• Agosto 16, 2022

Ospedali di tre paesi rifiutano di curare un bambino di 3 anni con grave patologia cardiaca, perché i genitori non erano vaccinati

Ospedali di più paesi hanno rifiutato di curare un bambino di 3 anni con una grave patologia cardiaca perché i suoi genitori non erano vaccinati contro COVID-19.

Il bambino di 3 anni, sarà ora operato in Grecia, ma il caso evidenzia i dilemmi etici che le autorità sanitarie devono affrontare.

Atene – Il caso di un bambino di 3 anni di Cipro a cui è stato negato il trattamento in ospedali stranieri perché i suoi genitori non erano vaccinati ha sollevato preoccupazioni sul fatto che i medici possano essere autorizzati a respingere i pazienti.

Dopo che tre paesi si sono rifiutati di curare il bambino, ora è in Grecia in attesa di un intervento chirurgico.

Il piccolo, che resta anonimo, è stato ricoverato in ospedale con gravi patologie cardiache. Poiché gli ospedali ciprioti non sono stati in grado di eseguire la procedura necessaria, il ministero della salute ha organizzato che il bambino fosse portato in eliambulanza in Germania giovedì scorso.

Tuttavia, il giorno prima che il trasferimento avvenisse, l’ospedale di Francoforte ha informato le autorità cipriote che non sarebbe andato avanti perché i genitori del ragazzo non avevano ricevuto il vaccino COVID-19.

Cipro ha suggerito che il bambino poteva essere accompagnato da un tutore legale anziché i suoi genitori, ma questa proposta è stata respinta.

Un funzionario del ministero della salute tedesco ha confermato che non esiste una legge che giustifichi gli ospedali che non prestano cure alle persone non vaccinate, per non parlare dei bambini i cui genitori non sono vaccinati. Tuttavia, il funzionario ha aggiunto che ogni ospedale ha le proprie restrizioni e prende propri accordi con i pazienti.

“Le politiche sanitarie – comprese le politiche di vaccinazione – e la loro attuazione concreta sono responsabilità degli Stati membri, non della Commissione”, ha riferito un portavoce del dipartimento della salute della Commissione europea.

Le autorità cipriote hanno cercato di raggiungere centri sanitari specializzati nel Regno Unito e in Israele per eseguire l’operazione, ma sono stati respinti per lo stesso motivo dato dalla Germania.

Tuttavia, il bambino è stato trasportato in aereo nella vicina Grecia sabato e riceverà l’operazione in un ospedale privato di Atene, secondo il direttore generale del ministero della salute cipriota, Christina Yiannaki.

I genitori sono stati entrambi vaccinati giovedì, ma dovranno comunque aspettare sei settimane prima di essere accettati dagli ospedali stranieri e il bambino deve essere operato immediatamente.

“So che pazienti non vaccinati sono ricoverati negli ospedali in Germania”, ha affermato il padre del ragazzo, Alexey Matveev, un cittadino russo che vive a Cipro. “Non sapevo di dover essere vaccinato perché mio figlio fosse operato in quell’ospedale. Se lo avessi saputo ovviamente l’avrei fatto… Sono sano e non volevo essere vaccinato. Trovo inappropriato che un individuo sano sia vaccinato”.

Yiannaki ha sostenuto che i genitori erano stati informati in anticipo della necessità della vaccinazione.

I funzionari ciprioti hanno dichiarato di aver suggerito ai genitori di ottenere il vaccino J & J monodose, per accelerare il processo, ma pare abbiano rifiutato. Matveev ha respinto tale affermazione e ha affermato di aver ricevuto il vaccino Pfizer su consiglio del centro medico tedesco.

Il bambino ha subìto un’altra operazione in estate, ma era stato richiesto solo un test PCR per i genitori, secondo Avraam Elia, direttore della clinica pediatrica dell’ospedale di Makarios, dove il bambino è stato ricoverato.

Il caso del bambino evidenzia la questione etica, ossia se i medici siano autorizzati a rifiutare i pazienti non vaccinati o, in questo caso, i figli di genitori non vaccinati.

Un ospedale di Boston negli Stati Uniti ha respinto un paziente di 31 anni, DJ Ferguson per un trapianto di cuore, perché non vaccinato .

Il Brigham and Women’s Hospital di Boston ha cancellato DJ Ferguson dalla lista dei trapianti, dichiarando alla BBC che a causa della carenza di organi disponibili, devono fare tutto il possibile “per garantire che un paziente che riceve un organo trapiantato abbia le maggiori possibilità di sopravvivenza”.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

I giudici sollevano dubbi sull’obbligo vaccinale con la nuova variante

Read Next

I vaccini COVID causano danni “irreparabili” al cervello, al cuore e ad altri organi dei bambini