• Maggio 17, 2022

Gli scienziati scoprono microplastiche cancerogene nei polmoni e nel sangue dei pazienti e potrebbe essere dovuto all’uso di mascherine

Un recente studio ha rivelato una verità inquietante. Microplastiche sono state rinvenute nei polmoni umani grazie a un’esame specifico.

Lo studio: “Detection of microplastics in human lung tissue using μFTIR spectroscopy“, riporta:

Le microplastiche sono state identificate in tutte le regioni dei polmoni umani utilizzando l’analisi μFTIR.Le fibre di polipropilene e polietilene tereftalato erano le più abbondanti. I risultati supportano l’inalazione come via di esposizione alle MP… Questi risultati supportano l’inalazione come via di esposizione per le microplastiche ambientali e questa caratterizzazione di tipi e livelli può ora informare condizioni realistiche per esperimenti di esposizione di laboratorio, con l’obiettivo di determinare gli impatti sulla salute[…]

 Risultati

Livelli di abbondanza di MP rilevati in campioni di tessuto polmonare umano

Un totale di 39 microplastiche sono state identificate all’interno di 11 dei 13 campioni di tessuto polmonare umano[…]Le microplastiche sono state, ad oggi, rilevate in campioni umani da campioni di cancro istologico del polmone (Pauly et al., 1998) e cadaveri (Amato-Lourenço et al., 2021) e da placenta umana (Ragusa et al., 2021)[…]

 Dopo la deposizione all’interno del polmone, i meccanismi di tossicità sono sconosciuti, ma le proprietà delle particelle come piccole dimensioni, densità, concentrazione, forma, tipo di monomero, percolati chimici e adsorbenti ambientali (ad esempio batteri, metalli pesanti e idrocarburi poliaromatici) sono state tutte suggerite come potenziali contributori alla citotossicità (Prata, 2018Wright e Kelly, 2017). L’infiammazione (Porter et al., 1999), i ROS e lo stress ossidativo (Schirinzi et al., 2017), il danno fisico da forma delle particelle, la fagocitosi frustrata (Donaldson et al., 1993), sono attualmente risposte cellulari suggerite all’esposizione alle microplastiche[…]


Lo studio ha scoperto particelle di microplastiche, presenti in molte mascherine indossate durante la pandemia di COVID-19, nel tessuto polmonare di 11 pazienti su 13 sottoposti a intervento chirurgico.

Il polipropilene (PP) e il polietilene tereftalato (PET) sono state le sostanze maggiormente rilevate nei polmoni.

La polvere di plastica e i detriti microscopici sono la stessa plastica utilizzata per produrre le onnipresenti mascherine chirurgiche, come riportato da questo studio pubblicato su PubMed : “Le mascherine usa e getta usate sono fonti significative di microplastiche per l’ambiente

Le mascherine sono state indossate da centinaia di milioni di persone in tutto il mondo come richiesto dai governi nel tentativo di fermare la diffusione del COVID-19.

A marzo sono state rilevate per la prima volta microplastiche anche nel sangue umano.

L’inquinamento da microplastica è stato rilevato nel sangue umano per la prima volta, gli scienziati hanno trovato le minuscole particelle in quasi l’80% delle persone testate.

La scoperta mostra che le particelle possono viaggiare attraverso il corpo e possono depositarsi negli organi. L’impatto sulla salute è ancora sconosciuto. Ma i ricercatori sono preoccupati perché le microplastiche causano danni alle cellule umane in laboratorio e le particelle di inquinamento atmosferico sono già note per penetrare e depositarsi nel corpo causando milioni di morti precoci all’anno.

Oltre a respirarle, e sono state rilevate addirittura nelle feci di bambini e adulti.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Environment International.

Uno studio recente ha scoperto che le microplastiche possono attaccarsi alle membrane esterne dei globuli rossi e possono limitare la loro capacità di trasportare ossigeno. Le particelle sono state trovate anche nelle placente delle donne incinte e nei ratti gravidi passano rapidamente attraverso i polmoni nei cuori, nel cervello e in altri organi dei feti.

Un nuovo documento di revisione, ha valutato il rischio di cancro e ha concluso: “È urgente una ricerca più dettagliata su come le micro e le nanoplastiche influenzino le strutture e i processi del corpo umano e se e come possano trasformare le cellule e indurre carcinogenesi, in particolare alla luce dell’aumento esponenziale della produzione di plastica. Il problema sta diventando sempre più urgente ogni giorno che passa”.

Figuriamoci con una mascherina sul volto tutto il giorno…


Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Una bambina di 11 anni è morta quattro giorni dopo essere stata minacciata e costretta a ricevere il vaccino COVID

Read Next

Il guru Cartabellotta (Gimbe) è contrario all’abolizione dell’obbligo di mascherina al chiuso, ma andiamo a vedere cos’è GIMBE e da chi è finanziata…