• Maggio 17, 2022

Gli studi confermano che l’immunità del vaccino Pfizer diminuisce dopo 2 mesi. Perchè il gigante farmaceutico chiede l’approvazione della FDA per i bambini dai 5 agli 11 anni?

Due studi pubblicati mercoledì sul New England Journal of Medicine confermano che la protezione immunitaria offerta da due dosi del vaccino Covid di Pfizer diminuisce dopo circa due mesi – anche se la protezione contro gravi malattie, ospedalizzazione e morte rimane forte, hanno affermato gli autori degli studi.

Uno studio prospettico longitudinale da Israele che ha riguardato 4.800 operatori sanitari ha mostrato che i livelli di anticorpi sono diminuiti rapidamente dopo due dosi di vaccino “specialmente tra gli uomini, tra le persone di età pari o superiore a 65 anni e tra le persone con immunosoppressione“.

Gli anticorpi sono stati testati durante il periodo da quattro a 17 giorni dopo il ricevimento della seconda dose di vaccino e successivamente ogni quattro settimane per un periodo di sei mesi.

I titoli più alti dopo il ricevimento della seconda dose di vaccino sono stati osservati durante i giorni da quattro a 30, quindi questo è stato definito come il periodo di picco.

Poiché i ricercatori non hanno potuto eseguire test anticorpali neutralizzanti in tutti i partecipanti allo studio, hanno selezionato un sottogruppo che includeva percentuali più elevate di persone con fattori di rischio di interesse, come un’età di 65 anni o più e condizioni coesistenti.

I ricercatori hanno notato che i livelli dei cosiddetti anticorpi neutralizzanti – la prima linea di difesa del sistema immunitario contro le infezioni – sono correlati alla protezione contro le infezioni, ma per questo studio i ricercatori hanno studiato solo i normali livelli di anticorpi, ha riferito la CNN.

I ricercatori hanno anche visto una sostanziale riduzione del livello di IgG ogni mese e una significativa diminuzione dei titoli anticorpali neutralizzanti.

Il lavoro pubblicato su molti vaccini, come quelli contro il morbillo, la parotite e la rosolia, ha mostrato una piccola diminuzione ogni anno dal 5% al 10% dei livelli di anticorpi neutralizzanti“, hanno scritto i ricercatori. “Abbiamo scoperto che una significativa e rapida diminuzione della risposta umorale al vaccino BNT162b2 [Pfizer / BioNTech] è stata osservata entro pochi mesi dalla vaccinazione“.

Un secondo studio del Qatar ha esaminato le infezioni reali tra la popolazione altamente vaccinata della nazione, che per lo più ha ricevuto il vaccino COVID di Pfizer.

L’efficacia stimata contro l’infezione da SARS-CoV-2 è stata trascurabile per le prime due settimane dopo la prima dose di Pfizer, aumentata al 36,8% nella terza settimana dopo la prima dose e ha raggiunto il suo picco al 77,5% nel primo mese dopo la seconda dose.

Pfizer ha costantemente affermato che i dati di efficacia dell’azienda dimostrano un’efficacia del 95% contro SARS-CoV-2, che non è stata osservata in questo studio.

I ricercatori hanno riferito che l’efficacia è diminuita gradualmente,a partire dal primo mese dopo la seconda dose, ha accelerato dopo il quarto mese e ha raggiunto un livello di circa il 20% nei mesi dal 5° a 7° dopo la seconda dose.

Gli autori dello studio del Qatar, Laith Abu-Raddad di Weill Cornell Medicine-Qatar e colleghi, hanno scritto:

La protezione indotta da BNT162b2 contro l’infezione si accumula rapidamente dopo la prima dose, raggiunge il picco nel primo mese dopo la seconda dose e poi diminuisce gradualmente nei mesi successivi. Il declino sembra accelerare dopo il quarto mese, per raggiungere un livello di circa il 20% nei mesi successivi“.

Alla fine dello studio (5 settembre), un totale di 8.203 infezioni da SARS-CoV-2 Pfizer rivoluzionarie erano state registrate tra 947.035 partecipanti che hanno ricevuto una dose di vaccino e 10.543 infezioni rivoluzionarie erano state registrate tra 907.763 partecipanti che hanno ricevuto due dosi.

La percentuale di tutte le infezioni rivoluzionarie giornaliere da SARS-CoV-2 sia da Pfizer che da Moderna ha raggiunto il 36,4% il 5 settembre, con il 77,2% delle infezioni rivoluzionarie attribuite al vaccino COVID di Pfizer.

Uno studio finanziato da Pfizer mostra che l’efficacia del vaccino diminuisce dopo sei mesi

Uno studio finanziato da Pfizer pubblicato lunedì su The Lancet ha rilevato che l’efficacia del vaccino Covid Pfizer / BioNTech è scesa al di sotto del 50% circa sei mesi dopo la seconda dose.

