• Dicembre 10, 2022

Isteria Israele, niente green pass ma quarta dose di vaccino COVID per gli over 18 anni

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


In preda a un isteria senza precedenti, Israele si appresta a dare il via alla somministrazione della quarta dose di richiamo per tutti i cittadini dai 18 anni in su.

Il gruppo di esperti che consiglia il Ministero della Salute sul coronavirus ha raccomandato oggi di offrire un quarto richiamo agli israeliani di età pari o superiore a 18 anni, a condizione che siano trascorsi cinque mesi da quando hanno ricevuto il terzo richiamo o siano guariti dalla malattia.

Il gruppo ha citato dati che mostrano che una quarta dose di vaccino COVID-19 somministrata a persone di età superiore ai 60 anni in Israele li ha resi tre volte più resistenti a malattie gravi rispetto alle persone vaccinate tre volte nella stessa fascia di età.

Questo numero si basa su un confronto con quelli nella stessa fascia di età che hanno ricevuto una terza dose almeno quattro mesi prima. Il ministero ha riferito che la sua analisi si basava su statistiche su circa 400.000 persone che avevano ricevuto un quarto richiamo e 600.000 che avevano ricevuto un terzo richiamo.

Solo due giorni fa l’annuncio della rimozione dell’odiato Green Pass, a causa dell’ondata di Omicron che di fatto ha reso inutile la vaccinazione, contagiando vaccinati e non vaccinati allo stesso modo.

Tra l’altro la scorsa settimana uno studio condotto presso lo Sheba Medical Center ha rilevato che mentre la quarta dose aumenta sostanzialmente i livelli di anticorpi, è solo parzialmente efficace nel prevenire l’infezione da omicron. Lo studio è stato condotto dal Prof. Gili Regev-Yochay, direttore dell’unità di prevenzione delle infezioni a Sheba, ed è stato condotto tra 270 operatori ospedalieri che hanno ricevuto la quarta dose e un gruppo di controllo di lavoratori che sono stati vaccinati solo tre volte.

Il Prof. Regev-Yochay, che non fa parte del comitato consultivo che ha preso la recente decisione, ha dichiarato che crede che la nuova raccomandazione sia sbagliata, dicendo che l’efficienza della quarta dose non è sufficiente a giustificarne la somministrazione a persone giovani e sane. “Non abbiamo giovani in gravi condizioni o su macchine ECMO” ha dichiarato”, quindi penso che offrire la quarta dose a queste persone sia sbagliato”.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Alla vigilia della marcia di Washington, la dichiarazione COVID ora è sostenuta da oltre 17.000 medici e scienziati medici in tutto il mondo

Read Next

Miocardite per il cestista dell’AEK Atene Braian Angola, 27 anni. Sospesa attività agonistica a tempo indeterminato. Il mese scorso il compagno di squadra Stevan Jevolac morto per ictus improvviso

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock