• Dicembre 2, 2023

Il quarto quotidiano del Paese: “Carenza di alcuni medicinali. C’è troppa richiesta per alcuni particolari problemi di salute!”

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Il quarto quotidiano per vendite in Spagna, “La Razon”, venerdì 9 dicembre ha pubblicato un articolo dal titolo: “Allarme sanitario: problemi di fornitura di farmaci trombolitici in Spagna a causa dell’aumento della domanda. Questi farmaci sono destinati al trattamento trombolitico nell’infarto miocardico acuto, nell’embolia polmonare o nell’ictus”.

L’aumento della domanda di farmaci trombolitici in Spagna sta causando problemi di approvvigionamento, come riportato questo venerdì dall’Agenzia spagnola per i medicinali e i prodotti sanitari (AEMPS). Nello specifico si tratta delle diverse forme farmaceutiche di ‘Metalyse’ e ‘Actilyse’, farmaci fibrinolitici commercializzati da Boehringer Ingelheim.
Actilyse è usato per il trattamento di patologie causate dalla formazione di coaguli di sangue all’interno dei vasi sanguigni, tra cui: infarto miocardico acuto, embolia polmonare massiva acuta o ictus ischemico acuto. Il trattamento con “Metalyse” è invece indicato per gli attacchi di cuore entro 6 ore dall’insorgenza dei sintomi.
Come riportato dall’agenzia in un comunicato, c’è un aumento della domanda di ‘Metalyse’ 8000U nella forma in polvere e solvente per soluzione iniettabile, 1 flaconcino + 1 siringa preriempita di solvente, di ‘Metalyse’ 10.000U polvere e solvente per soluzione iniettabile, 1 flaconcino + 1 siringa preriempita di solvente; di “Actilyse” in polvere e solvente per soluzione iniettabile e per infusione, 1 flaconcino da 20 mg + flaconcino di solvente e di “Actilyse” polvere e solvente per soluzione iniettabile e per infusione, 1 flaconcino da 50 mg + flaconcino di solvente.
A causa di una capacità produttiva “limitata”, l’azienda farmaceutica tedesca Boehringer Ingelheim sta effettuando una “distribuzione controllata” delle unità disponibili di questi medicinali fino a quando non potrà aumentare la sua produzione, come dettagliato dall’AEMPS, organismo dipendente dal Ministero della Salute. Nel frattempo, e con l’obiettivo di raggiungere un maggior numero di pazienti, l’azienda ha dato la priorità alla produzione di “Actilyse”, che copre un maggior numero di indicazioni, al posto di “Metalyse”. Riguardo al farmaco “Actilyse”, la produzione della confezione da 20 mg è stata privilegiata rispetto alla confezione da 50 mg al fine di adeguare la dose e quindi evitare inutili perdite di prodotto.
L’AEMPS, da parte sua, si è consultata con le società scientifiche direttamente coinvolte nell’utilizzo dei farmaci fibrinolitici per ottimizzare l’utilizzo delle unità disponibili. Insieme alla Società Spagnola di Neurologia (SEN), alla Società Spagnola di Medicina Intensiva, Critica e Unità Coronariche (SEMICYUC) e alla Società Spagnola di Nefrologia (SEN), l’Agenzia ha concordato raccomandazioni sull’uso dei fibrinolitici data l’attuale carenza di questi farmaci noti in medicina come alteplase e tenecteplase.
In particolare, hanno stabilito che l’uso di alteplase dovrebbe essere limitato alle sue indicazioni autorizzate: ictus ischemico, infarto del miocardio e tromboembolia polmonare ad alto rischio (PTE). Inoltre, tenecteplase dovrebbe essere limitato alla sua indicazione autorizzata: infarto del miocardio. Specifica inoltre che l’uso dell’urochinasi dovrebbe essere considerato un’alternativa all’alteplase per la PTE ad alto rischio e anche per le occlusioni del cateteri (preferibilmente ad altri fibrinolitici). Alteplase o tenecteplase non devono essere utilizzati off-label. In particolare, se ne sconsiglia l’uso off-label per l’occlusione del catetere vescicale da coagulo.
In ogni caso, ricorda “La Razon”, è possibile avere il reteplase, farmaco non commercializzato in Spagna, come farmaco alternativo al tenecteplase (es. nelle terapie intensive mobili). Per fare ciò , conclude il quotidiano spagnolo, è necessario valutare le specifiche esigenze e contattare il Servizio Medicinali in Situazioni Speciali (MSE) di AEMPS, che si occuperà di riferire sulla disponibilità del farmaco e sulle condizioni di acquisto.

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

I soliti noti hanno appena messo a punto una nuova simulazione…Cosa può andare storto? – VIDEO

Read Next

“Più di 7 persone si sentono male in città!”

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.