• Giugno 25, 2022

Scoperta la causa della perdita di gusto e olfatto con Covid-19: è genetica. STUDIO di Nature Genetics

Sei mesi dopo aver contratto il Covid, ben 1,6 milioni di persone solo negli Stati Uniti non sono ancora in grado di percepire gli odori o hanno sperimentato cambiamenti nella loro capacità olfattiva.

Gli scienziati stanno ricostruendo il motivo per cui alcune persone perdano il senso dell’olfatto dopo aver contratto il Covid-19.

Uno studio pubblicato lunedì sulla rivista Nature Genetics ha identificato un fattore di rischio genetico associato alla perdita dell’olfatto dopo un’infezione da Covid, una scoperta che avvicina gli esperti alla comprensione del problema e potrebbe indicare la strada verso trattamenti necessari.

La causa precisa della perdita sensoriale legata al Covid non è ancora nota, ma gli scienziati pensano che derivi da danni alle cellule infette in una parte del naso chiamata epitelio olfattivo. Queste cellule proteggono i neuroni olfattivi, che aiutano gli esseri umani a percepire gli odori.

“Come passiamo dall’infezione alla perdita dell’olfatto rimane poco chiaro”, ha dichiarato il dottor Justin Turner, professore associato di otorinolaringoiatria presso la Vanderbilt University.

“I primi dati suggeriscono che le cellule di supporto dell’epitelio olfattivo siano quelle per lo più infettate dal virus, e presumibilmente questo porta alla morte dei neuroni stessi”, ha affermato. “Ma non sappiamo davvero, perché e quando ciò accada né perché sembri accadere preferenzialmente in certi individui”.

Un locus genetico vicino a due geni olfattivi è associato alla perdita di olfatto e gusto indotta da Covid, secondo lo studio. Un locus è la posizione fissa di un gene su un cromosoma.

Questo fattore di rischio genetico aumenta la probabilità che una persona infetta da SARS-CoV-2 sperimenti una perdita di olfatto o gusto dell’11%. Mentre alcune stime suggeriscono che 4 pazienti Covid su 5 riacquistino questi sensi, la ricerca suggerisce che la persistente incapacità o ridotta capacità di percepire odori e sapori, influisca sulle relazioni, sulla salute fisica e sul benessere psicologico.

I ricercatori della società di genomica e biotecnologia 23andMe hanno condotto lo studio come parte di un più ampio progetto Covid. Tutti i partecipanti vivono negli Stati Uniti o nel Regno Unito.

All’interno di un gruppo di 69.841 individui che hanno riferito di aver ricevuto un test Covid positivo, il 68% ha riportato una perdita dell’olfatto o del gusto come sintomo. La perdita di olfatto e gusto sono stati combinati come un’unica domanda di sondaggio; questo raggruppamento e l’uso di dati auto-riportati sono limitazioni dello studio.

Dopo aver confrontato le differenze genetiche tra coloro che hanno perso il senso dell’olfatto e coloro che hanno riferito di non aver subito questo effetto, il team di studio ha trovato una regione del genoma associata a questa scissione che si trova vicino a due geni, UGT2A1 e UGT2A2. Entrambi questi geni sono espressi dal tessuto all’interno del naso coinvolto nell’olfatto e svolgono un ruolo nel metabolizzare gli odori.

Come UGT2A1 e UGT2A2 siano coinvolti in questo processo non è chiaro, anche se gli autori ipotizzano che i geni “possano svolgere un ruolo nella fisiologia delle cellule infette” e la conseguente compromissione che porta alla perdita dell’olfatto.

Per utilizzare questi risultati, gli scienziati dovranno saperne di più su come questi geni siano espressi e quali siano le loro funzioni nella segnalazione olfattiva, ha dichiaratoTurner.

Alcune tendenze sono emerse tra i partecipanti che hanno riportato la perdita dell’olfatto e del gusto: le donne, ad esempio, hanno l’11% in più di probabilità rispetto agli uomini di sperimentarlo, inoltre gli adulti di età compresa tra 26 e 35 anni costituivano il 73% di questo gruppo.

Il team di studio ha inoltre scoperto che le persone di “origine asiatica orientale o afroamericana hanno significativamente meno probabilità di segnalare la perdita dell’olfatto o del gusto”. La causa di questa osservazione non è ancora nota, ma Auton ha riferito che probabilmente non è spiegata dalle varianti genetiche di questo specifico locus.

Questi risultati possono aiutare i pazienti in due modi, ha dichiarato Danielle Reed, direttore associato del Monell Chemical Senses Center.

In primo luogo, “aiuta a rispondere alla domanda ‘perché io ?’ quando si tratta di perdita di gusto e olfatto con Covid-19”, ha affermato. “Alcune persone ce l’hanno e altre no. La genetica innata può parzialmente spiegare la ragione”.

Lo studio può inoltre aiutare gli scienziati a trovare trattamenti. Ricerche precedenti suggerivano che la perdita di questi sensi fosse correlata a un “fallimento della protezione delle cellule sensoriali del naso e della lingua dall’infezione virale”, ha affermato Reed.

“Questo studio suggerisce una direzione diversa”, ha detto.

Per la maggior parte della pandemia di coronavirus, la perdita dell’olfatto e del gusto è stata conosciuta come sintomo distintivo. Le prime ricerche suggeriscono che la perdita di olfatto e gusto sia più rara con la variante omicron, ma non del tutto improbabile: in uno studio su 81 casi di omicron in Norvegia, il 12% ha riportato un odorato ridotto e 23 hanno riportato un gusto ridotto.

Link allo STUDIO: The UGT2A1/UGT2A2 locus is associated with COVID-19-related loss of smell or taste | Nature Genetics

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

Ennesimo cortocircuito della politica. Senza super green pass si può attraversare lo Stretto ma non si può tornare in Sicilia. Deve intervenire la Magistratura!

Read Next

Disastro Governo. Un anno fa senza vaccini meno morti di oggi. 120milioni di dosi somministrate hanno influito sulla immunodepressione?