• Gennaio 27, 2023

I bambini sviluppano risposte immunitarie robuste e sostenute cross-reattive specifiche per spike all’infezione da SARS-CoV-2 – STUDIO

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Astratto

L’infezione da SARS-CoV-2 è generalmente lieve o asintomatica nei bambini, ma una base biologica per questo risultato non è chiara. Qui confrontiamo l’immunità anticorpale e cellulare nei bambini (di età compresa tra 3 e 11 anni) e negli adulti.

Le risposte anticorpali contro la proteina spike erano elevate nei bambini e la sieroconversione ha potenziato le risposte contro i beta-coronavirus stagionali attraverso il riconoscimento incrociato del dominio S2. La neutralizzazione delle varianti virali era paragonabile tra bambini e adulti. Le risposte delle cellule T specifiche di Spike erano più del doppio nei bambini e sono state rilevate anche in molti bambini sieronegativi, indicando risposte cross-reattive preesistenti ai coronavirus stagionali. È importante sottolineare che i bambini hanno mantenuto le risposte anticorpali e cellulari 6 mesi dopo l’infezione, mentre il calo relativo si è verificato negli adulti. Anche le risposte specifiche di Spike sono state sostanzialmente stabili oltre i 12 mesi. Pertanto, i bambini generano risposte immunitarie robuste, cross-reattive e sostenute a SARS-CoV-2 con specificità focalizzata per la proteina spike. Questi risultati forniscono informazioni sulla relativa protezione clinica che si verifica nella maggior parte dei bambini e potrebbero aiutare a guidare la progettazione di regimi di vaccinazione pediatrica[…]

I vaccini COVID-19 vengono ora somministrati ampiamente alle popolazioni adulte e vengono anche consegnati ai bambini in alcuni paesi. Pertanto, è imperativo comprendere il profilo delle risposte immunitarie specifiche di SARS-CoV-2 nei bambini dopo l’infezione naturale per informare la strategia di vaccinazione. In questo studio, forniamo una caratterizzazione completa della risposta immunitaria umorale e cellulare convalescente in una coorte di 91 bambini in età scolare rispetto a 154 adulti che partecipano allo studio di sorveglianza COVID-19 nelle scuole KID (sKID). Dimostriamo un profilo marcatamente diverso di risposta immunitaria dopo l’infezione da SARS-CoV-2 nei bambini rispetto agli adulti. Questi risultati hanno potenziali implicazioni per la comprensione delle risposte immunitarie protettive o patologiche alle infezioni nei bambini e potrebbero aiutare a guidare e interpretare i regimi di vaccinazione COVID-19 per i bambini.

Risultati

I bambini sviluppano robuste risposte anticorpali a SARS-CoV-2

I campioni di sangue sono stati ottenuti da 91 bambini e 154 adulti, tra cui 35 bambini e 81 adulti noti per essere sieropositivi nei precedenti cicli di test. Tutte le infezioni erano asintomatiche o lievi e nessun personale o studente nella coorte richiedeva cure mediche o ricovero in ospedale. L’età media dei bambini era di 7 anni (range 3-11) mentre quella degli adulti era di 41 anni (range 20-71). Il profilo dell’anticorpo SARS-CoV-2 è stato valutato utilizzando la piattaforma sierologica V-PLEX Meso Scale Discovery (MSD) per determinare le risposte sierologiche contro spike, dominio di legame del recettore (RBD), dominio N-terminale (NTD) e nucleocapside (N). In totale, il 47% dei bambini e il 59% degli adulti erano sieropositivi (Tabella supplementare 1). Per garantire la sensibilità dei nostri test, abbiamo ottenuto campioni di plasma convalescente da 35 bambini con SARS-CoV-2 confermato dalla PCR. Trentaquattro erano sieropositivi nel test, mentre 1 donatore non ha montato alcuna risposta anticorpale rilevabile a nessun antigene testato. I campioni di plasma prepandemico di 9 bambini e 50 adulti hanno tutti dato risultati negativi e hanno dimostrato la specificità del test .

I bambini sieropositivi e gli adulti hanno dimostrato risposte anticorpali sostanzialmente simili contro le proteine virali. Tuttavia, i titoli geometrici medi degli anticorpi contro tutte e quattro le regioni erano più alti nei bambini, in particolare contro i domini NTD e RBD, che hanno mostrato aumenti di 2,3 volte e 1,7 volte, rispettivamente, sebbene questi non abbiano raggiunto la significatività statistica . A differenza dei rapporti precedenti, abbiamo anche osservato risposte anticorpali contro le nucleoproteine, con un titolo anticorpale aumentato di 1,3 volte rispetto agli adulti.

Link allo studio : Children develop robust and sustained cross-reactive spike-specific immune responses to SARS-CoV-2 infection | Nature Immunology

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Fusione cellulare come collegamento tra la proteina spike SARS-CoV-2, le complicanze COVID-19 e gli effetti collaterali del vaccino – STUDIO

Read Next

Innsbruck. Muore improvvisamente a 12 anni Leo Forstenlechner. Giocava nella squadra di calcio under13. Secondo conoscenti aveva da poco ricevuto il vaccino

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock