• Febbraio 9, 2023

“Losing My Religion”, la confessione di un medico pro- V. pentito. “Dalla speranza alla disperazione”

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Questa è una tragedia in 4 atti e il protagonista è il dottor Michael Turner, laureato alla Stanford University, alla Harvard Medical School e alla Mayo Clinic. È medico di Medicina Integrativa e amministratore delegato di un proprio studio medico.


Preludio

Il ragazzo sogna. Il sogno lo affascina, lo sfida e lo coinvolge trascinandolo , mentre a volte lo opprime più di quanto pensi di poter sopportare.

Lasciare?

Non può. In cuor suo sa che un giorno qualcuno avrà bisogno di lui e lui deve essere pronto a servire con eccellenza e integrità.

Il ragazzo diventa uomo, si sposa e mette su famiglia. Si laurea alla Harvard Medical School e alla Mayo Clinic. L’uomo diventa medico.

Ma il sogno si è realizzato?

Atto primo: il dolore
Sono un medico con la coscienza tormentata.

Sono un amico con il cuore pesante.

Gennaio 2021: sono in piedi accanto a una tomba aperta. I raggi di sole non riescono a lenire la profondità del dolore e della perdita che ho nel cuore. Il corpo del mio caro amico Bruce viene calato nella sua ultima dimora. I pianti della figlia maggiore riempiono l’aria.

Aveva 79 anni ed è morto di COVID. Solo poche settimane prima, abbiamo condiviso risate e abbracci durante la cena del Ringraziamento. “Dottore, cosa ne pensa di questo virus?” era l’argomento di conversazione a tavola.

Bruce era un uomo buono, un uomo speciale. Il tipo di persona che trovava il modo di entrare in contatto con chiunque incontrasse. Aveva il dono della parola e un modo di interagire che faceva sentire le persone accettate e apprezzate. Quel giorno il tessuto dell’umanità ha subito uno strappo e, mentre celebravo la ricorrenza, non ho potuto fare a meno di pensare: “Maledizione!”, se fosse stato in grado di resistere qualche mese fino all’arrivo del vaccino. Mi è sembrato cosmicamente ingiusto, come affondare sotto le onde un attimo prima dell’arrivo del bagnino.

Marzo 2021: arrivo del vaccino. Accolgo la notizia del vaccino con il dovuto entusiasmo medico e patriottico: un raggio di speranza (!) e un balsamo per la psiche di un Paese martoriato dalla pandemia e dalle lotte politiche. L’operazione Warp speed aveva consegnato la merce: una tecnologia all’avanguardia pronta a preparare i nostri corpi alla lotta della nostra vita.

Mi rimboccai doverosamente le maniche e ricevetti il mio primo Pfizer, ripetendolo sei settimane dopo. Nessun effetto negativo, a parte un po’ di malessere e un dolore al deltoide per qualche giorno. Ero felice di averlo a disposizione e lo raccomandavo in lungo e in largo ai pazienti.

Atto 2: seguire la scienza e mettere in discussione la narrazione
“Se tutto ciò che hai è un martello, tutto sembra un chiodo”.

Il passare del tempo ha portato con sé preoccupazioni mediche e sociali: Obblighi? Vaccinarsi o essere licenziati?

Qualunque sia il ruolo dei vaccini (popolazioni ad alto rischio, residenti in case di cura, ecc.), essi presentano dei rischi e, proprio come qualsiasi intervento medico, dovrebbero essere raccomandati solo sulla base di un’analisi personalizzata dei rischi e dei benefici, con un adeguato consenso informato.

Obblighi e restrizioni di viaggio mi sono sembrati aggressivi. Ma questo ci è stato proposto come risposta necessaria alla salute pubblica: tempi disperati richiedono misure disperate. Le persone non vaccinate stavano diffondendo il virus e mettendo in pericolo tutti noi. L’ignoranza e la scelta personale erano una cosa; l’egoismo a spese degli altri era completamente diverso.

Nella mia mente regnava una pace inquietante. Ma con il passare del tempo e con il proseguire delle mie indagini, il mio equilibrio fu turbato e l’ordinata conclusione di questa storia cominciò a svelarsi…

Colpo di scena n. 1: le persone vaccinate sono infettive quanto quelle non vaccinate.

Si scopre che i dati trapelati del CDC hanno rivelato che le persone vaccinate hanno sviluppato cariche virali altrettanto elevate (leggi qui e qui), il che ha portato a questa famosa citazione del dottor Fauci: “Si può fare un’ipotesi ragionevole che le persone vaccinate possano trasmettere il virus proprio come le persone non vaccinate“, disse.

Poi uno studio britannico, che ha seguito le famiglie per 12 mesi per monitorare i tassi di infezione, ha confermato che il picco di carica virale non variava in base allo stato di vaccinazione e ha concluso con questa notizia bomba: La probabilità di contrarre la COVID da un familiare vaccinato era uguale a quella di un familiare non vaccinato (25% se il familiare malato era vaccinato e 23% se non vaccinato).

Nel frattempo, a Seattle, mia cognata è stata costretta dai vicini a vaccinarsi (nonostante le sue esitazioni e le sue comorbidità mediche) perché i genitori del migliore amico di suo figlio di 3 anni non avrebbero permesso ai bambini di giocare insieme finché lei non avesse fatto il vaccino.

Colpo di scena n. 2: a questo punto i vaccini non funzionano molto bene.

Si noti che i vaccini non sono stati aggiornati da quando è iniziata l’intera pandemia. Esatto, gente: i vaccini ancora somministrati sono contro il ceppo originale di Wuhan – che, ovviamente, non è più in circolazione.

Ora abbiamo a che fare con la versione 4.0 (Wuhan, Alpha, Delta e ora Omicron e le sue varianti), e con ogni generazione l’efficacia del vaccino si è indebolita.

Esempio comparativo: Quanto sareste entusiasti di ricevere il vaccino antinfluenzale di 4 anni fa?

(A dire il vero, lo stesso problema del calo della protezione contro le nuove varianti si riscontra anche con l‘immunità naturale).

Quindi, i vaccini sembrano ancora offrire qualche beneficio, ma non abbastanza. Ancora più preoccupante è la possibilità che, paradossalmente, possano rendere più facile contrarre questi nuovi ceppi (leggi qui).

Colpo di scena n. 3: la proteina spike prodotta dai vaccini è in realtà tossica per il nostro sistema vascolare e nervoso.

All’inizio pensavamo che la proteina spike della SARS-COV-2 fosse benigna, solo un elemento che il virus usa per accedere alle nostre cellule. Ma si è scoperto che la proteina spike è altamente tossica: danneggia il rivestimento dei nostri vasi sanguigni (“danno endoteliale”), predispone alla formazione di coaguli di sangue e provoca infiammazioni e danni ai tessuti ovunque si trovi.

Cosa dobbiamo pensare del fatto che i vaccini istruiscono le nostre cellule a produrre alti livelli di proteina spike? E’ preoccupante?

Pfizer, Moderna, J&J e Novavax creano tutti la produzione di proteine spike “a lunghezza piena” e questo documento afferma chiaramente che le proteine “a lunghezza piena” innescano danni vascolari nel tessuto polmonare.

Inoltre, è noto che queste proteine spike circolano ampiamente dopo l’iniezione.

“Ma la struttura della proteina spike prodotta dal vaccino non è diversa?”.

Sì, presenta alcune lievi differenze strutturali, ma non è stato dimostrato che sia meno tossica. Come già detto, si tratta di una proteina spike “a lunghezza piena”, che è nota per essere dannosa. Inoltre, è in grado di essere scissa e di rilasciare la “subunità S1”, che è esattamente la stessa subunità S1 del virus naturale e che è nota per causare una serie di gravi problemi, tra cui coaguli di sangue e distruzione delle membrane cellulari.

(Questo documento mostra immagini delle subunità S1 delle proteine spike che causano l’aggregazione e l’attivazione delle piastrine del sangue. E questo intrepido medico e avvocato ha scattato foto prima e dopo di ciò che accade quando il vaccino Pfizer tocca un campione di sangue con un microscopio. E qui leggiamo come la subunità S1 sia una tossina che danneggia direttamente le membrane cellulari).

Pertanto, il CDC è del tutto impreciso quando descrive la proteina spike come “un pezzo innocuo di una proteina“.

Naturalmente, anche un’infezione naturale da SARS-COV-2 comporta un carico di proteine spike, ma si prevede che questo sia meno esteso (in termini di quantità e durata) rispetto a quello indotto dal vaccino, poiché l’mRNA del vaccino è stato ingegnerizzato (pagg. 5-7) per resistere alla degradazione in modo da creare un’esplosione “superpotente” di produzione di proteine spike.

Colpo di scena n. 4: queste proteine spike e le nanoparticelle del vaccino viaggiano lontano dal sito originale di iniezione.

All’inizio ci era stato detto che i vaccini rimanessero localizzati al sito di iniezione… Invece si è scoperto che si muovono più velocemente di un adolescente con una macchina nuova ad un appuntamento galante.

Sappiamo che i vaccini rilasciano la proteina SARS-CoV-2 nella circolazione generale.

Ora sappiamo – dai dati presentati da Pfizer alle autorità di regolamentazione giapponesi – che i vaccini a base di mRNA viaggiano lontano dal sito di iniezione locale, creando un assorbimento visibile nella milza, nel fegato, nelle ovaie e nelle ghiandole surrenali degli animali da esperimento.

Nel frattempo, il risultato di ricerca numero 1 di Google ci dice ancora questo:

È curioso… perché questi scienziati hanno isolato l’mRNA virale e le proteine spike da biopsie linfonodali 60 giorni dopo l’iniezione.

Le conseguenze del viaggio del vaccino verso organi distanti, comprese le ovaie, sollevano gravi preoccupazioni per la salute delle donne. Sappiamo che il polietilenglicole, un ingrediente presente nelle iniezioni di Pfizer e Moderna, è stato ritenuto un “potenziale rischio di tossicità” per le ovaie delle donne. E sappiamo che 30.000 donne in Gran Bretagna hanno riportato cambiamenti mestruali dopo aver ricevuto il vaccino.

Per quanto riguarda l’allattamento, sappiamo che esiste una base teorica per la trasmissione attraverso il latte materno (pagina 15). E abbiamo persino esperti di medicina tradizionale che ammettono che “Queste conversazioni sono difficili perché lo studio sul vaccino Pfizer/BioNtech ha escluso i soggetti in allattamento. Di conseguenza, non esistono dati clinici sulla sicurezza di questo vaccino nelle madri che allattano” (sottolineatura mia).

Colpo di scena n. 5: Le segnalazioni di danni da vaccino sono esplose.

Il CDC afferma audacemente che “i vaccini COVID-19 sono stati sottoposti – e continueranno a esserlo – al più intenso monitoraggio della sicurezza nella storia degli Stati Uniti“.

Davvero?

Hmmnn… Il “più intenso monitoraggio della sicurezza nella storia degli Stati Uniti” include l’immissione sul mercato con l’autorizzazione all’uso d’emergenza e l’utilizzo della popolazione come un gigantesco studio clinico di fase 3 (spesso sotto coercizione)?

(Le discrepanze e le carenze dei dati Pfizer sono esposte in modo scrupoloso e schiacciante in questo video censurato).

Questo monitoraggio include forse l’FDA che si è schierata con Pfizer in una richiesta FOIA in cui si chiedevano 75 anni per divulgare completamente i propri dati grezzi per un’analisi indipendente? (Leggete il convincente appello alla trasparenza del Dr. Doshi).

Include anche il CDC che rifiuta i dati sui danni da vaccino riportati al Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS), come segue:

“Le segnalazioni di morte dopo la vaccinazione COVID-19 sono rare”.

Davvero? Perché questi dati del progetto Open VAERS non mi sembrano rari.

Se non ne avete mai sentito parlare, dovete conoscere il database Vaccine Adverse Events Reporting (VAERS). È stato istituito dal Congresso nel 1990 con lo scopo di fungere da sistema di allerta sui potenziali effetti collaterali dei vaccini.

Decessi post-vaccinazione segnalati al sistema VAERS degli Stati Uniti, dal 1990 al novembre 2021 (OpenVAERS)

Il CDC tenta di rassicurarci…

“L’FDA richiede agli operatori sanitari di segnalare a VAERS qualsiasi decesso dopo la vaccinazione con COVID-19, anche se non è chiaro se il vaccino ne sia la causa. Le segnalazioni di eventi avversi al VAERS a seguito di una vaccinazione, compresi i decessi, non significano necessariamente che un vaccino abbia causato un problema di salute”.

“Ahhh…. Così va meglio.”…. Chi si sente tranquillo e in pace adesso?

La correlazione non è necessariamente causale – lo capisco. Ma questo non è certo rassicurante, vero? A mio parere, 30.479 morti (al 29/08/22) dovrebbero indurre a un’indagine seria, urgente e significativa. Per questo, vi raccomando Jessica Rose Ph.D. che ha prodotto un’intervista illuminante sul rischio VAERS.

E non è solo il database VAERS a inviarci questi segnali. Come spiega questo superlativo articolo del Dr. Pierre Kory, le assicurazioni sulla vita, Medicare e persino le richieste di assicurazione sanitaria tedesche riportano tutte un’impennata di decessi, non solo dopo il COVID, ma in particolare dopo l’introduzione del vaccino.

Domanda semplice: Se sono così sicuri, perché i produttori di vaccini hanno bisogno di una totale immunità legale da ogni potenziale danno?

Domanda semplice: Siete in grado di gestire la verità?

  • Malattie infiammatorie multisistemiche (leggi qui e anche qui)
  • Riattivazione di infezioni virali dormienti (leggi qui)
  • Riduzione delle cellule T CD8 e della risposta all’interferone di tipo 1 (leggi qui); di conseguenza, aumento del rischio di cancro.

(Dettagli su interferone di tipo 1 e cancro in questo articolo)

  • Riprogrammazione del sistema immunitario e riduzione della risposta ai recettori toll-like TLR4, TLR7 e TLR8 (leggi qui e anche qui)
  • Innesco di condizioni autoimmuni sottostanti (leggi qui)
  • Potenziale di peggiorare le infezioni successive a causa del potenziamento anticorpo-dipendente (leggi qui).

In effetti, poco prima dell’introduzione generalizzata del vaccino, questo virologo cinese ci ha messo in guardia da una distribuzione affrettata e ha suggerito di indagare attentamente sui possibili problemi di sicurezza.

Atto 3: la questione diventa personale
Ma basta parlare di numeri e dati: parliamo di persone reali e individuali. Come la mia famiglia.

Come mia figlia di 23 anni (studentessa di infermieristica in buona salute) che, dopo il vaccino obbligatorio, lamenta persistenti difficoltà di concentrazione e di memoria. O l’amica di mia figlia di 17 anni, l’anno scorso campionessa distrettuale di corsa su lunga distanza, quest’anno in difficoltà nel completare gli allenamenti a causa di un persistente dolore al petto. O la mia ex suocera, che stava bene fino a quando il cancro al seno è uscito dalla remissione subito dopo il secondo vaccino e l’ha rapidamente sopraffatta. Idem per la cara donna che mi ha ospitato come studente di scambio al liceo 30 anni fa e che è diventata una seconda madre per me. Il suo funerale si è svolto proprio il mese scorso.

Domanda veloce: Alzi la mano chi conosce personalmente qualcuno che ha avuto un grave effetto collaterale da vaccino.

Allora, dov’è la vigorosa, aperta, onesta, urgente, stridente (indignata?) discussione nazionale su questa situazione? Decine di migliaia di persone sono potenzialmente danneggiate o morte prematuramente e non se ne parla ogni sera al telegiornale? O in qualche regolare briefing per la stampa del CDC?

Cosa sta succedendo? 

Atto 4: Censura e scomunica
Si scopre che non si può parlare apertamente dei rischi del vaccino. Qualsiasi discussione franca sui rischi – anche da parte di esperti accreditati che parlano nel loro campo di studi – è stata censurata perché “incoraggiare l’esitazione sui vaccini” è diventato un crimine di pensiero e, in nome della “lotta alla disinformazione COVID”, il governo e i media hanno mostrato un livello di cooperazione sorprendente. A mali estremi, estremi rimedi.

Nella nuova religione della salute pubblica sponsorizzata dallo Stato, sollevare queste preoccupazioni significa commettere il peccato imperdonabile.

Il risultato? Come nei peggiori estremismi religiosi, le autorità, compiaciute di sé stesse, eseguono sommariamente il giudizio: i vostri account sui social media spariranno, le vostre interviste spariranno da YouTube, la vostra credibilità sarà denigrata e il vostro impiego e sostentamento saranno minacciati.

La cultura dell’annullamento ha colpito a tradimento la medicina moderna e i poveri camici bianchi non hanno mai saputo cosa li avesse colpiti.

Esagero?

Fate una ricerca su Internet per Robert Malone MD, Pierre Kory MD, Paul Marik MD, Didier Raoult o Ryan Cole MD. Oppure Luc Montagnier Ph.D, Michael Yeadon Ph.D, Byram Bridle Ph.D o Jessica Rose Ph.D. Ditemi cosa trovate… C’è un motivo per cui metà di queste anime coraggiose sono finite su Substack.

Esagero?

Il mio amico medico, impiegato presso il nostro ospedale locale, offre questa confessione: “Abbiamo ricevuto un’e-mail in cui si diceva che se avessimo sollevato dubbi sul vaccino o non fossimo stati entusiasti di incoraggiare ogni paziente a farlo, saremmo stati soggetti a licenziamento”.

È un pediatra.

Nel frattempo, in un appello stridente pubblicato sul British Medical Journal, un gruppo di medici espone in modo convincente il proprio punto di vista contro l’obbligo dei vaccini e, per quanto riguarda i bambini, conclude dicendo:

“Per i gruppi di età giovane, in cui la morbilità e la mortalità legate al covid sono basse, e per coloro che hanno già avuto un’infezione da covid-19 e sembrano avere una memoria immunologica di lunga durata, i danni dell’assunzione di un vaccino sono quasi certamente superiori ai benefici per l’individuo, e l’obiettivo di ridurre la trasmissione ad altre persone a rischio più elevato non è stato dimostrato in modo sicuro” .

Nel frattempo, i rapporti provenienti dall’interno del CDC e della FDA indicano un basso livello di morale e dissonanza cognitiva, in quanto gli scienziati senior si rendono conto che queste agenzie stanno dando priorità alla politica piuttosto che alla salute pubblica. Il CDC ammette ora gravi carenze e annuncia una ristrutturazione.

Conclusione
Non si tratta di Stati rossi contro Stati blu. Non si tratta nemmeno di una discussione più ampia sui vaccini in generale. (Quando mio padre era bloccato in una casa di cura con l’Alzheimer, sono stato categorico nel fargli fare il vaccino, e prenderei la stessa decisione anche oggi. Il mio obiettivo non è quello di alimentare il fuoco della macchina dell’indignazione in modo che la mia tribù possa indignarsi di più per quello che “loro” ci stanno facendo.

La mia intenzione è quella di fare un esame onesto e centrato su questa situazione e di permettere che la discussione illumini questioni più ampie di bioetica, autonomia, collusione, avidità, censura e libertà di informazione.

Non vi chiedo di essere d’accordo con la mia posizione, ma solo di essere consapevoli di tutti gli aspetti della questione.

A mio avviso, si tratta di libertà. Si tratta di onestà e trasparenza. E soprattutto, alla fine, si tratta di persone: esseri umani reali e individuali che cercano di vivere la loro vita migliore per un breve periodo qui sul pianeta Terra. Meritiamo di conoscere la verità. E meritiamo che la nostra verità venga riconosciuta, come la toccante storia di questa immunologa che è stata lei stessa vittima di un danno da vaccino.

Ho iniziato questo viaggio col cuore pesante; l’ho terminato come medico con la coscienza tormentata.

Ma ho una speranza.

“Allora conoscerete la verità e la verità vi farà liberi” (Giovanni 8:32).

Il vostro partner nella salute,

Dr Michael Turner

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

La probabile Ministro Saccani Jotti ha proposto l’obbligo dell’antinfluenzale agli over 65 e agli operatori sanitari

Read Next

Un 17enne è morto in classe al liceo per infarto improvviso martedì 18 ottobre

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock