• Dicembre 4, 2022

I neonati di 6 mesi potrebbero presto essere idonei per i vaccini COVID

Anche i bambini di soli 6 mesi potrebbero presto essere idonei, sottolinea uno studio pubblicato il 7 ottobre di quest’anno sul Journal Toxicology Reports.

“Dato che il rischio di contrarre COVID-19 con esiti gravi è trascurabile in questa popolazione, procedere con l’inoculazione di massa di bambini di 12-15 anni sulla base degli studi condotti non può essere giustificato da alcun risultato del rapporto costi-benefici… Pfizer ha iniziato ad arruolare bambini sotto i 12 anni per valutare l’inoculante mRNA COVID-19. Inoltre, Comirnaty sarà valutato in un nuovo studio clinico per bambini di età compresa tra 6 mesi e 11 anni. Nella prima fase, lo studio arruolerà 144 persone e identificherà la dose richiesta per 3 gruppi di età (6 mesi – 2 anni, 2-5 anni e 5-11 anni).”

fonte

I risultati sono attesi entro la fine del 2021 e con il rapido lancio e l’approvazione dei vaccini resi disponibili ai gruppi di età più avanzata, una grande maggioranza di bambini in più paesi, come gli Stati Uniti e il Canada, sarà “completamente vaccinata” entro la fine del 2022. Ciò solleva una questione importante.

“Completamente vaccinato” sarà un obiettivo che cambierà per sempre a causa della protezione calante fornita dal vaccino?

Sembra che sarà proprio così. Lo zar israeliano del coronavirus, il dottor Salman Zarka, ha dichiarato che i cittadini israeliani avranno bisogno di una 4a dose di un vaccino contro il coronavirus per rimanere “completamente vaccinati”.

Le dosi multiple di vaccino sono uno dei tanti motivi per cui i genitori sono riluttanti a vaccinare i propri figli. Uno dei motivi principali è perché i bambini hanno una probabilità di sopravvivenza del 99,97 %(secondo più studi di sieroprevalenza). Hanno maggiori probabilità di morire per molteplici altre cause piuttosto che morire di COVID, inclusa l’influenza.

La maggior parte delle persone chesono decedute in seguito al COVID sono state quelle con comorbidità e altri problemi di salute. Questo è stato evidente un anno dopo la pandemia.

Unitamente al punto sopra, a causa di questo alto tasso di sopravvivenza molti sentono di voler “fidarsi della scienza” quando si tratta di immunità naturale.

Sono stati pubblicati circa 20 studi che delineano quanto possa essere forte e robusta la protezione dall’immunità naturale.

Abbiamo trovato cellule produttrici di anticorpi nelle persone 11 mesi dopo i primi sintomi. Queste cellule vivranno e produrranno anticorpi per il resto della vita delle persone. Questa è una forte prova di un’immunità di lunga durata. – Autore senior

Ali Ellebedy, PhD, professore associato di patologia e immunologia, di medicina e microbiologia.

Questo è uno dei tanti argomenti che i genitori stanno opponendo quando si tratta di vaccinare i propri figli, unitamente alle reazioni avverse da vaccino segnalate. Il Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS) segnala più di 17.000 decessi. Di questi decessi segnalati, solo 7.848 hanno avuto luogo negli Stati Uniti, il resto proviene da tutto il mondo. VAERS segnala anche 26.199 disabilità permanenti da vaccini COVID. Circa 83.000 sono stati ricoverati in ospedale e le segnalazioni di reazioni avverse si avvicinano al milione. Secondo lo studio in Toxicology Reports, “VAERS sta sottostimando le morti effettive di circa due ordini di grandezza”.

La sottostima delle reazioni avverse ai farmaci da prescrizione è estremamente alta, così come i danni da vaccino. Questi autori ipotizzano che la sottostima dei decessi a seguito del vaccino possa aver portato a un numero 1000 volte inferiore di quello reale. Uno studio di Harvard Pilgrim pubblicato nel 2010 ha riferito che meno dell’1% dei danni da vaccino sono probabilmente segnalati.

Ci sono anche moltissimi post sui social media di persone che condividono i loro eventi avversi da vaccino . Alcuni di loro hanno affrontato negazione da parte dei medici.

Stephanie De Garay ha documentato la via crucis di sua figlia dopo che si è ammalata gravemente in seguito all’ assunzione della seconda dose del vaccino COVID da Pfizer. Garay ha menzionato la negazione che ha affrontato in una conferenza stampa durante l’estate, al punto che alcuni medici non hanno nemmeno considerato il vaccino come la causa del suo infortunio.

Un recente studio dell’Università della California ha dimostrato che i ragazzi di età compresa tra 12 e 15 anni hanno un rischio maggiore di miocardite a causa del vaccino rispetto al rischio di essere ricoverati in ospedale per COVID.

Ci sono state più segnalazioni di morte per miocardite a seguito della vaccinazione COVID, tra cui un ragazzo del Michigan di 13 anni che è morto il 16 giugno, tre giorni dopo aver ricevuto la sua seconda dose del vaccino COVID di Pfizer. A partire dal 7 agosto, ci sono stati 106 episodi di miocardite / pericardite in Ontario, Canada in persone di età inferiore ai 25 anni.

Svezia, Islanda, Danimarca, Islanda e Finlandia hanno sospeso il vaccino Moderna per le persone nate dopo il 1991 a causa di problemi cardiaci indotti dal vaccino.

Se infettati da COVID-19, i bambini di età compresa tra 0 e 9 anni hanno in media una probabilità dello 0,1% o 1/1000 di essere ricoverati in ospedale, e se sono ricoverati in ospedale le possibilità di sopravvivenza sono molto alte. L’American Academy of Pediatrics ha anche confermato che mentre la variante Delta sta infettando più bambini, non sta causando un aumento della gravità della malattia. Hanno anche scoperto che lo 0,1-1,9% dei casi di COVID-19 infantile ha provocato ricoveri ospedalieri e lo 0,00-0,03% di tutti i casi di covid-19 infantile ha provocato la morte.

Non è stata condotta un’adeguata analisi costi/benefici. Anche la mancanza di dati sulla sicurezza a lungo termine è un problema importante, eppure stanno spingendo questi vaccini sui bambini come se fossero completamente sicuri.

Al 28 maggio 2021,ci sono stati 259.308 casi confermati di infezioni da SARS-CoV-2 nei canadesi di età non inferiore a 19 anni. Di questi, lo 0,48% è stato ricoverato in ospedale, lo 0,06% è stato ricoverato in terapia intensiva e lo 0,004% è morto. Per i bambini, l’influenza stagionale è associata a una malattia più grave rispetto a COVID-19.

Anche l’idea che i bambini siano una delle principali fonti di trasmissione è stata pesantemente fonte di dibattito, eppure quella parte di scienza che mette in discussione che i bambini non siano “super diffusori”, non ha ricevuto molta attenzione.

Numerosi studi su una popolazione osservazionale di grandi dimensioni dimostrano che i bambini sono POVERI diffusori di COVID-19. Ciò include studi provenienti da Irlanda, Islanda, Italia, Francia e Australia. Per un link a un elenco di riferimento più completo, vedere Washington University Pediatric & Adolescent Ambulatory Research Consortium.

Per questi e altri motivi, la vaccinazione per i bambini di qualsiasi età sembra abbastanza discutibile, per non parlare dei bambini di 6 mesi.

Un articolo pubblicato sull’European Journal of Medical Ethics all’inizio di luglio 2021 spiega perché i bambini non dovrebbero essere tenuti o incoraggiati a sottoporsi al vaccino COVID-19 in questo momento.

La prospettiva condivisa da questi esperti è completamente in contrasto con le autorità sanitarie governative di tutto il mondo, ma si uniscono a un numero molto elevato di medici e scienziati che si oppongono alla politica del governo durante il COVID.

Vaccinare i bambini sarebbe un modo per trattarli come semplici mezzi per servire gli interessi di altre persone o una qualche forma di bene collettivo. Lo abbiamo già fatto attraverso blocchi indiscriminati e altre restrizioni, come la chiusura delle scuole.

Usare i bambini come mezzi o anche semplici mezzi in questo modo potrebbe non essere necessariamente sbagliato, ma può essere giustificato solo se il costo imposto è sufficientemente piccolo e il beneficio sufficientemente grande.

Sfortunatamente, i vaccini COVID-19 attualmente disponibili non soddisfano nessuna delle due condizioni, dato il nostro attuale stato di conoscenza.

Non solo vaccinare i bambini comporterebbe rischi per loro senza alcun beneficio diretto sostanziale. Inoltre, vaccinare i bambini può offrire un bene collettivo solo se questo riduce i livelli di infezione nella comunità. Tuttavia, mentre i vaccini COVID-19 quasi certamente forniranno una protezione a lungo termine contro gravi malattie e morte, i loro effetti di blocco delle infezioni sono incompleti e molto probabilmente transitori. Ciò significa che in realtà non vi è alcun beneficio collettivo da scambiare con danni individuali ai bambini.

Sunetra Gupta, epidemiologa di malattie infettive dell’Università di Oxford. Carl Heneghan, un medico di pronto soccorso del NHS e professore di Evidence Based Medicine presso l’Università di Oxford, e Alberto Giubilini, ricercatore senior in malattie infettive a Oxford.

fonte

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

3 motivi scientifici per cui molti genitori non vaccineranno i loro figli contro il COVID

Read Next

Nuova Zelanda, il piano “No Jab, No Job” niente vaccino, niente lavoro