• Dicembre 6, 2022

Secondo i dati del Robert Koch Institut, Omicron è da 10 a 50 volte meno pericolosa della normale influenza. SIAMO IN OSTAGGIO DI UN RAFFREDDORE

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


del  Dr. Peter F. Mayer

È chiaro da febbraio / marzo 2020 che le infezioni da COVID sono pericolose quanto un’influenza media. I migliori scienziati hanno calcolato e pubblicato questo dato anche allora. Vale a dire il principale epidemiologo del mondo John Ioannidis e il principale biostatistico Michael Levett. Nel frattempo, tuttavia, siamo di un fattore di 50 o più sotto il pericolo all’inizio della comparsa di SARS-CoV-2, come mostrano in modo impressionante i dati del RKI.

Ci sono due parametri che vengono utilizzati per valutare la pericolosità di una malattia infettiva. Prima di tutto, il Case Fatality Rate (CFR) e l’ Infection Fatality Rate (IFR). Il primo, meno significativo, deriva dal numero di decessi per caso noto, il secondo calcola i decessi per persona infetta in totale. Per un’influenza media, l’IFR è di circa lo 0,1%.

Ora i dati del RKI ci mostrano che il CFR, cioè il tasso di mortalità per caso noto, ha raggiunto lo 0,02%, come mostra la seguente tabella:



Nella settimana 10, il CFR è solo dello 0,02%. Poiché il numero di casi non segnalati è di solito di circa un fattore di 10 superiore ai casi noti, viene raggiunto un IFR dello 0,002%, che è un fattore di 50 in meno rispetto all’influenza. Inoltre, anche i bambini e i più giovani sono colpiti e possono morire con l’influenza, mentre con Covid l’età media della morte è di 2 anni superiore all’aspettativa di vita media. Questo riduce drasticamente il parametro “anni di vita persi”.

Prendendo i dati della settimana 3, quando il CFR era dello 0,09%, SARS-CoV-2 era ancora circa 10 volte meno pericoloso dell’influenza.

E questo giustificherebbe un obbligo di vaccinazione?

Con gli effetti collaterali del vaccino e le morti da vaccino che sono di un fattore da 100 a 1000 superiore rispetto a qualsiasi vaccinazione precedente? Seriamente?

Dati per il 2020

La valutazione dei dati epidemiologici è di competenza di epidemiologi e biostatistici, ma sicuramente non dei virologi. E il principale epidemiologo del mondo è il professore di Stanford John P.A. Ioannidis. Ha pubblicato un articolo su Stat il 17.3.2020, dove ha calcolato un IFR dello 0,125% dal cluster sulla nave da crociera Diamond Princess. Nel frattempo, ha valutato tutta una serie di dati del 2020 e ha confermato il suo risultato originale. SARS-Co V-2 non è mai stato più pericoloso dell’influenza, anche se causa altre malattie e colpisce principalmente persone anziane e pre-malate.

Il biostatistico premio Nobel Stanford Professor Michael Levitt aveva già pubblicato analisi dettagliate dal 2 febbraio 2020, come si può leggere sulla sua pagina di Stanford. Arrivò a risultati simili a quelli di Ioannidis e fu anche in grado di dimostrare che non ci sono progressioni esponenziali, come credono i matematici, virologi e modellatori scientificamente inesperti, ma che i corsi corrispondono a una funzione di Gompertz, cioè seguono una curva logistica, essenzialmente a forma di S.

Lockdown, mascherine e misure simili non sono mai stati necessari, proprio come con una normale influenza. La vaccinazione dovrebbe essere vietata a chiunque abbia meno di 70 anni dato il profilo di effetti collaterali catastrofici di tutti i vaccini covid, anche i classici preparati inattivati a virus intero.

I migliori scienziati cinesi della Tongji University di Shanghai hanno scoperto che anche questi vaccini possono indebolire significativamente o addirittura distruggere il sistema immunitario. I casi di leucemia come sindrome post-vaccino sono ora evidenti nei bambini, come riferiscono i colleghi di report24.

Per inciso, questo è stato anche il motivo per cui né per SARS-1 né per MERS sono riusciti a produrre un vaccino con un ragionevole profilo di effetti collaterali. Nemmeno i gatti non sono più vaccinati contro il coronavirus, poiché l’infezione successiva è di solito fatale o si ammalano così tanto che devono essere eutanasizzati.

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

Giovane madre muore dopo un’ “emorragia cerebrale”. Stabilita la correlazione al vaccino COVID-19

Read Next

Il CEO di Pfizer Albert Bourla ha ricevuto 24,3 milioni di dollari di compensi totali per il 2021. Adesso chiedi all’oste…

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock