• Febbraio 9, 2023

I vaccini Covid aumentano il rischio di infarto del 127% – STUDIO

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Un nuovo studio scientifico suggerisce che le iniezioni di mRNA Covid-19 aumentano il rischio di subire un infarto di almeno il 127%.

Gli attacchi di cuore sono una condizione infiammatoria e un nuovo studio suggerisce che le iniezioni di mRNA prodotte sia da Pfizer che da Moderna stiano generando un aumento dei marcatori cardiaci.

I marcatori più alti suggeriscono che nel gruppo di studio di 500 pazienti, il rischio di infarto è raddoppiato, dall’11% al 25% rispetto alla media quinquennale.

Il dottor Aseem Malhotra, un cardiologo, sottolinea che nel Regno Unito ci sono stati 10.000 decessi non Covid in eccesso, molti dei quali dovuti a infarto e ictus. Se i vaccini a mRNA aumentassero il rischio di attacchi di cuore, anche temporaneamente, questo spiegherebbe alcune delle morti in eccesso. L’infiammazione potrebbe essere temporanea, ma la morte di solito non lo è.

Pochi giorni dopo la pubblicazione di questi risultati inquietanti, un informatore e ricercatore di un altro gruppo ha contattato il dottor Aseem Malhotra per riferire che negli studi di imaging sono state riscontrate infiammazioni nelle arterie coronarie dopo la vaccinazione.

Il dottor Malhotra menziona i risultati del “documento di Steven Gundry“. Il gruppo di Gundry ha utilizzato un test standard per prevedere il rischio di attacchi di cuore nei pazienti negli ultimi otto anni. Ma hanno notato che alcuni dei marcatori del sangue che stavano cercando nel test erano significativamente più alti dopo la seconda dose di vaccinazione contro l’mRNA.

Concludiamo che il vaccino a mRNA aumenta drasticamente l’infiammazione sull’endotelio e l’infiltrazione delle cellule T del muscolo cardiaco e può spiegare l’aumento della trombosi, cardiomiopatia e altri eventi vascolari osservati dopo la vaccinazione.

I marcatori del sangue che usano nel PLUS Cardiac Test (GD Biosciences) includono molecole infiammatorie come l’interleuchina-16 (IL-16), così come altre come Fas solubile e fattore di crescita degli epatociti (HGF). Le persone a rischio di arresto cardiaco in genere vengono monitorate ogni 3 – 6 mesi.

Il gruppo di Gundry ha seguito 566 persone sia prima che dopo la loro seconda vaccinazione, per vedere come è cambiato il punteggio PULS. Sorprendentemente molti dei marcatori sono raddoppiati. Il documento è un preprint e sfortunatamente disponibile solo come abstract per ora.

Ma ci sono molte ragioni per concludere che marcatori come IL-16 non sono solo un indice per il rischio cardiaco, ma attivamente coinvolti con esso.

Ulteriori prove disponibili dalla Scozia supportano anche i risultati dello studio.

I dati disponibili da Public Health Scotland mostrano che i decessi in eccesso in Scozia sono in aumento dalla metà di maggio 2021, nonostante un enorme calo dei decessi per Covid-19, con gli under 65 che hanno visto un aumento fino al 40% del numero di decessi rispetto alla media quinquennale.

Ma ulteriori statistiche vanno in qualche modo a spiegare l’aumento dei decessi tra i giovani adulti, perché i dati sui problemi di salute cardiovascolari mostrano che alcune settimane da maggio 2021 hanno visto un aumento fino al 118% del numero di casi cardiovascolari tra i 15-44enni e fino a un aumento del 72% del numero di casi cardiovascolari tra i 45-64enni.

Il grafico sopra, a cui è possibile accedere sul  “COVID-19 wider impacts on the health care system” di Public Health Scotland, mostra che i decessi in eccesso sono aumentati in tutte le fasce d’età. Ma sorprendentemente, l’aumento maggiore è stato tra gli under 65, con la fascia di età che ha registrato un aumento del 40% rispetto alla media quinquennale nella settimana che si è conclusa il 17 ottobre 2021.

La Scozia ha anche visto un aumento significativo del numero di casi cardiovascolari nei servizi fuori orario da circa giugno 2021.

Questa immagine ha un attributo alt vuoto; il suo nome file è image-6.png

Il grafico sopra mostra il numero settimanale di casi cardiovascolari in “servizi fuori orario” durante il 2021 rispetto alla media 2018-2019, e dimostra chiaramente che qualcosa è andato drasticamente storto da giugno in poi, e sembra mostrare che i casi stiano aumentando ulteriormente rispetto al tasso previsto.

Un’ulteriore ripartizione dei dati di cui sopra per fascia di età mostra anche che il maggior numero di casi cardiovascolari si verifica tra i 15-44 anni.

Questa immagine ha un attributo alt vuoto; il nome del file è image-8.png

Il grafico sopra mostra che i casi cardiovascolari nei “servizi fuori orario” tra i 15-44enni sono stati superiori del 118% rispetto alla media 2018-2019 nella settimana che si è conclusa l’ 11 Luglio 2021, con l’ultima settimana che mostra un aumento del 73% superiore al tasso previsto al 24 ottobre 2021.

Anche i casi cardiovascolari tra la fascia di età successiva sono aumentati, con i 45-64enni che hanno registrato un aumento del 47,4% del numero di casi cardiovascolari rispetto alla media storica nella settimana che si è conclusa l’8 agosto.

Questa immagine ha un attributo alt vuoto; il suo nome file è image-9.png

Adolescenti e giovani adulti sono anche in cima alla classifica in termini di numero di casi cardiovascolari in “servizi fuori orario” con 148 casi che si sono verificati nella settimana che termina l’11 luglio, 147 casi verificatisi nella settimana terminata il 12 settembre e 145 casi nella settimana che termina il 24 ottobre.

Ciò si confronta con 48, 54 e 57 casi verificatisi tra i 45-64 anni durante le stesse settimane, con gli over 65 che registrano non più di 29 casi per fascia di età per tutto il 2021.

I dati mostrano che questi decessi non possono essere attribuiti al Covid-19 e ulteriori dati mostrano che i giovani di 15-44 anni hanno subìto un inquietante aumento del numero di incidenti cardiovascolari nello stesso arco di tempo.

Coaguli di sangue, miocardite e pericardite sono note potenziali reazioni avverse ai vaccini Covid-19; Si verificano principalmente nei giovani adulti e adolescenti .

Stiamo assistendo a un improvviso aumento di problemi cardiaci a carico degli atleti professionisti nel corso del 2021, ci sono dozzine di articoli di notizie che confermano genitori, giovani adulti e adolescenti che muoiono improvvisamente. Non ci vuole un genio per capire che il denominatore comune in tutti questi eventi sono i vaccini sperimentali Covid-19, soprattutto ora che un nuovo studio scientifico suggerisce che i vaccini Covid aumentano il rischio di subire un infarto del127%.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Scoppia un altro Pfizergate. Report esclusivo di Trial Site News. 1228 decessi nei trial clinici del vaccino Pfizer non dichiarati

Read Next

Dichiarazione del “World Council for Health” sui vaccini Covid-19

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock