• Febbraio 7, 2023

Miocardite post-vaccinazione. Dovremmo preoccuparci?

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


di Maryanne Demasi PhD

Israele è stato il precursore, il primo paese a segnalare un picco preoccupante nei casi di miocardite (muscolo cardiaco infiammato).

I primi dati suggerivano che la miocardite si verificasse più comunemente negli uomini più giovani (16-19 anni), in particolare dopo la seconda dose, ad un tasso di 1 su 6600.

Il CDC degli Stati Uniti ha cercato di abbassare il polverone. Secondo il suo sistema di monitoraggio, i tassi di miocardite dopo la vaccinazione non differivano dai tassi basali attesi.

Il mese successivo, il CDC ha pubblicato i propri dati: nei maschi sotto i 40 anni, la miocardite si è verificata con un tasso di 1 su 31.000 dopo due dosi di un vaccino a mRNA.

Il problema non stava scomparendo. A luglio 2021, l’UE aveva condotto la propria indagine e concluso che ci fosse un “potenziale legame tra infiammazione cardiaca e vaccini a mRNA”.

Quindi, tutti i principali regolatori dei farmaci negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Australiae in Europa hanno aggiunto un avvertimento ai vaccini a mRNA sul rischio di miocardite nei maschi sotto i 30 anni.

Per contrastare la paura pubblica, le autorità hanno rassicurato i loro cittadini che i casi fossero lievi, incredibilmente rari e risolti senza trattamento. Quindi, i benefici dell’inoculazione dei giovani, superavano i rischi.

Arrivano gli studi

A settembre 2021, uno studio pre-stampa di Høeg e soci, ha suonato di nuovo l’allarme.

Gli autori hanno dato uno sguardo più granulare al sistema di segnalazione degli eventi avversi dei vaccini degli Stati Uniti(VAERS)e hanno fornito un’analisi più sensibile rispetto al CDC.

L’incidenza di miocardite nei giovani maschi era di 1 su 10.600 (16-17 anni) e 1 su 6.200 (12-15 anni), e la maggioranza, l’86% di loro, richiedeva una qualche forma di assistenza ospedaliera.

Gli scettici si sono rivolti ai social media per screditare il giornale e attaccare l’autore principale, sostenendo che i numeri fossero stati “enormemente sopravvalutati“.

Ma poi, la FDA ha pubblicato un rapporto che potrebbe aver umiliato e messo a tacere i critici.

Il rapporto conteneva i dati di Pfizer che mostravano tassi più elevati di miocardite rispetto a quanto precedentemente riportato dal CDC, 1 su 15000 (maschi di 16-17 anni).

Moderna sembrava essere collegata a più casi rispetto a Pfizer.

Quindi, per un’abbondanza di cautela, Svezia, Norvegia e Finlandia hanno rotto i ranghi con le loro controparti europee e hanno sospeso l’uso del vaccino di Moderna in tutti gli under 30.

Francia e Germania hanno seguito presto .*

Le autorità hanno continuato a spingere per la vaccinazione di massa, affermando che i giovani avessero maggiori probabilità di sviluppare la miocardite contraendo COVID-19 – citando una pubblicazione scarsamente convalidata che utilizzava “stime”.

Gli studi hanno continuato a riversarsi.

Uno da Hong Kong ha mostrato che l’incidenza della miocardite nei maschi 12-17 anni dopo due dosi di Pfizer era 1 su 2700, e un altro dai ricercatori di Oxford, ha scatenato una discussione frenetica tra gli accademici.

È stato il primo studio che ha fortemente sfidato la narrativa mainstream secondo cui la miocardite fosse più comune dopo COVID-19 che dopo la vaccinazione nei giovani maschi sotto i 40 anni (grafico).

Infine, uno studio pre-stampa di Kaiser Permanente ha trovato alti tassi di miopericardite dopo due dosi di vaccino a mRNA; 1 su 1800 nei maschi di età compresa tra 18 e 24 anni e 1 su 2600 nei maschi di età compresa tra 12 e 17 anni.

Gli autori hanno concluso che “la vera incidenza della miopericardite è marcatamente superiore all’incidenza riportata ai comitati consultivi statunitensi”.

La miocardite post-vaccinazione è “lieve”?

Il dottor Peter McCullough è un cardiologo, internista, epidemiologo e co-editore della rivista Reviews in Cardiovascular Medicinecon sede in Texas.

Dr Peter McCullough, Cardiolgoista
il dottor Peter McCullough

Durante la pandemia, il dottor McCullough ha gestito le complicanze cardiovascolari sia dell’infezione virale che delle lesioni che si sono sviluppate dopo il vaccino COVID-19.

Rifiuta l’idea che la maggior parte dei casi di miocardite post-vaccinazione siano considerati banali o “lievi”.

“Improvvisamente sviluppano dolore toracico, livelli elevati di troponina[indica danni cardiaci muscolari], cambiamentiECG e circa tre quarti hanno prove di danni cardiaci da ecocardiografia o risonanza magnetica”, ha dichiarato.

L’esperienza del dottor McCullough è supportata da una vasta serie di casi di sospetta miocardite post-vaccino in persone sotto i 21 anni, pubblicata su Circulation.

Le risonanze magnetiche cardiache hanno mostrato che il 77% presentava anomalie e, di queste, il 99% aveva un aumento tardivo del gadolinio (significa fibrosi o tessuto cicatriziale) e il 72% aveva edema miocardico (gonfiore del muscolo cardiaco).

È troppo presto per dire quali saranno gli impatti a lungo termine per coloro che sviluppano miocardite post-vaccinazione, ma uno studio del 2019 pubblicato su Circulation ha suggerito che il 13% dei casi di miocardite finisce con una funzione cardiaca compromessa.

Il dottor McCullough afferma che questa potrebbe essere solo la punta dell’iceberg.

“Penso che ci sia un gran numero di miocardite sub-clinica in corso. Forse una delle manifestazioni di questo è che stiamo vedendo sempre più atleti, per lo più in quella fascia di età 18-24 anni[coinvolti nella campagna vaccinale],collassare sul campo di calcio “, dice il dottor McCullough.

“Una delle cose da fare per il trattamento è assolutamente astenersi da qualsiasi attività fisica, perché l’esercizio estremo mentre il cuore è infiammato può innescare la morte cardiaca improvvisa”.

Le piattaforme di social media sono state inondate di video di calciatori che crollano sul campo, ma gli scettici hanno negato qualsiasi collegamento con i vaccini, dicendo che la morte cardiaca improvvisa è sempre stata un problema nello sport e che l’aumento degli eventi è semplicemente una “coincidenza”.

Recentemente, le autorità sanitarie della Nuova Zelanda hanno dichiarato che un uomo di 26 anni è morto di miocardite legata al vaccino Pfizer.

Tasso di fondo della miocardite pediatrica?

La miocardite è normalmente molto rara nella popolazione pediatrica(4 per milione all’anno),ma l’aumento dei casi post-vaccinazione segnalati al CDC VAERS (n = 23.317 casi al 31 dicembre 2021) è preoccupante per il dottor McCullough.

“Se il tasso di fondo è di 4 per milione all’anno, ora abbiamo tassi di miocardite indotta da vaccino che sono di circa 200-400 per milione in un anno [1 su 5000-2500]”, afferma il dottor McCullough

“Per quanto riguarda i bambini, una volta che inizieranno a essere potenziati, i numeri potrebbero arrivare fino a 600-800 per milione all’anno[1 su 1600 – 1250]”,aggiunge.

I tassi di miocardite sono più comuni nei giovani maschi, probabilmente a causa degli ormoni come il testosterone.

I ricercatori brasiliani hanno affermato di ottenere risultati favorevoli dopo aver trattato i pazienti COVID-19 con terapia anti-androgenica, ma sono necessarie ulteriori ricerche.

Può anche spiegare perché alcuni dati suggeriscono che i bambini pre-pubescenti di 5-11 anni possono essere meno colpiti dalla miocardite rispetto a quelli sopra i 12 anni.

Qual è il meccanismo biologico?

Il meccanismo della miocardite indotta da vaccino non è definitivamente noto, ma è probabile che sia correlato alle nanoparticelle lipidiche nel vaccino che trasportano l’mRNA.

Il vaccino è progettato per essere iniettato per via intramuscolare (deltoide) e produrre una reazione immunitaria locale. Tuttavia, studi surrogati nei dati regolatori mostrano che le nanoparticelle lipidiche possono depositarsi nei tessuti oltre il sito di iniezione al fegato, alle ghiandole surrenali, alla milza e alle ovaie.

“Le nanoparticelle lipidiche vengono distribuite in tutto il corpo e, invariabilmente, alcune vengono assorbite nel cuore. Il mosaico di cellule con le nanoparticelle lipidiche può iniziare a produrre la proteina spike che incita l’infiammazione in quei tessuti “, spiega il dottor McCullough.

“Ora sappiamo anche che la proteina spike circola nel flusso sanguigno per circa due settimane dopo il vaccino, e in alcune persone, può circolare ed essere misurabile fino a un mese dopo la somministrazione. Quella proteina spike circolante libera può anche depositarsi nel cuore. “

Uno studio di Avolio e colleghi dimostra che la proteina spike ha la capacità di causare cambiamenti molecolari e funzionali nei periciti vascolari umani, che sono le cellule di supporto intorno ai capillari che circondano le cellule del muscolo cardiaco.

Interpretazione dei risultati

Ci sono diverse cose da considerare quando si decide di vaccinare bambini e giovani adulti contro COVID-19.

1. Molti giovani (il 40% dei bambini negli Stati Uniti) sono già stati esposti a COVID-19 e quindi hanno un’immunità recente.

2. Il tasso di sopravvivenza di COVID-19 per bambini e adolescenti è >99,99%, secondo uno studio del professor John Ioannidis di Stanford, quindi il rischio di morte è basso.

3. Anche il rischio di ospedalizzazione per i giovani senza comorbilità è basso, ad esempio al culmine dell’epidemia di delta a Sydney, la maggior parte dei bambini infetti (<16 anni) presentava una malattia asintomatica o lieve, l’ospedalizzazione era rara e più bambini sono stati ricoverati in ospedale per motivi sociali, che per motivi medici.

4. Ora che omicron è emerso e si presenta come una malattia più lieve(30-50% in meno di rischio di ospedalizzazione rispetto al delta), sappiamo anche che i vaccini sono significativamente meno efficaci contro la nuova variante, non prevengono l’infezione, né impediscono la trasmissione.

5. Ora che gli Stati Uniti hanno raccomandato a tutti gli over 12 di ricevere un richiamo, quale sarà il rischio incrementale che viene fornito con ogni iniezione di mRNA? Il regolatore dell’Unione europea ha ora avvisato che frequenti dosi di richiamo COVID-19 potrebbero influire negativamente sul sistema immunitario.

Riassumendo:

alcuni esperti ora suggeriscono che i benefici di un vaccino a mRNA nei giovani adulti il cui rischio è già basso, non superino i rischi e i potenziali danni.

Altri hanno chiesto un approccio più sfumato alla vaccinazione dei bambini contro COVID-19, che va dalla spaziatura delle due dosi, affinchè siano più distanti, raccomandando solo una dose o vaccinando solo i bambini ad alto rischio di complicanze COVID-19.

Sfortunatamente, l’incertezza e la mancanza di trasparenza da fonti autorevoli hanno probabilmente danneggiato la fiducia del pubblico nelle vaccinazioni di routine per le generazioni a venire.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

I vaccini COVID potrebbero causare malattie neurodegenerative “paralizzanti” nei giovani, avverte lo scienziato del MIT

Read Next

Amnesty International Italia interviene sulle VIOLAZIONI DEI DIRITTI UMANI da parte del governo italiano

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock