• Ottobre 2, 2022

GRAVE – Oltre 14.000 persone vaccinate, ricoverate o morte per Covid

Più di 14.000 persone vaccinate negli Stati Uniti hanno riportato una nuova infezione da coronavirus, anche grave.

A partire dal 7 settembre, almeno 11.440 persone infettate nonostante il vaccino, sono state ricoverate in ospedale e 2.674 sono morte, secondo i dati dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie(CDC).

Le cifre potrebbero essere ancora più alte, poiché solo 49 stati stanno segnalando i conteggi di casi covid post vaccino al CDC in questo momento.

La scorsa settimana, un nuovo studio del CDC ha rilevato che la variante Delta altamente contagiosa ha causato casi di infezione post vaccinale più gravi di quanto i funzionari si aspettassero.

Gli ultimi dati del CDC mostrano anche l’impatto che la variante Delta sta avendo sulla nazione. Il ceppo predominante ha rapidamente aumentato il numero di casi gravi da infezione “rivoluzionaria”.

I dati raccolti dal New York Times ad agosto mostrano che in appena un mese, il numero di ricoveri rivoluzionari era aumentato di circa 3.600 e il numero di morti rivoluzionarie era aumentato di 1.000.

Le infezioni da COVID-19 stanno anche dimostrando di avere esiti più avversi per le persone anziane, che in precedenza erano più suscettibili a malattie gravi.

Mentre gli over 65 continuano ad avere i più alti tassi di vaccinazione, rappresentano anche la più grande percentuale di ricoveri e decessi legati aale infezioni post vaccino – rispettivamente l’81% e l’87% – suggerendo che la decisione di sottoporsi a vaccinazione, non li ha salvati dal decorso grave della malattia.

Nonostante l’inaspettata minaccia che la variante rappresenta per gli individui vaccinati, i funzionari sanitari federali stanno ancora invitando le persone a fare il vaccino, soprattutto perché lo studio della scorsa settimana ha rilevato che le persone non vaccinate hanno 11 volte più probabilità di morire di COVID-19 rispetto a quelle che sono state vaccinate.

“Inoltre, le persone che non sono state completamente vaccinate sono circa cinque volte più a rischio di essere infettate da COVID-19 rispetto alle persone che sono completamente vaccinate”, ha riferito un portavoce del CDC a Newsweek.

“I risultati mostrano che i vaccini continuano a fornire una forte protezione contro il COVID-19 grave anche se forniscono meno protezione contro la variante Delta rispetto ad altre varianti del virus”.

Il numero di casi gravi legati a un’infezione rivoluzionaria rappresenta meno dello 0,01% degli oltre 178 milioni di persone che hanno ricevuto il vaccino.

Il dottor Matthew Sims, un medico di malattie infettive presso la Beaumont Health del Michigan, ha dichiarato a Newsweek che mentre le metriche del coronavirus possono aiutarci a valutare il numero di persone che soffrono di gravi malattie dal virus, i numeri non sempre dipingono l’intero quadro.

Ad esempio, mentre alcuni pazienti con infezioni rivoluzionarie vengono ricoverati in ospedale, stanno andando molto meglio di quelli che non sono stati vaccinati.

Mi sto prendendo cura di molti di questi pazienti in questo momento”, ha detto Sims.

“Quasi tutti erano non vaccinati. I vaccinati in realtà non erano molto gravi. In effetti, c’era una coppia per cui ho pensato: perché queste persone sono state ammesse? A volte sono stati ammessi per eccesso di cautela”.

Altre volte, ha riportato, potrebbe essere perché il paziente vaccinato è immunosoppresso o è risultato positivo al virus nonostante l’avesse già cotratto mesi prima.

“In realtà ci sono alcuni pazienti che ho visto che probabilmente avevano una sorta di covid residuo”, ha spiegato Sims.

Queste sono persone che hanno avuto il covid alcuni mesi fa, sono state vaccinate nel mezzo, ora stanno arrivando in ospedale per qualche altra ragione e risultano positive al COVID. Quando ho chiamato il laboratorio e ho guardato il test, i pazienti erano positivi. Probabilmente è quello che chiamiamo strascico, dove rimangono positivi per un po ‘. “

Anche se i vaccini si sono dimostrati efficaci, il CDC raccomanda che chiunque, indipendentemente dallo stato di vaccinazione, che vive in un’area con trasmissione sostanziale o elevata del virus deve indossare una mascherina negli spazi pubblici al chiuso.

L’agenzia raccomanda inoltre che le persone vaccinate e immunocompromesse seguano le stesse precauzioni delle persone non vaccinate, perché hanno maggiori probabilità di incappare in un’ infezione post vaccino.

“Ci si aspettano casi di infezioni post vaccino ( rivoluzionari)”, afferma il CDC sul suo sito web.

“I vaccini COVID-19 sono efficaci e sono uno strumento fondamentale per tenere sotto controllo la pandemia. Tuttavia, nessun vaccino è efficace al 100% nel prevenire le malattie”.

“Alcune persone completamente vaccinate si ammaleranno e alcune saranno persino ricoverate in ospedale o moriranno di COVID-19. Tuttavia, ci sono prove che la vaccinazione può rendere la malattia meno grave per coloro che sono vaccinati e si ammalano ancora. Il rischio di infezione, ospedalizzazione e morte sono tutti molto più bassi nei vaccinati rispetto alle persone non vaccinate”.

“Inoltre, le persone che non sono state completamente vaccinate hanno un rischio circa cinque volte maggiore di essere infettate da COVID-19 rispetto alle persone che sono completamente vaccinate”, ha commentato un portavoce del CDC a Newsweek.

fonte

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Palermo, 12 positivi alla centrale operativa del 118: tutti vaccinati, a casa in isolamento

Read Next

“Rivoglio solo la mia vita indietro” 16enne che ha sviluppato sintomi neurologici dopo il vaccino

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.