Lo studio ha rilevato che il vaccino di Pfizer era efficace all’88% nel primo mese dopo la vaccinazione completa, ma è sceso al 47% di efficacia dopo circa sei mesi.

Lo studio ha anche scoperto che il vaccino è “altamente efficace” contro la variante Delta, oltre il 90% nei primi mesi prima di scendere al 53% di efficacia dopo quattro mesi.

I ricercatori hanno determinato che l’immunità calante è direttamente correlata al tempo trascorso dalla somministrazione della seconda dose, piuttosto che a causa del ceppo Delta altamente infettivo, come riferito da The Hill.

“I nostri risultati forniscono supporto per un’elevata efficacia del [vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19] contro i ricoveri ospedalieri fino a circa 6 mesi dopo essere stati completamente vaccinati, anche a fronte della diffusione diffusa della variante Delta“, hanno scritto i ricercatori.

La riduzione dell’efficacia del vaccino contro le infezioni da SARS-CoV-2 nel tempo è probabilmente dovuta principalmente al calo dell’immunità con il tempo piuttosto che alla variante Delta che sfugge alla protezione vaccinale“, hanno aggiunto.

Per lo studio, i ricercatori hanno esaminato i 3,4 milioni di record elettronici del sistema sanitario Kaiser Permanente Southern California (KPSC) per i pazienti dai 12 anni in su e li hanno studiati da dicembre 2020 ad agosto.

I ricercatori hanno determinato che le persone completamente vaccinate con il vaccino Pfizer-BioNTech avevano una protezione complessiva efficace del 73% contro l’infezione da COVID e una protezione efficace del 90% contro l’ospedalizzazione correlata al COVID.

Pfizer chiede alla FDA di autorizzare il vaccino COVID per l’uso di emergenza per i bambini dai 5 agli 11 anni

Pfizer e il suo partner tedesco, BioNTech, hanno chiesto ieri alla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti di autorizzare il loro vaccino COVID per l’uso di emergenza per i bambini dai 5 agli 11 anni.

Secondo il Washington Post,un comitato consultivo della FDA si riunirà il 26 ottobre per discutere del vaccino pediatrico COVID di Pfizer.

I funzionari della FDA hanno fatto sapere che una volta presentati i dati sui vaccini per i bambini più piccoli, l’agenzia potrebbe autorizzare un vaccino nel giro di poche settimane – non mesi – ma dipenderà dai tempi e dalla qualità dei dati forniti.

Pfizer e BioNTech hanno presentato i dati iniziali alla FDA il mese scorso per un regime di due dosi di 10 microgrammi nei bambini – un terzo della quantità data ai pazienti più anziani – ma non avevano ancora formalmente richiesto l’autorizzazione fino ad ora.

Secondo Alex Berenson,ex reporter del New York Times e autore di 12 romanzi e due libri di saggistica – e attualmente autore della pubblicazione Substack “Unreported Truths” – i dati clinici di Pfizer relativi al vaccino COVID per bambini dai 5 agli 11 anni, non hanno mostrato alcuna prova di effettivi benefici per la salute dei soggetti che lo hanno ricevuto.

In altre parole, ciò che Pfizer ha dimostrato nel suo studio sui bambini di 2.300 pazienti è che le sue dosi di mRNA possono far sì che i tuoi figli producano proteine spike (e hanno effetti collaterali)“, ha dichiarato Berenson.

Secondo il comunicato stampa di Pfizer del 20 settembre, lo studio non ha mostrato che il vaccino abbia ridotto i ricoveri (che sono fondamentalmente inesistenti nei bambini sani) o anche i casi lievi“, afferma Berenson.

Da nessuna parte nel comunicato stampa di Pfizer è riportato che il vaccino abbia fatto qualcosa per rendere i bambini più sani, ha spiegato Berenson. “Ma ha rivelato effetti collaterali generalmente paragonabili a quelli osservati nei partecipanti di età compresa tra 16 e 25 anni“, ha detto. “In altre parole, mal di testa (a volte gravi), affaticamento e febbre.

Miocardite clinicamente significativa? Chi lo sa. Con appena 1.000 ragazzi che hanno partecipato alla sperimentazione, anche gli effetti collaterali abbastanza comuni possono passare inosservati“.

fonte

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Troppe criticità per il green pass. Richiesto rinvio di 15 giorni da Confindustria Emilia Romagna

Read Next

Pubblicata circolare Ministero della Salute: terza dose per tutti gli over 60, i fragili e per gli operatori sanitari – Circolare n.45886 dell’8 ottobre 2021

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.