• Novembre 27, 2022

Sospeso Magistrato della Procura Generale della Corte di Appello di Venezia. Non vaccinato e senza green pass. A rischio importanti processi per carenza di organico. Dalle infiltrazione del clan dei casalesi nei comuni veneti al processo sulla Banca Popolare di Vicenza

Un Sostituto Procuratore Generale presso la Corte di Appello di Venezia è stato sospeso dal servizio senza stipendio perché, non vaccinato, ha deciso di non effettuare neanche i tamponi per ottenere il green pass.

Ora la magistratura veneta in grado d’appello si trova in affanno, con la prospettiva di dover affrontare processi impegnativi come il crack della Banca Popolare di Vicenza (a rischio prescrizione) e le infiltrazioni mafiose del Clan dei Casalesi.

La notizia della sospensione dal servizio di un Sostituto Procuratore Generale si è abbattuta come un fulmine sui palazzi veneziani della giustizia. Perché da più di un anno è vacante il posto di Procuratore Generale, dopo che nel settembre 2020 Antonio Mura ha lasciato l’incarico per ricoprire il ruolo analogo a Roma. E così da allora è stato l’avvocato generale Giancarlo Bonocore a reggere l’ufficio. Durante la relazione di inaugurazione dell’anno giudiziario, lo scorso gennaio, aveva ricordato come il ministero di Grazia e Giustizia avesse concesso a Venezia un aumento in organico di due sostituti procuratori generali, portando così l’organico a 13 magistrati. Ma si tratta di un numero teorico, visto che già mancava un sostituto da metà del 2020 e poi è stato trasferito Antonio Mura. Il risultato, ha detto Bonocore: “La procura generale manca di 4 unità, rispetto ad un organico complessivo di 13 magistrati”.

A Venezia si dovrà procedere alla riassegnazione dei fascicoli che erano in carico al magistrato sospeso. Il processo d’appello per infiltrazioni mafiose nel Comune di Eraclea comincerà a dicembre e richiederà la celebrazione di numerose udienze. Quello della Popolare di Vicenza, invece, non è stato ancora fissato. L’obbligo di utilizzare il Green pass è previsto fino al 31 dicembre, ma potrebbe slittare di mesi se la situazione sanitaria non dovesse subire un deciso miglioramento. “Da noi non c’è stata nessuna sospensione e neppure nessuna assenza dovuta a personale ‘no vax’ – ha dichiarato il presidente del Tribunale di Venezia, Salvatore Laganà – I pochissimi non vaccinati fanno regolarmente i tamponi”. E questo accade in qualche sporadico caso in altri uffici giudiziari del Veneto dove non c’è stata alcuna sospensione dal servizio senza stipendio.

FONTE

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

News dall’Agenzia del Farmaco del Belgio. Dopo lo Pfizergate, l’EMA nei giorni scorsi ha chiesto a Pfizer e Moderna ulteriori informazioni sulle miocarditi. Dopo un anno ancora gravi carenze sui dati

Read Next

Sulla sedia a rotelle con danni neurologici dopo essersi sottoposta al vaccino COVID