• Giugno 26, 2022

Mentre le segnalazioni di danni da vaccino COVID superano il MILIONE, la FDA autorizza il Booster Pfizer per bambini dai 12 anni in su

Di Children’s Health Defense

I dati VAERS pubblicati venerdì dai Centers for Disease Control and Prevention hanno incluso un totale di 1.000.229 segnalazioni di eventi avversi di tutte le fasce d’età a seguito di vaccini COVID, tra cui 21.002 decessi e 162.506 lesioni gravi tra il 14 dicembre 2020 e il 24 dicembre 2021.

I Centers for Disease Control and Prevention il 31 dicembre 2021 hanno pubblicato nuovi dati che mostrano un totale di 1.000.229 segnalazioni di eventi avversi a seguito di vaccini COVID che sono stati presentati tra il 14 dicembre 2020 e il 24 dicembre 2021 al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS). VAERS è il principale sistema finanziato dal governo per la segnalazione di reazioni avverse ai vaccini negli Stati Uniti.

I dati includevano un totale di 21.002 segnalazioni di decessi e 162.506 segnalazioni di lesioni gravi. Escludendo le“segnalazioni estere” a VAERS, 709.084 eventi avversi ,tra cui 9.623 decessi e 62.069 lesioni gravi, sono stati segnalati negli Stati Uniti tra il 14 dicembre 2020 e il 24 dicembre 2021.

I rapporti esteri sono rapporti ricevuti dai produttori statunitensi dalle loro filiali estere. Ai sensi delle normative statunitensi della Food and Drug Administration (FDA), se un produttore viene informato di un caso clinico straniero che descrive un evento grave e non appare sull’etichettatura del prodotto, il produttore è tenuto a presentare il rapporto a VAERS.

Dei 9.623 decessi negli Stati Uniti segnalati al 24 dicembre, il 20% si è verificato entro 24 ore dalla vaccinazione, il 25% si è verificato entro 48 ore dalla vaccinazione e il 61% si è verificato in persone che hanno manifestato un inizio di sintomi entro 48 ore dalla vaccinazione.

Negli Stati Uniti, al 23 dicembre erano state somministrate 499,7 milioni di dosi di vaccino COVID. Ciò include 291 milioni di dosi di Pfizer, 190 milioni di dosi di Moderna e 18 milioni di dosi di Johnson & Johnson (J & J).

Ogni venerdì, VAERS pubblica i rapporti sulle lesioni da vaccino ricevuti a partire da una data specificata. I rapporti presentati a VAERS richiedono ulteriori indagini prima che una relazione causale possa essere confermata. Storicamente, VAERS ha dimostrato di riportare solo l’1% degli eventi avversi effettivi al vaccino.

I dati U.S. VAERS dal 14 dicembre 2020 al 24 dicembre 2021 per i bambini dai 5 agli 11 anni mostrano:

I dati U.S. VAERS dal 14 dicembre 2020 al 24 dicembre 2021 per i giovani dai 12 ai 17 anni mostrano:

La morte più recente riguarda una ragazza di 15 anni precedentemente sana del Wisconsin (VAERS I.D. 1963633), che ha avuto un’emorragia cerebrale e intraventricolare secondaria a un aneurisma rotto. È anche risultata positiva al SARS-CoV-2 nonostante sia stata completamente vaccinata.

  • 61 segnalazioni di anafilassi tra i 12 ei 17 anni in cui la reazione era pericolosa per la
    vita, richiedeva un trattamento o provocava la morte – con il 96% dei casi attribuiti al vaccino di Pfizer.
  • 579 segnalazioni di miocardite e pericardite con 568 casi attribuiti al vaccino pfizer.
  • 146 segnalazioni di disturbi della coagulazione del sangue, con tutti i casi attribuiti a Pfizer.

I dati U.S. VAERS dal 14 dicembre 2020 al 10 dicembre 2021, per tutte le fasce d’età combinate, mostrano:

La FDA autorizza i booster Pfizer per i giovani dai 12 ai 15 anni, bypassa gli esperti

La FDA ha modificato oggi l’autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) per il vaccino COVID di Pfizer espandendo l’idoneità per i richiami ai bambini dai 12 ai 15 anni di età.

L’agenzia non ha consultato il suo gruppo di esperti di consulenti per i vaccini, che a settembre hanno respinto in modo schiacciante i richiami per le persone sane di età pari o superiore a 16 anni.

La FDA ha inoltre ridotto il tempo per adolescenti e adulti per ricevere un richiamo da sei mesi a cinque mesi dopo aver ricevuto una seconda dose e ha autorizzato un terzo richiamo per i bambini immunocompromessi di età compresa tra 5 e 11 anni.

Il Dr. Peter Marks, direttore del Center for Biologics Evaluation and Research presso la FDA, ha dichiarato in una dichiarazione che l’agenzia ha preso la sua decisione perché una terza dose “può aiutare a fornire una migliore protezione contro entrambe le varianti Delta e Omicron”.

La FDA ha dichiarato di aver esaminato i dati del mondo reale da Israele di oltre 6.300 individui di età compresa tra 12 e 15 anni che hanno ricevuto un richiamo almeno cinque mesi dopo la loro seconda dose di Pfizer e non hanno riscontrato seri problemi di sicurezza.

Nessuno studio clinico è stato presentato.

Allo stesso modo, dati aggiuntivi non hanno mostrato problemi a dare a chiunque abbia diritto a un richiamo Pfizer una dose extra a cinque mesi invece di sei, ha riferito l’Associated Press.

La FDA ha dichiarato che continuerà a rivedere le informazioni e comunicare con il pubblico se emergono dati che suggeriscono che sono necessarie dosi di richiamo per la popolazione pediatrica più giovane.

Il pediatra pesa sulla decisione della FDA: i bambini non sono “mini-adulti”

La dottoressa Michelle Perro,pediatra e co-autrice di “What’s Making Our Children Sick”, non è d’accordo con la decisione della FDA, sottolineando che “i bambini non sono mini-adulti”. La dottoressa Perro ha affermato che la rapida crescita dei bambini, il rapido turnover cellulare e i percorsi di disintossicazione meno efficienti sono fattori che devono essere considerati ogni volta che vengono introdotte nuove terapie.

Perro ha dichiarato:

“Questa nuova terapia immunomodulante, l’inoculazione dell’mRNA, ha già dimostrato di aver prodotto risultati negativi multisistemici sulla salute nei bambini raccolti dal database del CDC”.

Ha poi delineato cinque motivi per cui crede che questa “terapia sperimentale” debba essere immediatamente ritirata:

  • Gli iniettabili geneticamente modificati non sono stati adeguatamente studiati nei bambini secondo i dati di Pfizer, dove hanno messo insieme i dati di bambini e adulti.
  • L’iniezione utilizza la nanotecnologia che ora fa parte della tecnologia emergente nella ricerca vaccinologica. Queste nanoparticelle sono di dimensioni così piccole che possono attraversare la barriera emato-encefalica che può influire negativamente sulla nostra già fragile popolazione di bambini.
  • L’mRNA stesso è instabile ed è quindi incapsulato in una biosfera lipidica composta da un guscio di polietilenglicole ( PEG) che di per sé è tossico.
  • Il numero di bambini che soffrono di effetti collaterali irreparabili già documentati dalle vaccinazioni, come quelle che si verificano nei loro cuori (miocardite), non è solo inaccettabile ma immorale.
  • Gli operatori sanitari per bambini non sono né istruiti né proattivi nella diagnosi e nel trattamento degli effetti di questa terapia sperimentale.

Perro ha messo in dubbio le motivazioni della FDA, dato che i bambini soffrono di morbilità e mortalità quasi zero per infezioni da COVID.

Ha inoltre dichiarato che la FDA sta “deviando” dalla propria posizione storica.

“Quando i precedenti vaccini veri sono stati introdotti storicamente (vaccino contro il rotavirus), dopo pochi casi di avversità, sono stati immediatamente ritirati”, ha ricordato la dottoressa Perro. “La FDA deve aderire alla propria posizione storica per quanto riguarda il compito assegnato della protezione e della supervisione della più grande risorsa del nostro paese: i nostri figli”.

Fauci afferma che i numeri di ospedalizzazione per i bambini con COVID sono sovrastimati

Il dottor Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, in un’intervista su MSNBC, ha affermato che le statistiche per i ricoveri tra i bambini con COVID sono sovrastimate, chiarendo la distinzione tra bambini ricoverati con COVID e bambini ricoverati in ospedale “a causa di COVID”.

Parlando con Ayman Mohyeldin di MSNBC, Fauci ha sostenuto che l’aumento è dovuto a due fattori che contribuiscono: più bambini che vengono infettati e il modo in cui vengono contati i casi di COVID.

“E ciò che intendiamo con questo – se un bambino va in ospedale, viene automaticamente testato per COVID. E vengono contati come individui ricoverati in ospedale COVID “, ha affermato Fauci. “Quando in realtà, possono essere lì per una gamba rotta o appendicite o qualcosa del genere. Quindi si stanno sovra-testando il numero di bambini che sono, cito, “ricoverati in ospedale con COVID”, al contrario di a causa di COVID. “

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Storica compagnia assicurativa OneAmerica afferma che i decessi sono schizzati al 40% tra le persone di età compresa tra 18 e 64 anni: ” E’ INAUDITO”

Read Next

La Corte federale blocca gli obblighi sui vaccini COVID-19 di Biden, vittoria per 24 stati americani