• Agosto 16, 2022

Katrina Hermez: 28 anni. Paralisi episodica, convulsioni, amnesia dissociativa dopo Pfizer. “Voglio solo la mia vita indietro”

Una piccola imprenditrice e artista di 28 anni si chiede se la sua vita sarà mai la stessa; e spera solo di poter ottenerne “un po’ indietro”.

Katrina Hermez ha ricevuto la sua prima iniezione di mRNA Pfizer il 27 giugno, secondo la sua pagina Instagram. Ha ricevuto il vaccino solo perché “credeva che avrebbe protetto lei e le persone intorno a sè”. Katrina ha scritto che il governo ha fatto credere a tutti che fosse la cosa giusta da fare. Ora ammette che era solo una “bugia provata”.

Le reazioni avverse sono iniziate il 2 luglio con eruzioni cutanee e nebbia mentale. La perdita di memoria episodica è arrivata dopo. La ragazza ricorda di aver fatto una passeggiata quel giorno. Ma dopo 30 minuti, non aveva idea di dove fosse o perché fosse fuori a camminare. Ha descritto un altro episodio in cui era alla cassa in un centro commerciale e parlava con il cassiere. Dieci minuti dopo, non aveva idea di dove fosse o chi fosse quell’uomo. Poi ha descritto una conversazione con suo padre che non riusciva a ricordare poche ore dopo.

La condizione è chiamata amnesia anterograda. In genere è causata da una sorta di danno cerebrale.

Paralisi, convulsioni e sedie a rotelle

Un mese dopo, Katrina ha scritto di essere ipersensibile e irritabile per le cose più piccole. Ciò ha influenzato le relazioni con amici e familiari. Il mese successivo, è stata trovata sul pavimento dai dipendenti al lavoro “completamente paralizzata e incapaci di parlare”.

I medici per primi credevano che la ragazza avesse un ictus o la sclerosi multipla. Ma alla fine le è stato diagnosticato un disturbo neurologico funzionale. Ha trascorso una settimana in ospedale prima di essere dimessa.

Da quel momento in poi, Katrina non è stata in grado di muoversi senza un bastone, un deambulatore o una sedia a rotelle. Non può più uscire di casa senza l’aiuto di qualcuno. Katrina Hermez ha detto di aver avuto almeno otto episodi in cui amici o familiari l’hanno trovata distesa sul pavimento, e lei non ricorda cosa sia successo.

La ragazza ha taciuto sulle sue condizioni fino al mese scorso. Ha reso tutto pubblico per la prima volta il 14 gennaio, quando ha pubblicato un link alla sua pagina GoFundMe.

Una settimana dopo, il 20 gennaio, ha pubblicato un altro aggiornamento su Instagram. Katrina ha descritto ancora più sintomi, tra cui problemi di linguaggio, emicrania quotidiana, sangue nelle orecchie, vertigini e nausea.

Nel suo aggiornamento dice che i medici non possono e non vogliono aiutarla, per paura di perdere il lavoro.

“Non sarò messo a tacere, non mi verrà detto che non ho prove, non sarò derisa, non sarò accondiscendente e non sarò minacciata da persone che si sentono offese da questo “errore di valutazione”.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Vaccinazioni obbligatorie, Trattato pandemico e moneta della banca centrale. In una parola : ID2020

Read Next

Il CDC rimuove l’obbligo di mascherina per il 70% del paese, anche all’interno delle scuole