• Novembre 26, 2022

INCREDIBILE! Perchè Moderna ha un brevetto su una parte di SARS-Cov-2 depositato nel 2016?

La questione dell’origine del SARS-Cov-2 è stata a lungo controversa. La più grande somiglianza era con un virus trovato in una grotta nei pipistrelli chiamato RaTG13. Tuttavia, sono sempre emerse prove che SARS-CoV-2 sia stato prodotto artificialmente e rilasciato al Wuhan Military Festival nell’ottobre 2019.

Ora si scopre che è inclusa una sequenza di 19 nucletidi, su cui il produttore di vaccini Moderna detiene originariamente il brevetto statunitense 9.587.003, che è stato depositato il 4 febbraio 2016.

Dr. Peter F Mayer

L’omologia tra SARS-CoV-2 e altri coronavirus noti non è più presente e la maggior parte delle sequenze SARS-CoV-2 discendono da un antenato comune relativamente giovane con il pipistrello RaTG13. Inoltre, i diagrammi di somiglianza (SimPlots) hanno rivelato improvvisi cambiamenti nell’identità di sequenza tra SARS-CoV-2 e RaTG13 che indicano possibili eventi di ricombinazione, che potrebbero spiegare la capacità di SARS-CoV-2 di legarsi ad ACE2 attraverso il suo dominio di legame del recettore negli esseri umani, il che non è il caso di rbD di RaTG13.

In questo articolo, pubblicato su Frontiers in Virology, intitolato “MSH3 Homology and Potential Recombination Link to SARS-CoV-2 Furin Cleavage Site”, gli autori discutono le differenze nelle mutazioni tra SARS-CoV-2 e il pipistrello coronavirus RaTG13. Questo virus del pipistrello è il parente più vicino conosciuto di SARS-CoV-2, con un genoma identico al 96,2%. Di tutte le differenze, solo uno è maggiore di 3 nucleotidi, vale a dire il sito di scissione della furina (FCS), che comprende 12 nucleotidi e codifica quattro aminoacidi. È probabile che l’inserimento di FCS svolga un ruolo cruciale nella replicazione e nella patogenesi di SARS-CoV-2.

FCS non si trova in nessun altro betacoronavirus b-line o qualsiasi altro sarbecovirus in natura. Una caratteristica speciale della sequenza sono i due codoni CGG successivi, secondo gli autori. Quando hanno eseguito una ricerca BLAST (uno strumento NIH che confronta nucleotidi o sequenze proteiche), hanno trovato una corrispondenza all’indietro al 100% in una sequenza proprietaria trovata nel brevetto statunitense 9.587.003, depositato il 4 febbraio 2016. Questo brevetto è stato depositato da Moderna il 4.2.2016 e approvato il 7 marzo 2017:

Il beneficiario elencato per questo brevetto è Moderna Therapeutics, Inc.. L’invenzione è accreditata a Stephane Bancel, Tirtha Chakraborty, Antonin de Fougerolles, Kenechi Ejebe, Sayda M. Elbashir, Jeff Lynn Ellsworth, Justin Guild, Paul Hatala, Matthias John, Atanu Roy, Jason P. Schrum, Susan Whoriskey, Kristy M. Wood.

Ricordiamo che il CEO di Moderna, si è recentemente sbarazzato dei suoi pacchetti azionari e inoltre recentemente ha cancellato il suo account Twitter. Contemporaneamente al completamento della revisione di questo studio?

Ma torniamo al contenuto dello studio. A un esame più attento, gli autori hanno scoperto che l’accordo andava oltre l’inserzione di 12 nucleotidi sopra menzionata e includeva una sequenza lunga di 19 nucleotidi.

Tutto questo è molto strano e gli autori hanno cercato di capire. Utilizzando l’analisi biostatistica convenzionale, hanno stimato la probabilità che la sequenza si verifichi in modo casuale in un genoma virale contenente 30.000 nucleotidi a 3,21 ×10-11 (un numero ridicolmente piccolo). Hanno trovato la sequenza nel database BLAST in nessun altro genoma del virus tranne SARS-CoV-2.

Se questa sequenza è brevettata, deve fare qualcosa di utile, ma cosa fa effettivamente? Secondo gli autori, è una corrispondenza di aminoacidi al 100% con MSH3, una proteina di riparazione del DNA che non corrisponde. Il suo compito è quello di mantenere la stabilità del genoma e può svolgere un ruolo nella soppressione dei tumori cancerosi.

Esperimenti in vivo mostrano che indurre una mancanza di riparazione del disallineamento del DNA può aumentare la soppressione virale e aumentare la gravità della malattia virale (questi esperimenti riguardavano l’influenza). Inoltre, è stato suggerito che la mancanza di riparazione del mismatch può svolgere un ruolo nel prolungare l’escrezione di RNA SARS-CoV-2 (questo lavoro ha esaminato un paziente oncologico che è risultato positivo per 54 giorni). Abbiamo visto che i virus potrebbero ancora essere rilevati dopo settimane e anche le proteine spike dalle vaccinazioni geniche.

Il documento afferma che l’assenza della sequenza nel database BLAST rende improbabile la ricombinazione in un ospite intermedio come spiegazione per la sua presenza in SARS-CoV-2. Conclude: “La presenza di una sequenza di RNA a 19 nucleotidi nel SARS-CoV-2 che codifica un FCS sull’amminoacido 681 della sua proteina spike e identica al 100% al complemento inverso di una sequenza di mRNA MSH3 proprietaria è molto insolita. Le possibili spiegazioni per questa correlazione dovrebbero essere ulteriormente studiate”.

Questo documento supporta la teoria delle perdite di laboratorio e solleva domande che avrebbero dovuto e potuto essere risolte proprio all’inizio della pandemia.

Perché la sequenza brevettata di Moderna è inclusa in SARS-CoV-2?

Moderna ha sperimentato diverse terapie antitumorali usando questa sequenza, ma qual è il legame tra questi esperimenti e SARS-CoV-2? Sono stati effettuati nello stesso laboratorio e/o dalle stesse persone? È possibile che la sequenza sia entrata in SARS-CoV-2 attraverso la contaminazione, o questo può essere fatto solo manipolando direttamente un coronavirus? Se la manipolazione diretta di un virus è l’unica risposta, perché questo inserimento è stato aggiunto quando era noto che aumentasse la trasmissione e la gravità della malattia? Perché queste informazioni sono state soppresse? Perché altri scienziati non ne discutono?

Oltre all’articolo, va notato che è stato pubblicato da Xin Yin dell’Harbin Veterinary Research Institute, Chinese Academy of Agricultural Sciences, Cina, come editore. È stato anche recensito da Jitao Chang della stessa accademia.

È la Cina che smaschera Moderna? Perché la Cina dovrebbe consentire la pubblicazione di queste informazioni se non ci sono secondi fini?

In questo contesto, vorrei anche ricordare che uno studio della Tongji University di Shanghai ha dimostrato l’effetto disastroso anche dei vaccini a virus intero inattivati sul sistema immunitario. L’Università di Shanghai ha così tagliato fuori i prodotti di aziende e istituti di ricerca a Pechino. Harbin e Shanghai sono geograficamente abbastanza distanti, ma possono avere somiglianze ideologiche e politiche. La Cina è molto grande.

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Siamo a 40.000 decessi a seguito di vaccini COVID nel database europeo. Le richieste di risarcimento per morte alle assicurazioni sulla vita salgono alle stelle

Read Next

Bambino di 11 anni sano muore 3 settimane dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer COVID-19