• Luglio 12, 2024

Scienziato del MIT chiede lo STOP immediato: le prove mostrano “un livello di danno senza precedenti”- VIDEO

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Il lancio di questi prodotti dovrebbe essere immediatamente sospeso, poiché stanno causando “un livello senza precedenti di danni, compresa la morte di giovani e bambini”, ha dichiarato Retsef Levi, professore al Massachusetts Institute of Technology.

“Questa non è più una teoria”, ha detto il professore a The Epoch Times, riferendosi ai risultati che collegano i VmRNA alla la miocardite, un’infiammazione potenzialmente fatale del cuore. “Questi sono fatti provati che fondamentalmente minano qualsiasi senso di sicurezza su questi V.”.

Per oltre 30 anni, Levi ha lavorato a lungo nelle aree dell’analisi e della modellazione, esaminando le questioni di gestione del rischio nel contesto dei sistemi sanitari e delle politiche sanitarie. Principalmente, analizzando i set di dati per vedere cosa rivelano su aspetti come qualità, sicurezza e rischi.

Apparendo sul programma “American Thought Leaders” di EpochTV nel novembre 2022, Levi ha discusso il suo studio che ha mostrato una correlazione tra un aumento del 25% delle chiamate di emergenza per infarto tra i giovani israeliani sani all’inizio del 2021 e gli ampi sforzi di VmRNA del paese. Mentre lo studio dovrebbe certamente giustificare un’indagine approfondita, ha sostenuto, ci vorranno più prove di una semplice correlazione per porre fine a tutte quelle campagne di V.

“La domanda principale che dobbiamo porci è: abbiamo prove sufficienti da questo studio e da molti altri studi per dire STOP?'”, ha chiesto.

In una dichiarazione video che ha condiviso lunedì su Twitter, Levi ha detto di aver visto una notevole quantità di prove che il rischio di morire di miocardite innescata dai V stia superando i benefici.

“A questo punto, tutti i programmi di V. dovrebbero fermarsi immediatamente”, ha detto nella dichiarazione video di sei minuti e mezzo, che è diventata virale con almeno 1,5 milioni di visualizzazioni in un solo giorno.

“Ormai, credo che le prove cumulative siano conclusive e confermino la nostra preoccupazione che i VmRNA causino effettivamente arresti cardiaci improvvisi come sequel della miocardite indotta dal V.. E questo è potenzialmente solo uno dei meccanismi con cui causano danni”, ha dichiarato il professore, indicando la sua analisi dei dati dei servizi di emergenza nazionali israeliani, che hanno suggerito un aumento del 25% della causa di “diagnosi di arresto cardiaco” tra i giovani israeliani nella prima metà del 2021, esattamente quando il governo ha avviato una massiccia campagna di V.. “I dati provenienti da Regno Unito, Scozia e Australia replicano i dati provenienti da Israele”.

Altre prove

Levi ha indicato due studi sugli effetti cardiaci avversi post-V tra i giovani sani. Uno studio incentrato su giovani studenti in Thailandia ha identificato un caso di miopericardite e quattro sospette miocardite subclinica tra 202 ragazzi che hanno ricevuto la seconda dose di V. L’altro studio, dalla Svizzera, ha riferito che quasi il 3% dei giovani V. o potenziati ha sviluppato “lievi danni alle cellule del muscolo cardiaco”.

Rispetto ai dati dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie sulla miocardite sintomatica dopo la V. (pdf), la miocardite subclinica osservata in questi studi sembra essere diverse centinaia di volte più comune.

“Il rischio di avere importanti sintomi cardiovascolari anormali e negativi dopo la V. è tra uno su 30 e uno su 50”, ha spiegato Levi a The Epoch Times. “È inimmaginabile in termini di sicurezza, specialmente in una popolazione di giovani sani”.

Secondo Levi, è confermata anche la preoccupazione che la miocardite indotta dal vmRNA possa alla fine causare la morte, citando uno studio tedesco basato sui risultati dell’autopsia. In quel documento, i ricercatori tedeschi hanno riferito di escludere tutte le possibili cause di morte, ma la miocardite per più persone che sono morte improvvisamente a casa dopo la V.

“Questo è già al di là della decisione se sia necessario interrompere il programma [di V] o meno”, ha affermato Levi. “Per mettere in prospettiva, abbiamo ritirato i farmaci dal mercato per un livello di rischio molto, molto più basso”.

C’è anche un’altra indicazione del meccanismo sottostante del danno, e ha a che fare con il modo fondamentale in cui funziona il VmRNA, secondo Levi.

Per assemblare una dose di V.,la spike del virus COVID viene prima codificata in molecole di m.R.NA, che vengono poi avvolte in sfere di grasso chiamate nanoparticelle lipidiche prima di essere infine sigillate in una fiala di vetro. In risposta al V., le cellule del corpo del ricevente produrranno proteine che assomigliano alle spike, innescando una reazione autoimmune.

“L’assunto fondamentale, per affermare che questi V. fossero sicuri, stava nel fatto che una volta iniettati, l’m.R.NA, le spike e le nanoparticelle lipidiche dovessero restare nel muscolo, immobili e non viaggiare nel corpo”, ha spiegato. “Ma ora sappiamo che questa ipotesi non è vera: queste sostanze stanno di fatto penetrando nel sistema sanguigno”.

“Non sappiamo ancora in che misura, ma è più di un fenomeno trascurabile”, ha aggiunto Levi. “Tutti i sistemi di organi del vostro corpo sono esposti a grandi rischi direttamente dalla spike, che sappiamo essere la parte più tossica del virus”.

Una scommessa mortale

Il professore del MIT ha inoltre descritto l’atto di costringere le persone a V. come una scommessa irragionevole e pericolosa, soprattutto considerando che la versione dominante del COVID sta causando malattie significativamente meno gravi rispetto ai suoi predecessori.

“In sostanza, ricevere ora questi V. è quasi come una roulette russa: ogni volta che lo prendi, scommetti su ciò che accadrà”, ha detto. “Penso che sia folle applicare questo tipo di gioco d’azzardo sulle persone sane”.

Alla domanda sulle opzioni future dal punto di vista della gestione del rischio, Levi ha risposto che crede che la soluzione migliore sia fare affidamento sull‘immunità naturale concentrandosi sul trattamento precoce dell’infezione da COVID. Ma un compito più importante per le autorità sanitarie pubbliche, ha detto, deve essere quello di riparare la fiducia che è stata persa durante la pandemia.

“Penso che la preoccupazione numero uno al momento non riguardi il V., ma la fiducia che il pubblico dovrebbe avere”, ha detto il professore. “È fondamentale che il pubblico abbia fiducia nel fatto che ciò che viene detto e informato si basa sulla trasparenza, l’onestà e mette l’interesse del benessere delle persone al centro delle considerazioni.

“Penso che gli ultimi due anni l’abbiano distrutta completamente”, ha aggiunto. “Penso che dobbiamo ripristinarla essendo molto trasparenti su ciò che è emerso e cambiare i fallimenti sistematici che abbiamo visto”.

VIDEO:

SOURCE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Un altro Paese europeo annuncia: “nel 2022 record di infertilità degli ultimi 150 anni e record di decessi dal 1944”

Read Next

#Pfertility Megathread: uno studio finanziato dal NIH rileva che il 40,2% delle donne V. ha sperimentato problemi mestruali

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
100% Free SEO Tools - Tool Kits PRO