• Maggio 17, 2022

Nigeria- Ministro della Salute Ehanire: “La vaccinazione non può fermare totalmente l’infezione”

Il Dr. Osagie Ehanire, Ministro della Salute, ha affermato che la vaccinazione parziale o totale contro il temuto COVID-19 non è una ragione sufficiente per abbandonare le protezioni per interventi non farmaceutici (NPI) o una garanzia contro l’infezione.

Ehanire lo ha detto lunedì ad Abuja al briefing nazionale del Comitato direttivo presidenziale (PSC) sul COVID-19.

La Nigeria ha finora testato un totale di 3.392.457 campioni, di cui 213.147 sono stati confermati positivi al COVID-19, mentre i casi attivi sono 4.447 e i casi dimessi fino ad oggi sono 205.732.

Purtroppo ci sono stati 2.968 decessi correlati al COVID-19 con un tasso di mortalità dell’1,39%.

L’attuale aumento dell’infezione in alcuni paesi europei, che hanno già avuto la vaccinazione oltre il 60%, è la prova che la vaccinazione completa non è un motivo per abbassare la guardia o una garanzia contro l’infezione“, ha dichiarato Ehanire.

Il Ministro ha aggiunto che l’occupazione dei letti nella settimana in esame è stata del 16,17% in 86 reparti di isolamento e l’ossigeno è ampiamente disponibile, principalmente in bombole, con concentratori di ossigeno come backup.

Non c’è un aumento della domanda. È in corso una revisione della situazione dell’ossigeno in 125 centri di trattamento, per identificare anche gli impianti non funzionali per la riparazione “, ha affermato.

Ehanire ha riferito che la maggior parte dei pazienti (67%) ricoverati in reparti di isolamento aveva comorbilità come diabete, ipertensione, obesità e altre malattie non trasmissibili (NCD), che sono noti determinanti della gravità della malattia COVID-19.

Da Daily Post Nigeria

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Augusta Turiaco, Professoressa messinese morta dopo AstraZeneca. Dopo nove mesi la perizia dei consulenti della Procura ancora non c’è. L’avvocato: “il consenso informato non informava sugli eventi avversi”

Read Next

Pfizer consentirà alla sua pillola Covid generica di essere prodotta e venduta a buon mercato nei paesi poveri