• Gennaio 27, 2023

Luc Montagnier il 12 gennaio al parlamento lussemburghese: “Fermiamo questo delirio!”

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Il professor Luc Montagnier è stato invitato al Parlamento lussemburghese mercoledì 12 gennaio per parlare del vaccino covid, accompagnato dalla genetista Alexandra Henrion Caude.

Montagnier ha denunciato davanti ai deputati lussemburghesi che il mondo scientifico, politico e mediatico è sottoposto ad una “grande campagna di marketing” da parte dei grandi gruppi farmaceutici decisi a vendere a tutti i costi un vaccino contro il covid , per una malattia che non sarebbe in alcun modo paragonabile a “peste o colera”.

L’89enne premio Nobel per la medicina del 2008 ritiene che le varianti covid siano causate dai vaccini.

La Camera dei Deputati ha dovuto esaminare due istanze pubbliche:

  • una contro l’obbligo vaccinale, che ha raccolto circa 11.500 firme,
  • una con richiesta di vietare la somministrazione dei vaccini covid ai bambini (4.700 firme).

Anche il professore francese Christian Perronne, invitato dal Parlamento, ha dichiarato:

“Questo vaccino non si basa su alcun riferimento scientifico. Questo prodotto non è un vaccino. Dobbiamo fermare la follia”.

La genetista Prof.ssa Alexandra Henrion-Caude ha aggiunto:

“I vaccini non hanno ancora una maturità scientifica sufficiente. Invece di stabilire un obbligo di vaccinazione con un siero ancora in fase di sviluppo, i politici farebbero meglio a rimandare gli scienziati nei laboratori per individuare un vaccino efficace che prevenga la trasmissione del virus.

Il governo e i deputati dovranno discutere la prossima settimana sull’introduzione dell’obbligo di vaccinazione in Lussemburgo.

Anche i più favorevoli all’obbligo non negano che il vaccino possa causare effetti collaterali indesiderati. Questi effetti possono essere gravi. Cécile Paulus, che mercoledì è venuta ad accompagnare i firmatari della campagna contro la vaccinazione obbligatoria, è una di queste vittime.

“Avevo forti dubbi sulla vaccinazione, ma ho deciso di fare il grande passo il 25 marzo 2021. Pochi giorni dopo, ho sentito un forte dolore. A un certo punto ero semiparalizzata”.

I medici le hanno diagnosticato la sindrome di Guillain-Barré, malattia neurologica che colpisce il sistema immunitario del paziente attaccando i nervi periferici.

“Nove mesi dopo, sto ancora soffrendo.”

In Lussemburgo sono stati segnalati 11 decessi a seguito di una vaccinazione contro il covid .

Durante il dibattito è stata citata la moltiplicazione di miocarditi e pericarditi, trombosi, embolie o morti improvvise, tra cui quelle che hanno colpito “centinaia di atleti”. Il Dr. Romain Blum ritiene che “gli effetti collaterali siano trascurati”.

“Posso assicurarvi che ci aspetta un vero e proprio tsunami di effetti collaterali”.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Dopo un anno l’Agenzia Europea ammette gravissime malattie neurologiche dopo AstraZeneca e J&J. In Italia numerosi casi già da marzo

Read Next

Il Testo Integrale della Sentenza TAR Lazio pubblicata oggi 15 gennaio che demolisce il protocollo “paracetamolo e vigile attesa”

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock