• Maggio 19, 2022

La sedicenne Martina Aranguren muore improvvisamente il giorno dopo il vaccino covid, ma per i media argentini è tutta una coincidenza

Martina Aranguren, sedici anni di Curuzú Cuatiá, città della provincia di Corrientes nel nord-est dell’Argentina, era in ottima salute quando lo scorso 20 ottobre si è sottoposta al vaccino covid.

E’ morta il giorno dopo, 21 ottobre, e il quotidiano “El Litoral” la ricorda come brillante nipote del leader local del “Partido Liberal” Martin Aranguren.

Il 24 ottobre, “Salta Canal Siete” scrive: “l’autopsia sul corpo della sedicenne Martina Aranguren ha rilevato il decesso per shock anafilattico. Dopo il decesso si sono sollevate a gran voce nuove polemiche sul vaccino. Dopo la somministrazione, la giovane si sentiva male ed è andata a letto. Il padre l’ha trovata morta per arresto cardiorespiratorio”.

Il giorno dopo, però, il giornale locale “El diario de Curuzu”, con una giravolta a 180 gradi, nega tutta e parla di “coincidenza”.

Scrive “El Diario de Curuzu”: “le Autorità sono riuscite a chiarire la causa della morte della minore che aveva destato preoccupazione in tutta la provincia. Si è scoperto che questa minorenne della nostra città era morta dopo essere stata vaccinata contro il coronavirus, il che ha sollevato dubbi. Ma è stato stabilito che i fatti non sono collegati. 
Sabato è stata fatta l’autopsia: si è trattata di una emorragia cerebrovascolare dovuta a un problema non rilevabile. 

La sedicenne è morta giovedì 21 ottobre a casa sua. Il giorno prima era stata vaccinata contro il coronavirus e quella mattina ha cominciato a sentirsi male e ha chiesto ai suoi parenti non andare a scuola. Quella mattina l’hanno trovata senza vita. Ma è stato confermato che si tratta di una coincidenza”.

FONTE

FONTE

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Twitter adesso bloccherà gli utenti che affermano che le persone vaccinate possono diffondere il Covid…bloccherà anche FDA?

Read Next

La Prof.ssa Alexandra Henrion Caude svela a Le Mauricien i disastri della gestione della pandemia e della campagna vaccinale: “In Africa pochi vaccini e pochi casi di covid. Nelle isole più vaccinate tanti casi e i giovani più colpiti”