• Ottobre 6, 2022

Perdita dell’udito e acufeni possono essere correlati alla vaccinazione Covid. STUDIO

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista JAMA Otolaryngology-Head & Neck Surgery pubblicato il 24 febbraio 2022 ha trovato una possibile associazione tra l’RNA messaggero (mRNA) COVID-19 biologico di Pfizer / BioNTech BNT162b2 (noto anche come “Comirnaty”) COVID-19 biologico e SSNHL (Sudden Sensorineural Hearing Loss ovvero improvvisa perdita dell’udito neurosensoriale) . Lo studio di coorte retrospettivo su 2.602.557 pazienti in Israele ha suggerito un leggero aumento del rischio di SSNHL.

Lo studio ha riportato che SSNHL si verifica in meno di uno ogni 100.000 persone vaccinate. Dei pazienti che hanno ricevuto la prima dose di BNT162b2, ci sono stati 91 casi di SSNHL entro 21 giorni dopo aver ricevuto il vaccino. Tra coloro che hanno ricevuto una seconda dose, sono stati segnalati 79 casi di SSNHL. Lo studio non ha identificato i fattori di rischio demografici o clinici associati alla perdita dell’udito né ha misurato quanto fosse grave la perdita dell’udito e a lungo durata o il successo del trattamento per la condizione.

I medici minimizzano la correlazione del vaccino COVID Pfizer alla perdita dell’udito

I pazienti, che avevano tutti 16 anni o più, includevano individui a cui è stata somministrata la prima dose del vaccino tra il 20 dicembre 2020 e il 30 aprile 2021 e la seconda dose tra il 10 gennaio 2021 e il 30 aprile 2021. L’età media dei pazienti era di 46,8 anni. Dei pazienti nello studio, il 51,5% di loro erano donne e il 48,9% erano maschi.

I dati dei pazienti per lo studio sono stati presi da un database integrato di cartelle cliniche elettroniche (EHR) gestito da Clalit Health Services di Tel Aviv, israele, la più grande organizzazione di servizi sanitari statale del paese. Secondo Clalit, i dati vengono “acquisiti da ospedali (strutture ospedaliere e di pronto soccorso), cliniche di assistenza primaria, cliniche specializzate, farmacie, laboratori, centri diagnostici e di imaging, servizi sanitari alleati, servizi sanitari dentali e complementari, nonché registri organizzativi e nazionali delle malattie”.

Mentre la possibile associazione tra SSNHL e BNT162b2 può esistere, gli autori dello studio hanno concluso:

Considerando la piccola dimensione dell’effetto di questa associazione e la buona prognosi per i pazienti con SSNHL, la potenziale influenza di questa condizione sulla salute pubblica sembra essere relativamente minore.

Eric Formeister, MD, MS della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora, MD ha osservato:

L’unico modo per sapere veramente se esiste un’associazione sarebbe quello di eseguire uno studio prospettico di coorte longitudinale in cui le persone con e senza vaccinazione sono seguite nel tempo al fine di calcolare qualsiasi aumento del rischio di improvvisa perdita dell’udito in quelli esposti al vaccino rispetto a quelli non esposti.

Ronzio nelle orecchie segnalato dopo i vaccini COVID

Un’altra condizione legata all’udito che può essere collegata alle vaccinazioni COVID è l’acufene (ronzio nelle orecchie). Secondo i rapporti depositati con il database Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS), co-gestito dai Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) e dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti, circa una persona su 19.000 che ha ricevuto un vaccino COVID ha avuto acufene.

A partire da novembre 2021, VAERS ha documentato circa 12.000 casi di acufene dopo vaccinazioni COVID, compresi quelli con BNT162b2, mRNA-1273 di Moderna / NIAID (“Spikevax”) e il vaccino sperimentale Ad26.COV2.S di Johnson & Johnson / Janssen. A metà dicembre, ci sono stati 13.042 casi segnalati di acufene in VAERS. Tuttavia, i funzionari sanitari sostengono che ci sono ancora dati insufficienti per dimostrare che la condizione è causata dai colpi.

Peter Gulick, DO, professore di medicina presso il Michigan State University College of Osteopathic Medicine, riconosce che gli individui con acufene preesistente possono soffrire di aggravamento della condizione a causa del virus SARS-CoV-2 o di un vaccino COVID. Dr. Gulick ha dichiarato:

Qualcuno può già avere un problema preesistente all’orecchio. In tal caso, il virus – o il vaccino – può colpire quelle piccole cellule ciliate nella coclea che sono responsabili di causare ronzio all’orecchio o un po ‘di irritazione nervosa. Di solito, vedi l’acufene verificarsi più spesso in qualcuno che ha già avuto il problema.

Il ricercatore medico Shaowen Bao, PhD dell’Università dell’Arizona sta studiando centinaia di casi segnalati di acufene improvviso o in peggioramento dopo aver ricevuto vaccini COVID .Il dottor Bao, che è membro del comitato consultivo scientifico per l’American Tinnitus Association, ha dichiarato:  

La mia ricerca è sulle possibili connessioni tra neuroinfiammazione e acufene. La vaccinazione è una risposta immunitaria; potrebbe causare infiammazione – infiammazione periferica – e l’infiammazione periferica potrebbe influenzare il cervello in cui viene avviato l’acufene.

FDA ed EMA aggiungono l’acufene come effetto collaterale del vaccino Johnson & Johnson

Nell’agosto 2021, la FDA e l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) hanno aggiunto l’acufene come possibile effetto collaterale del vaccino COVID Ad26.COV2.S di J & J.

J & J elenca l’acufene come un rischio nella scheda informativa del vaccino. Nel Regno Unito, la British Tinnitus Association (BTA) ha etichettato l’acufene come un raro effetto collaterale della vaccinazione COVID.

L’associazione tra acufene e vaccinazione COVID è “degna di essere esaminata“, ha affermato Gregory M. Poland, MD, un vaccinologo e direttore del gruppo di ricerca sui vaccini presso la Mayo Clinic che ha sperimentato un esordio improvviso e grave dell’acufene solo 90 minuti dopo aver ricevuto una seconda dose di un vaccino COVID mRNA. “Perché ogni volta che un gruppo di persone solleva un problema, spetta a noi come vaccinologi e operatori della salute pubblica rispondere a questa domanda come parte del processo a lungo termine di costruzione della fiducia”, ha detto il dottor Poland.

LEGGI LO STUDIO COMPLETO: Assessment of Sudden Sensorineural Hearing Loss After COVID-19 Vaccination | Otolaryngology | JAMA Otolaryngology–Head & Neck Surgery | JAMA Network

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Perché il sito web ufficiale dell’ambasciata americana ha RIMOSSO tutte le prove dei laboratori di armi biologiche ucraine?

Read Next

Anche l’Avvocatura di Stato risponde al Ministero che vuole imporre il vaccino al personale assente. L’obbligo generalizzato è incompatibile con i principi della Costituzione. IL TESTO INTEGRALE DEL PARERE DELL’AVVOCATURA