• Agosto 16, 2022

Malore fatale: muore Angelo Iaia, fondatore del gruppo Slow Food

Lutto a Ostuni. Già consigliere comunale e membro del direttivo dell’Avis, Iaia si è spento all’età di 62 anni. Giovedì mattina i funerali.

OSTUNI – Colto da un improvviso malore, si è spento all’età di 62 anni Angelo Iaia, persona molto nota a Ostuni per il suo impegno nel gruppo Slow Food “Piana degli Ulivi”. Il dramma è avvenuto nella mattinata di ieri (martedì 26 aprile). Già consigliere comunale fra le file de “I Verdi”, con successiva adesione alla “Margherita”, Iaia era un professore di scuola superiore.

La notizia della sua improvvisa scomparsa ha suscitato forte commozione nella Città Bianca. Numerosi messaggi di cordoglio sono stati pubblicati sui social, fra cui un post di Slow Food “Piana degli ulivi”, di cui Iaia è stato fiduciario e vicepresidente e tuttora rivestiva il ruolo di membro del comitato di Condotta. “Un carissimo amico – lo ricorda Slow Food – di tutti noi, un uomo buono, garbato, mite e pacato, valori che lo hanno sempre contraddistinto”. 

Una testimonianza arriva anche dall’ex assessore e consigliere comunale Andrea Pinto. “Apprendo con profonda tristezza – scrive Pinto – della prematura scomparsa del caro amico Angelo Iaia. Il nostro rapporto, nato durante il mandato di Presidenza dell’Avis di Ostuni, ove abbiamo condiviso l’esperienza del direttivo 2009-2013, si è cesellato nel corso degli anni grazie ad un’amicizia sincera, fondata su valori di lealtà, reciproci rispetto e stima, che Angelo ha saputo perfettamente – in ogni occasione – alimentare. Le mie sentite condoglianze vanno alla Sua famiglia”: 

Iaia lascia una moglie e due figli. I funerali si svolgeranno giovedì mattina.

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Studio sulle TERAPIE PRECOCI del Comitato Terapia Domiciliare pubblicato sulla rivista American Journal of Biomedical Science and Research. Grimaldi: ” Adesso cosa direte ai parenti dele vittime”?

Read Next

Due quarantenni e un 38enne morti nelle ultime ore per malore fatale, il quarto in fin di vita. “When enough is enough”?