• Novembre 27, 2022

Nuovo studio: un semplice lavaggio nasale riduce il rischio di ospedalizzazione per COVID (più di 8 volte)

Troppo semplice?

Invece secondo questa ricerca, si evince che un semplice lavaggio nasale con acqua salina delicata può aiutare a prevenire il ricovero e i decessi per COVID-19.

  • I lavaggi nasali con acqua salina eliminano i virus dai seni paranasali
  • I virus COVID-19 possono causare danni permanenti entrando nei polmoni
  • La tecnica ha origine con le pratiche yoga indiane ed è facile da usare

[NEW DELHI] Semplici lavaggi nasali con acqua salina delicata possono prevenire il ricovero e i decessi per COVID-19, se praticati due volte al giorno a seguito di una diagnosi positiva, secondo una ricerca condotta dall’Università di Augusta con sede negli Stati Uniti.

Ridurre la quantità di virus che entra nel corpo riduce la gravità della malattia , afferma lo studio pubblicato a settembre sull’Ear, Nose & Throat Journal . Ha scoperto che i lavaggi nasali condotti entro 24 ore dalla diagnosi possono impedire al virus di entrare nei polmoni e causare danni permanenti o fatali ai pazienti.

Amy Baxter, corrispondente autrice dello studio affiliato al dipartimento di medicina d’urgenza dell’Università di Augusta , afferma che l’idratazione extra dei seni paranasali li fa funzionare meglio. “Se c’è un contaminante, più lo si scarica, meglio si è in grado di sbarazzarsi di sporco, virus e quant’altro”, ha spiegato.

I recettori ACE2 nelle cellule – che si legano alla proteina spike del virus provocando l’ infezione da COVID-19 – sono abbondanti nelle cavità nasali, nei polmoni e nella bocca e un lavaggio con soluzione salina nasale può aiutare a prevenire l’attaccamento del virus ai recettori, hanno affermato.

ricercatori affermano che i lavaggi nasali sono economici e sicuri e possono essere somministrati a casa usando mezzo cucchiaino ciascuno di sale e bicarbonato di sodio in una tazza di acqua bollita o distillata .

“In aree remote per l’assistenza sanitaria, questo semplice intervento può ridurre la probabilità di malattie gravi”, ha affermato Baxter.

La ricerca ha comportato il confronto dei dati di pazienti COVID-19 ad alto rischio, come quelli con obesità, ipertensione o diabete e di età superiore ai 55 anni, che avevano effettuato lavaggi nasali, con set di dati di 3 milioni di casi COVID-19 dai Centri statunitensi per le malattie Controllo e prevenzione (CDC) .

I ricercatori hanno scoperto che solo l’1,3% dei pazienti COVID-19 sottoposti a lavaggio nasale richiedeva il ricovero in ospedale, suggerendo che avevano più di otto volte meno probabilità di essere ricoverati in ospedale rispetto all’11% nel set di dati CDC.

Secondo l’ Università del Wisconsin-Madison con sede negli Stati Uniti , per condizioni come sinusite acuta e cronica, raffreddore e rinite allergica, l’irrigazione nasale può essere consigliata per il risciacquo della cavità nasale. La pratica dell’irrigazione nasale probabilmente ha avuto origine nella tradizione medica ayurvedica indiana chiamata “jala-neti”, afferma un documento del dipartimento universitario di medicina di famiglia e salute della comunità.

“Avendo vissuto in Thailandia, so che il risciacquo nasale era una pratica igienica comune in Thailandia, Vietnam e Laos, dove hanno avuto un numero di vittime inferiore rispetto agli Stati Uniti”, ha detto Baxter.

Kyle Schwartz , coautore dello studio affiliato alla Edinburgh Napier University , in Scozia, dice a SciDev.Net che i paesi del sud-est asiatico hanno “alcune pratiche culturali che hanno offerto loro un vantaggio” nell’affrontare l’epidemia di COVID-19 .

“Anche il mascheramento era relativamente normalizzato anche all’inizio della pandemia e le pratiche di saluto locali prevedevano l’inchino piuttosto che la stretta di mano”, ha affermato Schwartz. “Pensiamo che ciò che ha davvero dato a paesi come Thailandia, Vietnam e Laos un vantaggio rispetto ad altre parti dell’Asia, sia stato l’uso molto diffuso dell’irrigazione nasale”.

Shantanu Panja , chirurgo occhio-naso-gola e testa e collo dell’Apollo Multispecialty Hospitals di Calcutta, in India, che non è stato coinvolto nello studio, ritiene che le pratiche possano essere “facilmente messe in atto senza aggiungere costi aggiuntivi per il paziente”.

“Jala-neti fa parte delle pratiche yoga indiane da migliaia di anni. Quindi, non è una novità per il subcontinente indiano”, ha dichiarato Panja.

SOURCE

eVenti Avversi

Read Previous

Morto l’ex preparatore atletico della Juventus Giampiero Ventrone. Male fulminante

Read Next

Gravissimo bambino di 10 anni colpito da grave malore sul treno regionale