• Maggio 19, 2022

La crudeltà psicologica di negare l’immunità naturale

Di Jeffrey A. Tucker

Ogni bambino malato, e probabilmente ogni adulto ad un certo punto, si pone quella domanda esistenziale: perché sto soffrendo?

Nessuna risposta è soddisfacente. Essere malati significa sentirsi vulnerabili, deboli, non in controllo, non nel gioco. La vita scorre fuori dalla tua stanza. Puoi sentire risate, macchine che vanno qua e là, persone in giro. Ma sei bloccato, tremi sotto le coperte,senza appetito e stai lottando per ricordare com’era sentirsi in salute.

Con la febbre, tutto peggiora perché la capacità del cervello di elaborare le informazioni con piena razionalità viene meno. La febbre alta può indurre una forma di breve follia, coinvolgendo anche allucinazioni. Immaginate cose che non sono vere. Lo sai ma non puoi scrollartelo di dosso. La febbre scende e ti ritrovi in una pozza di sudore, e la tua speranza è che sia passato.

Per i bambini, è un’esperienza spaventosa. Anche per gli adulti, quando dura abbastanza a lungo.

Dal profondo della sofferenza, le persone cercano naturalmente una fonte di speranza. Quando avviene il recupero? E cosa posso aspettarmi una volta che ciò accade?Che senso ha questo calvario?

Per un virus respiratorio convenzionale, e per molti altri agenti patogeni, generazioni su generazioni hanno da sempre saputo che c’è un lato positivo nella sofferenza. Il tuo sistema immunitario ha subìto un esercizio di allenamento. Sta codificando nuove informazioni. Queste sono informazioni che il tuo corpo può usare per essere più sano in futuro. Ora è pronto a combattere un agente patogeno simile in futuro.

Dalle profondità della sofferenza, questa realizzazione fornisce quella fonte di speranza tanto necessaria. Puoi aspettarti una vita migliore e più sana alla fine del tunnel. Ora affronterai il mondo con uno scudo in più. Quella pericolosa danza con gli agenti patogeni è stata vinta, almeno per questo particolare virus. Puoi goderti un te più forte e più sano in futuro.

Per generazioni, la gente lo ha saputo. In particolare nel 20 ° secolo, quando la conoscenza dell’immunità naturale divenne più sofisticata, insieme alla documentazione dell’immunità di gregge, questo divenne culturalmente radicato.

Parlando per esperienza personale, i miei genitori mi spiegavano costantemente questa cosa quando ero giovane. Quando ero malato, era la mia fonte essenziale di speranza. Questo è stato fondamentale per me, dato che ero un bambino insolitamente malaticcio. Sapere che potevo diventare più forte e vivere meglio era una benedizione.

Ricordo perfettamente il mio incontro con la varicella. Svegliarmi con bollicine rosse e pruriginose su tutto il corpo, mi ha gettato nel panico all’età di 6 o 7 anni. Ma quando ho visto i sorrisi sui volti dei miei genitori, mi sono rilassato. Mi hanno spiegato che quella era una malattia normale e che avevo assolutamente bisogno di svilupparla da giovane. Potevo quindi ottenere una vita di immunità.

È molto meno pericoloso contrarla quando sei giovane, mi hanno spiegato. Non grattarti. Basta sopportare e finirà presto. “Avrò fatto il mio dovere verso me stesso”, pensavo.

Questa è stata un’educazione importante per me. È stata la mia introduzione alla conoscenza dell’immunità naturale. Ho imparato non solo su questa malattia, ma su tutti i tipi di virus. Ho imparato che c’è un lato positivo nella sofferenza, perchè grazie ad essa si creano le condizioni che portano a una vita migliore.

Culturalmente, questa consapevolezza mentale ha permesso alle generazioni di non rinunciare alla speranza, ma piuttosto di guardare al futuro con fiducia.

Dall’inizio dell’attuale crisi patogena, questo pezzo fondamentale è mancato.

Il Covid è stato considerato come un agente patogeno da evitare a tutti i costi – personali e sociali.

Nessun prezzo era troppo alto da pagare.

Il peggior incubo possibile è quello di affrontare il virus. Non dobbiamo vivere la vita normalmente, ci è stato detto. Dobbiamo riorganizzare tutto secondo gli slogan: rallentare la diffusione, appiattire la curva, distanziarsi socialmente, mascherarsi, considerare tutti e tutto come un vettore.

Dopo due anni, questo rappresenta ancora la quotidianità in molte parti del paese.

Le autorità sanitarie pubbliche hanno cancellato l’immunità naturale. La nostra fonte di speranza è diventato il vaccino, che secondo le autorità, avrebbe spazzato il virus. Era una speranza per molti. Poi si è rivelata una menzogna. Le speranze sono state disattese e siamo ripiombati esattamente dove eravamo prima.

La diffusione del covid nel paese è adesso così ampia, che oramai tutti conoscono una o più persone che l’hanno avuto. Condividono storie. Alcuni hanno affrontato brevi malattie. Altri a letto per una settimana o più. Quasi tutti lo hanno superato. Alcune persone sono morte a causa sua, in particolare gli anziani e gli infermi. E la domanda che si leva è: quando finirà tutto questo?

Si concluderà, citando gli autori della Grande Dichiarazione di Barrington, con l’arrivo dell’immunità della popolazione, come ogni pandemia che è venuta prima. I virus hanno investito la popolazione e i guariti ottengono immunità duratura al patogeno e probabilmente ad altri nella stessa famiglia. Questo accade con o senza vaccino. È questo aggiornamento del sistema immunitario che fornisce la via d’uscita.

Eppure, anche ora, milioni di persone non sono consapevoli dell’unico “protocollo” valido per affrontare un virus.

A loro è stata negata la speranza di una fine.

Semplicemente non lo sanno. Le autorità non glielo hanno detto. Sì, puoi scoprirlo da solo, se sei curioso e leggi opinioni competenti sull’argomento. Forse il tuo medico condivide questo punto di vista.

Ma quando le voci istituzionali della sanità pubblica, sembrano fare di tutto per fingere che l’immunità naturale non esista, si eclisserà quella tradizionale conoscenza della popolazione. I passaporti vaccinali esistono per questo. Le persone licenziate nonostante abbiano dimostrato immunità robuste, lo sanno fin troppo bene.

Di tutti gli scandali e gli oltraggi degli ultimi due anni, le incredibili mancanze dei funzionari pubblici, il silenzio di tutti i professionisti, lo strano silenzio sull’immunità acquisita, è il peggiore.

Ha un costo medico ma anche un enorme costo culturale e psicologico.

Questa non è solo una questione arcana di scienza. È un mezzo principale attraverso il quale la popolazione avrebbe potuto vedere l’altro lato della pandemia.

Nonostante la paura, la sofferenza e la morte, c’è speranza dall’altra parte e ne siamo consapevoli grazie alla nostra conoscenza del sistema immunitario.

Hanno negato la possibilità per la mente umana di immaginare un futuro luminoso. Hanno promosso la disperazione. Hanno creato uno stato permanente di paura, derubato le persone dell’ottimismo, creato dipendenza e promosso la tristezza.

Nessuno può vivere in questo modo. E non dobbiamo farlo. Se sappiamo per certo che tutta questa sofferenza non è stata per niente, l’universo e il suo funzionamento sembrano un po ‘meno caotici e sembrano avere un maggior senso. Non possiamo vivere in un mondo libero da agenti patogeni, ma possiamo affrontare questo mondo con intelligenza, coraggio e convinzione di poter superare un problema e vivere ancora meglio di prima. Non abbiamo bisogno di rinunciare alla libertà.

Le persone che ci hanno negato questa conoscenza, questa fiducia, hanno inflitto una tortura psicologica crudele nei confronti degli esseri umani.

Ciò che peggiora le cose è che loro conoscono la verità. Fauci, Walensky, Birx e tutti gli altri, hanno la formazione e la conoscenza adeguata. Non sono inconsapevoli. Forse l’ignoranza di Gates è comprensibile, ma il resto di queste persone ha una vera formazione medica. Hanno sempre saputo la verità.

Perché ci hanno fatto questo? Vendere vaccini? Ottenere conformità? Per ridurci tutti a soggetti paurosi più facili da controllare? Non sono sicuro che conosciamo le risposte. È possibile che l’immunità naturale sia stata vista da questi tecnocrati come troppo primitiva, troppo rudimentale, insufficientemente tecnocratica, per essere permessa come parte della conversazione.

Indipendentemente da ciò, è uno scandalo e una tragedia con un enorme costo umano. Ci vorranno generazioni prima di vedere una piena ripresa.

Questo recupero può iniziare almeno con la consapevolezza.

Puoi esaminare tutti gli studi e constatare di persona. Ora siamo a 141 studi che dimostrano immunità robuste dopo il recupero, una forma molto migliore di immunità di quella che può essere indotta da questi vaccini. Siamo felici di questi studi, ma non avrebbero dovuto essere necessari. Avremmo dovuto saperlo sulla base della scienza prevalente per questo tipo di agenti patogeni.

Attualmente ci troviamo di fronte a un tragico pantano. I casi sono ai massimi storici. C’è una crescente consapevolezza che nulla ha funzionato. La perdita di fiducia è palpabile. Più persone ora sanno che tutti si ammaleranno. Non c’è più nascondiglio, non c’è più ragione nello “stare attenti”, nessuna opzione se non quella di uscire e correre il rischio.

Ma cosa rafforza la fiducia che valga la pena farlo? La consapevolezza che di conseguenza sarete più forti.

Senza conoscenza dell’immunità naturale, e quindi la consapevolezza che ci può essere una vita migliore dall’altra parte della malattia, le persone sono in balìa di un vuoto esistenziale e un duraturo senso di disperazione.

Nessuno può vivere in questo modo. Nessuno dovrebbe farlo.

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Julian Lennon e Sean Ono Lennon figli del defunto John Lennon, usano l’ivermectina per curarsi

Read Next

“La sua pelle stava bruciando”: l’uomo di Melbourne si dà fuoco a causa degli obblighi vaccinali