• Luglio 18, 2024

Pubblicato lo studio dei medici di IppocrateOrg: “TRATTAMENTO AMBULATORIALE PRECOCE DEL COVID-19: UN’ANALISI RETROSPETTIVA DI 392 CASI IN ITALIA”

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Di Marco Cosentino, Veronica Vernocchi, Stefano Martini,Franca Marino, Barbara Allasino, Maria Balzola, Fabio Burigana, Alberto Dallari, Carlo Servo Florio Pagano, Antonio Palma, Mauro Rango

Introduzione – La pandemia di sindrome respiratoria acuta grave (SARS)-coronavirus-2 (CoV-2) malattia 2019 (COVID-19) è stata dichiarata nel marzo 2020. La conoscenza della fisiopatologia COVID-19 ha presto fornito una forte motivazione per l’uso precoce di farmaci antinfiammatori, antipiastrinici e anticoagulanti, tuttavia le prove sono state incorporate solo lentamente e parzialmente nelle linee guida istituzionali. I bisogni insoddisfatti dei pazienti ambulatoriali COVID-19 sono stati presto curati da reti di medici e ricercatori, che hanno sviluppato approcci farmacoterapeutici basati sulle migliori esperienze disponibili.

Metodi

Il presente studio osservazionale retrospettivo indaga caratteristiche, gestione ed esiti di un campione di pazienti COVID-19 curati in Italia da medici volontari all’interno dell’Associazione IppocrateOrg, una delle principali reti di assistenza internazionali, tra il 1° novembre 2020 e il 31 marzo 2021.

Risultati

Dieci medici hanno preso parte allo studio e hanno fornito dati su 392 pazienti COVID-19 consecutivi. L’età media dei pazienti era di 48,5 anni (range: 0,5-97). Erano il 51,3% femmine e sono state curate quando nella fase COVID-19 0 (15,6%), 1 (50,0%), 2a (28,8%), 2b (5,6%). Molti pazienti erano in sovrappeso (26%) o obesi (11,5%), con comorbidità croniche (34,9%), principalmente cardiovascolari (23%) e metaboliche (13,3%). I farmaci più frequentemente prescritti includevano: vitamine e integratori (98,7%), aspirina (66,1%), antibiotici (62%), glucocorticoidi (41,8%), idrossiclorochina (29,6%), enoxaparina (28,6%), colchicina (8,9%), ossigenoterapia (6,9%), ivermectina (2,8%). L’ospedalizzazione si è verificata nel 5,8% dei casi totali, principalmente nei pazienti curati quando erano in fase 2b (27,3%). Complessivamente, 390 pazienti (99,6%) sono guariti, un paziente (0,2%) è stato perso al follow-up e un paziente (0,2%) è morto dopo il ricovero in ospedale. Un medico ha riportato una reazione avversa al farmaco di grado 1 (ADR) (disagio transitorio o lieve) e 3 medici hanno riportato in totale 8 ADR di grado 2 (limitazione da lieve a moderata dell’attività).

Conclusioni

Questo è il primo studio che descrive gli atteggiamenti e i comportamenti dei medici che si prendono cura dei pazienti ambulatoriali COVID-19 e l’efficacia e la sicurezza del trattamento precoce COVID-19 nel mondo reale. La letalità COVID-19 nella nostra coorte è stata dello 0,2%, mentre la letalità complessiva di COVID-19 in Italia nello stesso periodo è stata compresa tra il 3% e il 3,8%. L’uso di singoli farmaci e combinazioni di farmaci descritti in questo studio appare quindi efficace e sicuro, come indicato dai pochi e lievi ADR riportati. Le prove attuali dovrebbero essere attentamente considerate dai medici che si prendono cura dei pazienti COVID-19 e dai decisori politici che gestiscono l’attuale crisi globale.

LEGGI LO STUDIO: EARLY OUTPATIENT TREATMENT OF COVID-19: A RETROSPECTIVE ANALYSIS OF 392 CASES IN ITALY | medRxiv

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Infarto per donna 43 enne trasportata d’urgenza in elisoccorso. Muore un biker 42 enne. Non c’è tregua

Read Next

Quarta dose Ecdc-Ema: “Sì a over 80, presto per darla a tutti, ma in autunno”…

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock