• Febbraio 7, 2023

Il B20 invita il G20 ad adottare PASSAPORTI VACCINALI utilizzando gli standard dell’OMS e a promuovere schemi di IDENTITÀ DIGITALE

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


ID digitale, passaporti per vaccini possono dare a governi e aziende il potere di incentivare, costringere o manipolare in altro modo il comportamento umano: la prospettiva.

Il B20 chiede al G20 di adottare passaporti vaccinali secondo gli standard dell’OMS e di promuovere sistemi di identità digitale. In vista del vertice del Gruppo dei Venti (G20) del 15 novembre, il Business 20 (B20) ha tenuto il proprio vertice a Bali, in Indonesia, dal 13 al 14 novembre.

Il primo giorno del vertice B20, il Ministro della Salute indonesiano Budi Gunadi Sadikin ha dichiarato che i Paesi del G20 dovrebbero adottare un “certificato sanitario digitale che utilizzi gli standard dell’OMS” e che stanno cercando di introdurre questo tipo di passaporto vaccinale nei “regolamenti sanitari internazionali” durante la prossima Assemblea Mondiale della Sanità a Ginevra.

“Abbiamo un certificato sanitario digitale riconosciuto dall’OMS – se sei stato vaccinato o testato correttamente – puoi muoverti” – Budi Gunadi Sadikin, Ministro della Salute indonesiano, Summit B20 2022

“I Paesi del G20 hanno concordato questo certificato digitale utilizzando lo standard dell’OMS e lo presenteremo alla prossima Assemblea Mondiale della Sanità di Ginevra come revisione della normativa sanitaria internazionale” – Budi Gunadi Sadikin, Ministro della Salute indonesiano, al Vertice B20 2022.

“Per la prossima pandemia, invece di bloccare la circolazione delle persone al 100% […] si potrà garantire una certa circolazione delle persone”.

“L’Indonesia ha ottenuto, e i Paesi del G20 hanno concordato, questo certificato digitale che utilizza lo standard dell’OMS, e lo presenteremo alla prossima Assemblea Mondiale della Sanità di Ginevra come revisione della normativa sanitaria internazionale.

“Speriamo che per la prossima pandemia si possa ancora vedere un po’ di movimento di persone, di merci e di economia”, ha concluso Sadikin al Vertice B20.

Prima di diventare Ministro della Sanità indonesiano, Sadikin ha lavorato in posizioni di alto livello presso Bank Bali, Bank Mandiri, ABN AMRO Bank Indonesia, PT Bank Danamon e IBM.

“Garantire una risposta coordinata a livello globale per le crisi future, rafforzata da un’infrastruttura sanitaria globale sempre attiva” – Raccomandazione politica del B20, 2022.

La richiesta del ministro della Sanità indonesiano di un certificato sanitario digitale, che funga da passaporto per i vaccini, è entrata a far parte delle raccomandazioni politiche ufficiali del B20 al G20.

Secondo il comunicato finale del B20 Indonesia 2022, di 132 pagine: Policy Recommendations to the G20, i Paesi membri dovrebbero “Promuovere ulteriori scambi e l’uso strategico e la condivisione di scienza, tecnologia e dati appropriati per l’individuazione delle crisi, creando un quadro di coordinamento globale per la mitigazione delle crisi future”.

Queste raccomandazioni politiche includono, ma non si limitano a:

  • Adozione della documentazione digitale dei certificati COVID-19.
  • Creazione di solide linee guida sulla preparazione alle emergenze sanitarie per garantire una risposta coordinata a livello globale per le crisi future, rafforzata da un’infrastruttura sanitaria globale “sempre attiva” e abilitata dalla tecnologia.
  • Implementare ed estendere il riconoscimento reciproco dei vaccini COVID-19.

“Un lasciapassare sanitario basato esclusivamente sullo stato vaccinale individuale può aumentare il rischio di diffusione delle malattie” – Organizzazione Mondiale della Sanità, agosto 2021

Nell’agosto del 2021, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha pubblicato una guida di 99 pagine sull’implementazione della documentazione digitale dei certificati COVID-19, alias passaporti vaccinali, affermando che “un pass sanitario basato esclusivamente sullo stato vaccinale individuale può aumentare il rischio di diffusione delle malattie”.

Questo perché non è mai stato dimostrato che i “vaccini” COVID-19 prevengano la trasmissione o l’infezione, e recentemente è emerso al Parlamento europeo che Pfizer non ha mai testato il suo prodotto per bloccare la trasmissione.

Nonostante queste conoscenze siano di dominio pubblico, il B20 continua a raccomandare la prova della vaccinazione come mezzo per viaggiare.

“Questi passaporti [vaccinali] servono per natura come forma di identità digitale” – World Economic Forum, febbraio 2022

“Il G20 dovrebbe sostenere la progettazione di politiche volte a promuovere le identità digitali come elemento costitutivo della privacy dei dati e della fiducia digitale” – Raccomandazione politica del B20, 2022

Secondo il World Economic Forum (WEF), il passaporto vaccinale, per sua stessa natura, è una forma di identità digitale.

Un’identità digitale comprende tutto ciò che vi rende unici nel regno digitale ed è un sistema in grado di consolidare tutti i vostri dati intimi più personali, compresi i siti web che visitate, i vostri acquisti online, le cartelle cliniche, i conti finanziari e le persone con cui siete amici sui social media.

Ora, il comunicato finale del B20 raccomanda anche, come questione politica, che il G20 sostenga e promuova non solo i passaporti vaccinali, ma anche i sistemi di identità digitale pubblici e privati.

Si dice che questi sistemi di identità digitale contribuiscano a rafforzare l’inclusione finanziaria, a mitigare le crisi e a fungere da “mattone per la privacy dei dati e la fiducia digitale”.

Tuttavia, gli schemi di identità digitale possono dare a governi e aziende il potere di incentivare, costringere o manipolare in altro modo il comportamento umano nell’ambito di un sistema di credito sociale.

Le identità digitali possono essere utilizzate per determinare quali prodotti, servizi e informazioni sono a nostra disposizione e possono certamente essere utilizzate da enti pubblici e privati per negarci l’accesso.

“Questa identità digitale determina i prodotti, i servizi e le informazioni a cui possiamo accedere – o, al contrario, ciò che ci è precluso” – World Economic Forum

Fonte: World Economic Forum

“Il G20 dovrebbe chiedere alle MDB [Banche Multilaterali di Sviluppo] di sostenere i governi nello sviluppo e nell’implementazione di schemi di identità digitale per rafforzare l’inclusione finanziaria” – Raccomandazione Politica del B20, 2022

Il comunicato finale del B20 invita il G20 a “Promuovere l’adozione di infrastrutture digitali (cloud, identificazione digitale, sistemi di pagamento digitali, firme digitali, tra gli altri) e a facilitare l’importanza della libera circolazione dei dati con fiducia e dei flussi di dati transfrontalieri, sulla base del rispetto dei quadri giuridici nazionali di ciascun Paese”.

Queste raccomandazioni politiche sostengono che:

  • Il G20 dovrebbe sostenere l’elaborazione di politiche volte a promuovere le identità digitali come elemento costitutivo della privacy dei dati e della fiducia digitale.
  • Il G20 dovrebbe promuovere la consapevolezza e aumentare la collaborazione tra settore pubblico e privato per migliorare l’interoperabilità degli strumenti che promuovono il consenso e l’autorizzazione, come la firma digitale e le piattaforme di autenticazione forte, per promuovere la fiducia nell’ecosistema digitale.
  • Il G20 dovrebbe adottare piani d’azione per realizzare i benefici dei sistemi di pagamento digitali inclusivi attraverso diverse azioni, come la digitalizzazione dei pagamenti pubblici e l’impegno attivo nell’agenda normativa.
  • Il G20 dovrebbe promuovere l’uso del cloud all’interno di enti pubblici e privati.
  • Il G20 dovrebbe promuovere politiche e aumentare la collaborazione per costruire capacità di R&S e garantire che gli sforzi di R&S si traducano effettivamente in impatti tangibili come parte degli sforzi per sviluppare capacità avanzate nelle infrastrutture digitali, come l’applicazione della blockchain.
  • Il G20 dovrebbe sostenere maggiori investimenti infrastrutturali e partnership pubblico-privato su iniziative digitali per individuare le frodi.
  • Il G20 dovrebbe consentire flussi di dati transfrontalieri sicuri e ordinati con fiducia, sulla base di quadri giuridici globali, regionali e nazionali applicabili per la privacy e la protezione dei dati.
  • Il B20 è il forum ufficiale del G20 per il dialogo con la comunità imprenditoriale mondiale ed è incaricato di formulare raccomandazioni politiche su determinate questioni.

Le raccomandazioni vengono poi consegnate alla Presidenza del G20 in occasione del Vertice B20, che si svolge in concomitanza con il Vertice del G20.

Il G20 è un forum che comprende diciannove Paesi con alcune delle maggiori economie mondiali, oltre all’Unione Europea (UE).

I Paesi sono Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cina, Francia, Germania, India, Indonesia, Italia, Giappone, Messico, Russia, Arabia Saudita, Sudafrica, Corea del Sud, Turchia, Regno Unito e Stati Uniti.

Secondo il Council on Foreign Relations, la Spagna è invitata come ospite permanente.

SOURCE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Generale ha un malore durante una commemorazione, trasportato in ospedale in elicottero

Read Next

Giovanissima scienziata muore durante immersione in mare Pantelleria

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock