• Luglio 13, 2024

Infertilità maschile: danno a breve o lungo termine? Lo STUDIO

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Di Leonard Winkler -TKP

Lo sperma non V. sarà il prossimo Bitcoin? Un nuovo studio tedesco vede diversi modi in cui la V. con m.R.N.A. potrebbe indebolire la fertilità maschile. È ancora dubbio se il danno sia a breve o a lungo termine.

Dall’introduzione delle nuove iniezioni di mRNA alla fine del 2020, sono stati pubblicati numerosi studi, raccolte di dati in banche dati pubbliche e testimonianze aneddotiche e rapporti di studi medici e cliniche di fecondazione assistita sugli effetti collaterali delle iniezioni di mRNA, che suggeriscono un enorme rischio potenziale in termini di capacità riproduttiva. Una raccolta completa dei dati sulle  complicazioni della gravidanza e sulle loro plausibili  cause tossicologiche è già stata illustrata in dettaglio, così come i rischi tossicologici degli  effetti collaterali dei vaccini sulla fertilità maschile e la letteratura pubblicata fino ad oggi.

Uno studio della Germania(1) pubblicato il 27 gennaio 2023, fornisce ora una chiara panoramica della situazione dei dati.

Lo studio(1) intitolato “Do COVID-19 RNA-Injections Affect Male Fertility? Latest Facts and Perspective” dalla Germania fornisce una panoramica dettagliata dei dati sugli effetti collaterali della vaccinazione dopo le iniezioni di Covid sulla fertilità maschile. Gli autori sono il biologo molecolare tedesco Prof. Dr. Klaus Steger, che conduce ricerche nel campo dell’andrologia molecolare presso il Centro di Ricerca Biomedica dell’Università di Giessen, e il Prof. Dr. Werner Bergholz, esperto di gestione della qualità e analisi dei dati.

Sono stati analizzati diversi database sull’insorgenza di malattie dell’apparato riproduttivo maschile a seguito di iniezioni di Covid, nonché studi precedentemente pubblicati che hanno analizzato gli effetti delle iniezioni di Covid sulla qualità dello sperma o sul tasso di successo dei trattamenti di riproduzione assistita. Un’analisi completa del background della biologia molecolare mostra in dettaglio quali pericoli a lungo termine minacciano effettivamente l’apparato riproduttivo maschile a causa degli effetti collaterali della vaccinazione della tecnologia mRNA.

In sintesi, si può affermare che gli studi precedentemente pubblicati sulla pre- e post-analisi dei campioni di sperma mostrano gravi carenze nel disegno dello studio, in particolare per quanto riguarda i periodi di misurazione osservati in cui dovevano essere misurati gli effetti collaterali della vaccinazione. Le analisi dei database (UK Yellow Card, US VAERS e deStatis) mostrano una chiara correlazione tra la disfunzione erettile (DE) e l’insufficienza cardiaca, nonché un significativo calo della fertilità esattamente 9 mesi dopo l’inizio della campagna di vaccinazione, che può anche essere attribuito all’infertilità secondaria (infertilità dovuta a malattie concomitanti dell’apparato riproduttivo). È stato inoltre sottolineato che l’mRNA utilizzato non è un “semplice mRNA”, come spesso si sostiene, ma il cosiddettomodRNA” (RNA modificato), che ha un effetto completamente diverso nell’organismo e comporta inevitabilmente rischi finora inosservati.

Calo dei nati vivi come effetto collaterale della vaccinazione? Database deStatis

In Europa e nel mondo, all’inizio del 2022 è stato osservato un calo significativo dei nati vivi. In particolare, il calo dei nati vivi è iniziato anche in Germania esattamente 9 mesi dopo l’inizio della campagna di vaccinazione, e gli autori concludono:

Tuttavia, le statistiche sulle vaccinazioni e sulle nascite sono considerate accurate, almeno entro un margine di errore del 10%. Pertanto, la coincidenza presentata tra la vaccinazione e il brusco calo del tasso di nati vivi con nove mesi di ritardo può essere considerata statisticamente confermata”.(1)

Correlazioni precise in questo senso possono essere ricavate anche in Svizzera, anche a seconda del tasso di vaccinazione del cantone. Potete approfondire qui.

Figura 1: Statistiche mensili per la Germania che mostrano uno sfasamento temporale di nove mesii esatti tra la vaccinazione delle coorti di età interessate e il brusco calo delle nascite. Correlazioni simili esistono per la maggior parte degli altri Paesi europei. Tratto da Bergholz & Steger, 2023(1)

Correlazione o causalità

Nella Figura 2, un diagramma causa-effetto mostra le relazioni tra i diversi fattori di influenza finora conosciuti. Al momento non è possibile dedurre con certezza che le iniezioni siano la causa principale del brusco calo dei nati vivi. Si deve presumere che vi siano altri fattori sconosciuti che non sono stati registrati nella Figura 2. Mancano nei database informazioni rilevanti sullo stress sociale e psicologico causato da interventi familiari, professionali o governativi, come l’isolamento, l’uso di maschere, i test Covid-19, l’allontanamento sociale e la “vaccinazione forzata”. Tuttavia, gli autori concludono:

“Sebbene ciascuno dei fattori elencati possa contribuire in varia misura alle statistiche sulla pianificazione familiare e sul concepimento naturale, nessuno di essi è di per sé in grado di spiegare il brusco, notevole e unico calo delle nascite vive a partire dal gennaio 2022 in tutti i Paesi europei studiati”.(1)

Figura 2: diagramma causa-effetto che riassume le possibili ragioni del calo delle nascite nei Paesi europei studiati nella prima metà del 2022, senza pretese di esaustività. DE: Disfunzione erettile; OAT: OligoAsthenoTeratozoospermia. Tratto da Bergholz & Steger, 2023(1)

Anche se si deve presumere che le donne giochino un ruolo dominante nei cambiamenti del numero di nati vivi, il ruolo degli uomini non deve essere trascurato in nessun caso!

Gli autori di uno studio dell’Istituto Federale Tedesco per la Ricerca sulla Popolazione, che ha esaminato le circostanze del ridotto numero di nascite, hanno concluso che l’incertezza e la paura del futuro sviluppo economico sono la ragione più probabile della decisione dei genitori di rimandare il loro desiderio di avere figli(2). Bergholz & Steger hanno giustamente osservato che non è stata fornita alcuna prova di questa affermazione. Al contrario, una situazione di vita più orientata alla famiglia durante il periodo delle chiusure e dell’home office, nota come effetto cocooning, potrebbe addirittura aver influenzato positivamente la decisione dei genitori di avere figli(1).

Effetti collaterali dei vaccini nell’apparato riproduttivo maschile: evidenza indiretta di infertilità maschile dal database UK Yellow Card

La frequenza degli eventi avversi segnalati a carico dell’apparato riproduttivo è circa 100 volte inferiore nei maschi rispetto alle femmine. Tuttavia, si deve presumere che ciascuno degli eventi avversi segnalati abbia un impatto significativo sulla fertilità maschile. I tre effetti collaterali del vaccino più frequentemente documentati includono, in ordine decrescente: disfunzione erettile, dolore testicolare e dolore scrotale, con la frequenza assoluta di comparsa dei vari effetti collaterali del vaccino per l’iniezione BioNTech più comunemente somministrata illustrata nella figura seguente.

Figura 3: Statistiche degli effetti avversi segnalati. A: Frequenza degli effetti avversi segnalati relativi agli organi riproduttivi maschili nell’ambito del sistema di segnalazione del cartellino giallo del Regno Unito. La maggior parte degli effetti riportati dovrebbe avere un effetto diretto o indiretto sulla fertilità nelle coppie in cui il partner maschile è colpito. Tratto da Bergholz & Steger, 2023(1)

È sorprendente che, in relazione al milione di dosi somministrate, il produttore Moderna abbia elencato un numero significativamente maggiore di effetti collaterali legati alla fertilità della vaccinazione. Forse questa circostanza può essere attribuita alla percentuale significativamente più elevata di mRNA contenuta nell’iniezione di Moderna (mRNA-1273, 100µg RNA/dose) rispetto a BioNTech/Pfizer (BNT162b2, 30µg RNA/dose)?

Figura 4: Confronto della frequenza degli effetti avversi segnalati per le tre principali iniezioni riproduttive maschili utilizzate nel Regno Unito. Tratto da Bergholz & Steger, 2023(1)

Stretta correlazione tra l’effetto collaterale del vaccino e l’incidenza della disfunzione erettile: una causa – due effetti?

Sembra particolarmente interessante il fatto che si possa ricavare una stretta correlazione tra l’insorgenza di insufficienza cardiaca e l’incidenza di disfunzione erettile per tutti e tre i produttori analizzati (BioNTech, Moderna, AstraZeneca) nel sistema di segnalazione del Regno Unito. A un esame più attento, la conclusione degli autori che questa associazione derivi dalla base fisiopatologica condivisa della disfunzione erettile e dell’insufficienza cardiaca appare conclusiva. Il meccanismo sottostante e noto, ovvero la disfunzione endoteliale dei piccoli capillari in relazione ai coaguli di sangue, potrebbe spiegare la stretta correlazione tra la frequenza di insorgenza di entrambi i modelli di malattia.

Figura 5: Numero di insufficienze cardiache segnalate nel Regno Unito. Il sistema britannico dei cartellini gialli non consente di analizzare se i due effetti avversi si manifestano contemporaneamente nella stessa persona. Per rispondere a questa domanda, è stato esaminato il database VAERS, che elenca ogni singolo caso con un massimo di cinque effetti avversi. Nessuno dei rapporti di ED riportava l’insufficienza cardiaca come secondo sintomo, quindi si tratta di una situazione puramente “o” o “o”. Come nel caso del cartellino giallo nel Regno Unito, esiste una proporzionalità tra i casi di ED e di insufficienza cardiaca. Tratto da Bergholz & Steger, 20231

In questo contesto, è interessante notare che le disfunzioni erettili si verificano più frequentemente dell’insufficienza cardiaca con le iniezioni di Moderna, cosa che non accade con gli altri produttori. Forse anche in questo caso gioca un ruolo la percentuale significativamente più elevata di mRNA contenuto, o il fatto che siano state utilizzate altre nanoparticelle lipidiche?

In sintesi, gli autori concludono che, sullo sfondo dei dati disponibili, è del tutto incomprensibile che gli studi preclinici sugli animali scalfiscano solo la superficie quando si tratta di un’analisi valida della possibilità di effetti collaterali legati alla fertilità. Sono stati già riportati i retroscena degli “studi di esclusione” di tossicità riproduttiva (non condotti), nonché i dati sulla biodistribuzione delle nanoparticelle lipidiche tossiche, che emergono chiaramente dalla documentazione preclinica e dagli studi post-marketing di Pfizer, sia in relazione agli uomini che alle donne.

L’effetto collaterale della vaccinazione ha ridotto la qualità dello sperma dopo l’iniezione di Covid?

Finora sono stati pubblicati diversi studi sulla qualità dello sperma, soprattutto nei donatori di sperma. Solo un piccolo numero di studi ha analizzato la motilità progressiva degli spermatozoi. Nel complesso, gli autori concludono che la qualità e la solidità degli studi disponibili sugli effetti sulla qualità dello sperma sono di qualità moderata o scarsa. Tra l’altro, mancano gruppi di controllo e solo uno studio(3) – che è stato anche l’unico a osservare una diminuzione del numero di spermatozoi – ha scelto un periodo di osservazione adeguato, superiore a tre mesi. È stato possibile osservare una diminuzione della concentrazione di spermatozoi pari a -15,4% e una diminuzione del numero totale di spermatozoi mobili pari a -22,1%, sebbene i soggetti testati “potenziati” non siano stati inclusi per ragioni inspiegabili.

Tuttavia, su richiesta personale di Bergholz & Steger(1) si è appreso che “il booster rappresenta un intervento aggiuntivo che potrebbe influenzare il risultato finale ed è stato quindi escluso per ottenere una metodologia pulita“.

Come nello studio dell’Istituto Federale Tedesco per la Ricerca sulla Popolazione citato in precedenza(2), nell’unico studio che ha osservato una riduzione della qualità dello sperma in seguito alle iniezioni di Covid, gli autori giungono a una conclusione insostenibile e priva di una base di dati valida: “Poiché i vaccini contengono mRNA e non virus vivi, è improbabile che il vaccino influisca sui parametri dello sperma“. Va notato che la componente rilevante delle iniezioni a base di RNA non è l’mRNA del virus, ma il modRNA veicolato dalle nanoparticelle lipidiche, di cui si parlerà più avanti nell’articolo.

Una rassegna degli studi già pubblicati e analizzati anche da Bergholz & Steger sulla compromissione della qualità degli spermatozoi si trova anche nell’articolo sugli  effetti collaterali dei vaccini sulla fertilità maschile.

  • Ereditarietà del modRNA iniettato tramite integrazione genica nelle cellule germinali maschili?

Un excursus esaustivo sulla possibilità di riscrivere l’RNA (virale) nel DNA mostra chiaramente che ciò è possibile in presenza della cosiddetta trascrittasi inversa -l’integrazione dell’RNA virale costituisce circa l’8% del genoma umano-(4) .

Molto più significativo, tuttavia, è il fatto che l’RNA può essere ritrascritto in DNA anche senza la presenza della trascrittasi inversa. La presenza dei cosiddetti elementi LINE-1, che agiscono come trascrittasi inversa endogena (cioè interna alla cellula) e rappresentano circa il 17% del genoma umano(5) , consente l’integrazione dell’RNA nel DNA. Questi fatti, così come il fatto che questa via è stata dimostrata sia per la trascrizione inversa dell’RNA virale della SARS-CoV-2 che per l’mRNA “inoculato”, continuano ad essere abilmente ignorati nelle relazioni pubbliche(1).

“Se si scopre che l’RNA di derivazione vaccinale trascritto in DNA può effettivamente essere integrato nel genoma di una cellula germinale, c’è anche un’alta probabilità di ereditare e produrre proteine spike nella prole. Alti livelli di LINE1 sono stati riscontrati negli spermatozoi che trascrivono l’RNA esogeno in DNA e nei plasmidi che possono impacchettare questo DNA e consegnarlo all’ovulo dopo la fecondazione. Di conseguenza, i plasmidi si moltiplicano nell’embrione. “(1)

Il fatto che l’RNA somministrato venga trasportato anche nei testicoli, da cui si può dedurre una potenziale integrazione dell’RNA nelle cellule germinali maschili, si evince sia da indagini interne all’azienda Pfizer sia da pubblicazioni esistenti sulle proprietà delle nanoparticelle lipidiche. Il fatto che l’informazione genetica per la produzione delle proteine spike da parte dell’organismo possa essere ereditata è particolarmente importante se si considera che l’RNA iniettato non è un semplice mRNA ma un cosiddetto modRNA.

Che cos’è il modRNA e in che misura è rilevante per valutare i danni da vaccino che compromettono la fertilità attuale e a lungo termine?

L’ingrediente attivo delle iniezioni a base di RNA non è semplicemente una molecola di mRNA che trasporta le informazioni per la sintesi di una proteina virale, ma un modRNA specificamente progettato per l’efficacia traslazionale e la longevità e incapsulato in nanoparticelle lipidiche (LPN) per bypassare le barriere biologiche e ottenere l’accesso a tutte le cellule, comprese quelle cardiache e cerebrali, eventualmente anche alle cellule germinali.

Poiché l’RNA è coinvolto nella regolazione dell’espressione genica, le cellule dispongono di meccanismi per bloccare le specie di mRNA non necessarie; tuttavia, questi meccanismi protettivi non funzionano con il modRNA, il che solleva anche la questione se e quando la produzione di proteine spike si arresterà mai nei corpi dei soggetti iniettati (il 70% della popolazione mondiale).

Figura 6: Panoramica del principio di funzionamento della tecnologia del vaccino Covid-19 a base di RNA offerta da Biontech/Pfizer (BNT162b2) e Moderna (mRNA-1273). ORF: Open Reading Frame. Tratto da Bergholz & Steger, 2023(1)

L’RNA “inoculato” non imita l’RNA virale, ma è “umanizzato” per promuovere la traduzione ribosomiale (lettura delle informazioni dell’RNA e sintesi della proteina spike virale all’interno delle cellule) da parte di apparecchiature cellulari umane. Se dovesse essere confermato che, come spiegato sopra, il modRNA iniettato porta all’integrazione nel genoma delle cellule germinali maschili (gameti), la conseguenza sarebbe che la prole di questi maschi potrebbe esprimere la proteina spike anche nel proprio corpo.

Conclusione

Gli autori concludono che il risultato finale è che esistono diversi modi in cui le proteine spike negli organi riproduttivi possano influenzare lo sviluppo delle cellule germinali e la qualità dello sperma. Ad oggi, non si sa se il peggioramento della qualità dello sperma segnalato dopo le iniezioni di Covid-19 sia solo un effetto temporaneo o permanente.

In un appello urgente, Bergholz & Steger(1), chiedono che la scienza e la medicina si liberino dalle narrazioni politiche.

La scienza medica ha bisogno di un controllo della realtà e deve tornare alla ragione e ai fatti basati sull’evidenza per ripristinare la sua credibilità danneggiata. Oltre a un numero maggiore di soggetti/partecipanti e a un tempo di follow-up più lungo, gli studi futuri dovrebbero pubblicare informazioni sui tipi di vaccino e sui numeri di lotto associati ai risultati ottenuti, poiché è stata dimostrata una grande variabilità tra i diversi lotti, con una minoranza di lotti che ha causato la maggior parte degli effetti avversi gravi. La discussione interdisciplinare dei potenziali effetti negativi sulla salute non solo deve essere consentita, ma anche incoraggiata.

Fonti:

  1. Bergholz W, Steger K. Do COVID-19 RNA-injections affect male fertility? Latest facts and perspective. 2023 Jan 20; 4(1): 050-063.  https://www.jelsciences.com/articles/jbres1648.pdf
  2. A. Gunnar and M. Bujard, “Fertility declines near the end of the COVID-19 pandemic: Evidence of the 2022 birth declines in Germany and Sweden,” Wiesbaden, 6, Jun. 2022. Accessed: Sep. 24, 2022. [Online]. Available: https://www.bib.bund.de/Publikation/2022/Fertility-declines-near-the-end-of-the-COVID-19-pandemic-Evidence-of-the-2022-birth-declines-in-Germany-and-Sweden.html?nn=1219342
  3. I. Gat et al., “Covid-19 vaccination BNT162b2 temporarily impairs semen concentration and total motile count among semen donors,” Andrology, Jun. 2022, doi: https://doi.org/10.1111/andr.13209
  4. R. Belshaw et al., “Long-term reinfection of the human genome by endogenous retroviruses,” Proc Natl Acad Sci U S A, vol. 101, no. 14, pp. 4894–4899, Apr. 2004, doi: https://doi.org/10.1073/PNAS.0307800101
  5. E. S. Lander et al., “Initial sequencing and analysis of the human genome,” Nature, vol. 409, no. 6822, pp. 860–921, Feb. 2001, doi: https://doi.org/10.1038/35057062
Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Trovato m.orto nel suo salone parrucchiere 37enne. La famiglia: “Stava bene”

Read Next

Tre giovanissimi calciatori si spengono nelle ultime ore

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock