in commercio in grado di distinguere tra l’immunità innescata dalla vaccinazione e le diverse varianti, quindi a meno che una persona non sia risultata positiva di recente, è quasi impossibile sapere se è stata esposta a Omicron o meno.

I coronavirus stagionali potrebbero non essere l’unica fonte di risposte immunitarie cross-protettive. La prof.ssa Cecilia Söderberg-Nauclér, immunologa presso l’Istituto Karolinska di Stoccolma, ha iniziato a studiare questa possibilità, dopo che la Svezia ha evitato di essere sopraffatta dai casi durante la prima ondata della pandemia, nonostante il suo approccio leggero alle restrizioni. La modellizzazione matematica del suo collega, Marcus Carlsson dell’Università di Lund, ha suggerito che questo modello di infezioni potrebbe essere spiegato solo se una grande percentuale di persone avesse una sorta di immunità protettiva.

Il suo team ha setacciato database di sequenze proteiche da virus esistenti, a caccia di piccoli segmenti (peptidi) simili a quelli del nuovo coronavirus, a cui era probabile che gli anticorpi si legassero. Quando hanno identificato un peptide di sei aminoacidi in una proteina dell’influenza H1N1 che corrispondeva a una parte cruciale della proteina spike del coronavirus, “sono quasi caduta dalla sedia”, ha riferito Söderberg-Nauclér.

Da allora hanno scoperto anticorpi contro questo peptide fino al 68% dei donatori di sangue di Stoccolma. La ricerca, che non è stata ancora sottoposta a peer-review, potrebbe suggerire che le risposte immunitarie innescate dall’influenza H1N1 – che è stata responsabile della pandemia di influenza suina del 2009-10 – e possibilmente i ceppi successivi correlati, possono fornire alle persone una protezione parziale, anche se non completa, contro Covid-19. “Fornisce un cuscino, ma non ti proteggerà se una persona infetta tossisce in faccia”, ha aggiunto Söderberg-Nauclér.

Una piccola percentuale di persone può anche essere geneticamente resistente al Covid-19. A ottobre, un consorzio internazionale di ricercatori ha lanciato una caccia globale per trovarne alcuni, nella speranza di identificare i geni protettivi.

“Non stiamo cercando varianti genetiche comuni che forniscano una protezione modesta contro le infezioni, quello che stiamo cercando sono varianti genetiche potenzialmente molto rare che proteggono completamente qualcuno dalle infezioni”, ha dichiarato il professor András Spaan della Rockefeller University di New York, che sta guidando la ricerca.

Sono particolarmente interessati alle persone che hanno condiviso una casa e un letto con una persona infetta e hanno evitato l’infezione da soli. “Ad esempio, l’altro giorno stavo parlando con un’anziana signora dei Paesi Bassi, che si è presa cura di suo marito durante la prima ondata. Il marito è stato infine ricoverato in terapia intensiva, ma ha trascorso la settimana prima di prendersi cura di lui, condividendo la stessa stanza e senza mascherine per il viso “, ha detto Spaan. “Non possiamo spiegare perché non è stata infettata”.

Tale resistenza è nota per esistere per altre malattie, tra cui HIV, malaria e norovirus. In questi casi, un difetto genetico significa che alcune persone non hanno un recettore utilizzato dall’agente patogeno per entrare nelle cellule, quindi non possono essere infettate. “Potrebbe benissimo essere che, in alcuni individui, ci sia un tale difetto in un recettore utilizzato da Sars-CoV-2”, ha detto Spaan.

L’identificazione di tali geni potrebbe portare allo sviluppo di nuovi trattamenti per Covid-19, nello stesso modo in cui l’identificazione dei difetti del recettore CCR5 nelle persone resistenti all’HIV ha portato a nuovi modi di trattare l’HIV.

Spaan ritiene improbabile che la maggior parte di coloro che hanno evitato il Covid siano geneticamente resistenti, anche se hanno una protezione immunitaria parziale. Ciò significa che non vi è alcuna garanzia che alla fine non verranno infettati, come Garrett ha scoperto a fine gennaio. Dopo aver schivato il virus per quasi due anni, è rimasta scioccata quando un test di flusso laterale di routine ha prodotto una minacciosa seconda linea rossa. Poco dopo, ha sviluppato lievi sintomi di Covid, ma da allora si è ripresa.

L’ironia è che, avendo evitato di prendere il Covid da parenti stretti, amici e in un laboratorio medico specializzato, è stato probabilmente un parente sconosciuto a infettarla. “Non so dove l’ho preso; può essere stato qualcuno nel mio coro locale, o forse in palestra “, ha concluso.

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Il governo degli Stati Uniti ha pagato i media milioni di dollari per fare PROPAGANDA sui vaccini Covid-19

Read Next

Un totale di 88 decessi di bambini a seguito di un vaccino Covid-19. 76 a seguito di Pfizer e 12 di Moderna