• Dicembre 9, 2022

Il Regno Unito sta facendo scorte di vaccini e farmaci ( vediamo quali) contro il vaiolo delle scimmie, gli esperti temono che le infezioni siano sottostimate

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


La Gran Bretagna sta facendo scorta di migliaia di dosi di vaccini e trattamenti contro il vaiolo delle scimmie tra i timori che l’attuale ondata di casi sia solo la punta dell’iceberg.

A nove britannici è stato diagnosticato il virus contagioso finora e la maggior parte dei casi non sono collegati, suggerendo che si sta diffondendo più ampiamente.

L’ente di regolamentazione dei farmaci del Regno Unito sta monitorando l’attuale epidemia e “lavorando con le aziende per portare avanti rapidamente trattamenti adeguati”.

I vertici della sanità hanno rivelato a MailOnline di aver acquistato migliaia di dosi di vaccino e le stanno già distribuendo ai contatti stretti dei britannici infetti.

I farmaci antivirali e i vaccini progettati per colpire il vaiolo hanno una protezione incrociata anche contro il vaiolo delle scimmie, i due virus sono infatti geneticamente molto simili.

L’ultimo focolaio è stato descritto come “insolito” dagli esperti perché si pensava che la trasmissione da persona a persona del vaiolo delle scimmie fosse estremamente rara.

Sei dei casi della Gran Bretagna riguardano uomini gay o bisessuali, che secondo i funzionari sono “altamente indicativi di diffusione per via sessuale”.

Casi sono stati annunciati anche negli Stati Uniti e in Europa, rendendola l’epidemia di vaiolo delle scimmie più diffusa fino ad oggi. Anche il Canada ha casi sospetti.

A nove britannici è stato diagnosticato il vaiolo delle scimmie e tutti tranne uno di loro sembrano averlo contratto nel Regno Unito. Il paziente originale del Regno Unito aveva riportato il virus dalla Nigeria, dove la malattia è diffusa
A nove britannici è stato diagnosticato il vaiolo delle scimmie e tutti tranne uno di loro sembrano averlo contratto nel Regno Unito. Il paziente originale del Regno Unito aveva riportato il virus dalla Nigeria, dove la malattia è diffusa. Almeno tre pazienti stanno ricevendo cure presso unità specializzate del NHS a Londra e Newcastle

Il vaiolo delle scimmie può essere letale per una persona su dieci, ma i nuovi casi hanno la variante dell’Africa occidentale, che è molto meno letale, circa uno su 100.

Un vaccino, noto come Imvanex, è stato approvato nel 2013 nel Regno Unito per il trattamento del vaiolo, ma da allora gli studi hanno dimostrato che è efficace all’85% nel prevenire il vaiolo delle scimmie.

Ai britannici che sono stati in stretto contatto con casi di vaiolo delle scimmie viene somministrato un vaccino off-label noto come Imvanex (file)
Ai britannici che sono stati a stretto contatto con casi di vaiolo delle scimmie viene somministrato un vaccino off-label noto come Imvanex 

Non è approvato per il vaiolo delle scimmie nel Regno Unito, ma gli operatori sanitari possono usarlo “off-label”.

Imvanex è già stato offerto ai contatti stretti di casi positivi e medici che trattano i casi “in base al loro fattore di rischio”.

Il vaiolo delle scimmie ha un periodo di incubazione fino a 21 giorni, motivo per cui i casi positivi e i loro contatti vengono isolati per tre settimane.

Un portavoce del Dipartimento della Salute ha dichiarato: “Abbiamo adottato misure repentine per essere preparati a ulteriori casi di vaiolo delle scimmie nel Regno Unito e abbiamo assicurato migliaia di dosi di vaccini efficaci contro il vaiolo delle scimmie che vengono utilizzati per proteggere gli operatori sanitari e gli individui a rischio che potrebbero essere stati esposti”.

Il vaccino Imvanex è stato usato per trattare i contatti stretti dei casi di vaiolo delle scimmie dal 2018, quando è stato rilevato un piccolo numero di collegati con viaggi in Africa.

Il vaiolo delle scimmie è una rara infezione virale che causa eruzioni cutanee o lesioni insolite (mostrate in un opuscolo fornito dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) negli Stati Uniti

Imvanex è un vaccino usato per l’immunizzazione contro il vaiolo negli adulti. Contiene una forma viva modificata del virus Vaccinia denominata “Vaccinia Ankara”. Questo virus è imparentato con il virus del vaiolo, ma non provoca la malattia nell’uomo ed è stato modificato in modo che non possa replicarsi (o riprodursi) nelle cellule umane. 

A causa della sua somiglianza con i virus del vaiolo, gli anticorpi prodotti contro questo virus offrono una protezione incrociata.

Ma hanno aggiunto: “Stiamo monitorando la situazione da vicino e lavorando con le aziende per portare avanti rapidamente trattamenti adeguati per il vaiolo delle scimmie”.

COME VIENE TRATTATO IL VAIOLO DELLE SCIMMIE?

Ci sono una manciata di antivirali e terapie per il vaiolo che sembrano funzionare sul vaiolo delle scimmie, incluso il farmaco tecovirimat, che è stato approvato per il vaiolo delle scimmie nell'UE a gennaio

Ci sono diversi antivirali e terapie per il vaiolo che sembrano funzionare sul vaiolo delle scimmie, incluso il farmaco Tecovirimat, che è stato approvato per il vaiolo delle scimmie nell’UE a gennaio

Il farmaco tecovirimat è stato approvato per il vaiolo delle scimmie nell’UE a gennaio ed è somministrato in forma di pillola. Tecovirimat impedisce al virus di lasciare una cellula infetta, ostacolando la diffusione del virus all’interno del corpo. Un antivirale iniettabile usato per trattare l’AIDS chiamato cidofovir può essere usato per gestire l’infezione, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) negli Stati Uniti. Funziona anche fermando la crescita del virus.

Terapia anticorpale

Una terapia che utilizza sangue aggregato da individui che sono stati vaccinati con il vaccino contro il vaiolo può anche essere usata per trattare il vaiolo delle scimmie.

Conosciuto come immunoglobuline vaccinia (VIG), è stato sviluppato per trattare le persone con vaiolo grave che non possono essere vaccinati da soli. Funziona iniettando anticorpi da una persona vaccinata in una persona non vaccinata, con la speranza di montare una risposta immunitaria simile.

Un portavoce della Medicines and Healthcare Regulatory Authority (MHRA) ha dichiarato a MailOnline: “Non esiste un vaccino o una medicina approvata per il vaiolo delle scimmie in Gran Bretagna”.

Il professor Kevin Fenton, direttore regionale della sanità pubblica di Londra, ha detto che se l’epidemia nella capitale continuerà a crescere, la somministrazione di vaccini e trattamenti potrebbe essere estesa a più gruppi.

Ha dichiarato durante il programma Today della BBC Radio 4: “Se vedremo più casi e continuerà a diffondersi, allora ci sono piani in atto per garantire che abbiamo più agenti antivirali in atto per affrontarlo.

“Stiamo osservando da vicino per vedere come si diffonderà nel corso della prossima settimana o due e poi avremo un’idea migliore di come proiettare e pianificare per il mese a venire”.

Sei dei nove casi del Regno Unito hanno sede a Londra, con due nel sud-est dell’Inghilterra e uno nel nord-est. Tutti tranne uno dei pazienti del Regno Unito – il primo, che è volato dalla Nigeria – sembrano essere stati infettati nel Regno Unito.

Gli Stati Uniti hanno riportato il loro primo caso di vaiolo delle scimmie durante la notte, in un uomo del Massachusetts che era recentemente tornato dal Canada.

Almeno tredici casi probabili sono in fase di indagine in Canada, con test effettuati per confermare il virus.

Sette persone sono state diagnosticate in Spagna e dozzine di altre sono state monitorate e testate per la malattia. Il Portogallo ha detto che almeno cinque casi sono stati confermati.

Tutti gli uomini diagnosticati in Spagna sono gay o bisessuali, secondo i media locali.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha avvertito che si aspetta più casi in più paesi nelle prossime settimane.

Il dottor Simon Clarke, un microbiologo dell’Università di Reading, ha dichiarato che sospetta che i numeri dei casi nel Regno Unito siano già ” decine”.

Ma ha insistito sul fatto che la malattia non si diffonderà come il Covid, aggiungendo: “Sarei sorpreso se mai arrivassimo a più di 100 casi [in Gran Bretagna]”.

Il professor Bill Hanage, esperto di salute pubblica presso l’Università di Harvard, ha affermato che è plausibile che le trasmissioni avvengano “da qualche tempo e inosservate”.

Ha twittato: “Perché la gente non si aspetta di vedere il vaiolo delle scimmie e quindi non lo diagnostica. Senti i battiti degli zoccoli che ti aspetti cavalli, non unicorni. Vedi lesioni, non ti aspetti il vaiolo delle scimmie e presumi che sia qualcos’altro”.

Gli esperti ritengono che i giovani siano più a rischio di contrarre o ammalarsi della malattia perché hanno meno probabilità di essere stati vaccinati contro il vaiolo, che è stato eradicato nel 1980.

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Vaiolo delle scimmie, primo caso in Italia ricoverato allo Spallanzani. Altri due casi sospetti

Read Next

L’OMS modifica le linee guida per favorire i lockdown

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock