• Gennaio 27, 2023

Il nuovo regolamento dell’UE consente di aggiungere grilli al cibo

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Di  Stefan Brandl

Gli oligarchi occidentali come Rockefeller, Ford, Gates, Soros e altri vogliono da tempo sostituire o almeno integrare l’agricoltura con la produzione alimentare industriale. Gli insetti, i grilli, i vermi da pasto e altre creature simili facilmente allevabili devono fornire le materie prime per questo scopo.

Il 4 gennaio 2023, l’UE ha autorizzato l’aggiunta di insetti (grilli domestici ) ai prodotti da forno, alla pasta e ad altri prodotti semilavorati “destinati alla popolazione”.
Completamente inosservata dai media tradizionali, l’Unione europea ha annunciato il nuovo regolamento nella Gazzetta ufficiale dell’UE il 4 gennaio 2023. L’autorizzazione decorre 20 giorni dopo la pubblicazione e deve essere attuata da tutti gli Stati membri dell’UE senza eccezioni dopo 20 giorni (dal 24.01.2023).

Sebbene le prove pubblicate relative alle allergie e alle possibili reazioni anafilattiche siano davvero esigue, la Commissione UE ritiene che non sia necessario registrare requisiti specifici di etichettatura sulle possibili reazioni allergiche.

Ne abbiamo parlato qui:

Tuttavia, è molto probabile che le persone allergiche ai crostacei, ai molluschi e agli acari della polvere domestica possano soffrire di reazioni allergiche quando consumano prodotti con aggiunta di grilli domestici.

Il fatto che ci sia un “obbligo di etichettatura” solo se il prodotto contiene esclusivamente grilli domestici (Acheta domesticus) è irresponsabile.

Ciò significa che i cittadini dell’UE devono scoprire da soli che l'”Acheta domesticus” viene macinata in polvere e aggiunta agli alimenti e dovranno verificare sotto la propria responsabilità se possono esserne allergici.

Responsabile dell’autorizzazione: Ursula von der Leyen.


I seguenti prodotti “per la popolazione generale” potrebbero presto arrivare sul mercato dei consumatori con grilli domestici (Acheta domesticus) aggiunti:

Pane multicereali, panini multicereali, cracker e grissini, barrette di cereali, premiscela secca per prodotti da forno, biscotti, paste secche ripiene e non, salse, prodotti trasformati a base di patate, piatti a base di legumi e verdure, pizza surgelata pronta al consumo, pasta generica e prodotti in polvere di siero di latte, analoghi della carne (alternative vegetariane alla carne), zuppe, concentrati di zuppa e polveri di zuppa, snack a base di farina di mais, bevande simili alla birra, prodotti di cioccolato, noci e semi oleosi, snack (eccetto le patatine) e preparazioni a base di carne.

Il protocollo UE è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea il 4 gennaio 2023 .

Questa azienda del Vietnam alleva grilli domestici.

Si pubblicizza con gli “obiettivi sostenibili” dell’ONU e ha già ottenuto la certificazione dell’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (efsa) e buon appetito.

Estratto dalla Gazzetta Ufficiale:

(7) Nel suo parere scientifico, l’Autorità ha concluso che la polvere parzialmente sgrassata di Acheta domesticus (grillo domestico) è sicura nelle condizioni d’uso proposte ai livelli proposti. Di conseguenza, il parere scientifico fornisce prove sufficienti che la polvere parzialmente sgrassata di Acheta domesticus (grillo domestico) è sicura per l’uso in pane e panini multicereali, cracker e grissini, barrette di cereali, premiscele secche per prodotti da forno, biscotti, prodotti di pasta secca ripiena e non ripiena, salse, prodotti trasformati a base di patate, i piatti a base di legumi e verdure, la pizza, i prodotti a base di pasta, il siero di latte in polvere, gli analoghi della carne, le zuppe e i concentrati o le polveri per zuppe, gli snack a base di farina di mais, le bevande simili alla birra, i prodotti a base di cioccolato, la frutta a guscio e i semi oleosi, gli snack diversi dalle patatine fritte e le preparazioni a base di carne per la popolazione generale soddisfano le condizioni per l’immissione sul mercato di cui all’articolo 12, paragrafo 1, del regolamento (UE) 2015/2283.

(8) Nel suo parere, l’Autorità ha inoltre concluso, sulla base di un numero limitato di prove pubblicate sulle allergie alimentari legate agli insetti in generale, che non collegano chiaramente il consumo di Acheta domesticus a una serie di eventi anafilattici, e sulla base di dati che dimostrano che l’Acheta domesticus contiene una serie di proteine potenzialmente allergeniche, che il consumo di questo nuovo alimento può indurre una sensibilizzazione alle proteine dell’Acheta domesticus. L’Autorità ha raccomandato ulteriori ricerche sull’allergenicità dell’Acheta domesticus.

(9) Al fine di seguire la raccomandazione dell’Autorità, la Commissione sta valutando le possibilità di effettuare le necessarie ricerche sull’allergenicità dell’Acheta domesticus. In attesa che l’Autorità valuti i dati generati dalla ricerca e considerando che le prove che collegano direttamente il consumo di Acheta domesticus a casi di sensibilizzazione primaria e allergie non consentono ancora di trarre conclusioni definitive, la Commissione ritiene che nell’elenco dell’Unione dei nuovi alimenti autorizzati NON debbano essere inseriti requisiti specifici di etichettatura relativi al potenziale dell’Acheta domesticus di causare sensibilizzazione primaria.

(10) Nel suo parere, l’Autorità ha anche rilevato che il consumo di polvere parzialmente sgrassata di Acheta domesticus (grillo domestico) può scatenare reazioni allergiche in persone allergiche a crostacei, molluschi e acari della polvere domestica. Inoltre, l’Autorità ha rilevato che altri allergeni possono entrare nel nuovo alimento se questi allergeni sono presenti nel substrato somministrato agli insetti. È quindi opportuno che gli alimenti contenenti polvere parzialmente sgrassata di Acheta domesticus (grillo domestico) siano etichettati di conseguenza, in conformità all’articolo 9 del regolamento (UE) 2015/2283.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Sistemi immunitari danneggiati: ” Il più grande disastro di salute pubblica nella storia del mondo”

Read Next

A nove mesi dal lancio, calo sostanziale del tasso di natalità in 13 paesi europei oltre a Inghilterra/Galles, Australia e Taiwan

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock