• Gennaio 27, 2023

ULTIM’ORA. E’ crollato in diretta pochi minuti fa nell’inchiesta sullo stato di emergenza del Governo – il VIDEO

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


Pubblicata pochi minuti fa la notizia da CBC.

Durante la seduta odierna convocata nel corso dell’indagine sull’Emergencies Act, un avvocato è crollato in diretta all’improvviso.

L’inchiesta mira ad accertare la legittimità o meno dell’adozione dello stato di emergenza da parte del Governo guidato dal partito liberale di Justin Trudeau, adottato lo scorso 14 febbraio per contrastare il “Canada Convoy Protest”, la protesta guidata dai camionisti canadesi che hanno occupato strade e autostrade contro le restrizioni e l’obbligo vaccinale denominata “Freedom Convoy”.

I soccorritori sono stati chiamati all’edificio Library and Archives Canada nel centro di Ottawa e la seduta è stata interrotta. 

Tutti i sono stati allontanati dall’aula.

Gabriel Poliquin, l’avvocato, era nelle prime fasi dell’esame del Vice Procuratore Mario Di Tommaso quando è crollato a terra. Le sue condizioni di salute non sono state rese note.

Poliquin fa parte di un team di avvocati che lavora per la Commissione, che ha il compito di indagare sulle circostanze che riguardano la decisione del Governo di invocare per la prima volta nella storia canadese l’Emergencies Act il 14 febbraio.

La Commissione ascolterà nuovi testimoni quando il l’indagine riprenderà, tra cui Ian Freeman del Ministero dei Trasporti dell’Ontario.

Le udienze pubbliche, iniziate il 13 ottobre e destinate a continuare fino al 25 novembre, si sono concentrate questa settimana sulle testimonianze sui blocchi dei camion al confine a Windsor, Ontario, e Coutts, Alberta.

Giovedì scorso, il sindaco di Coutts ha affermato che le forze dell’ordine sembravano essere state colte alla sprovvista da un blocco di protesta al valico di frontiera USA-Canada lo scorso inverno, anche se aveva avvertito il governo provinciale che sarebbe potuto accadere.

Jim Willett ha inviato un’e-mail all’allora presidente della provincia canadese dell’Alberta Jason Kenney e al procuratore generale provinciale il 27 gennaio per avvertire del potenziale blocco, ed è stato assicurato che la polizia canadese (“Royal Canadian Mounted Police” – RCMP) era stata allertata.

Aveva detto di essere preoccupato per il mantenimento del libero accesso all’autostrada nella piccola città di confine di 245 persone, e ha anche avvertito che la protesta avrebbe potuto provocare un incidente diplomatico internazionale.

Il 29 gennaio un grande convoglio di camion si è radunato al confine, alcuni dei quali sono hanno bloccato la strada.

Il sindaco ha affermato che non c’era una grande presenza di polizia fino a tre giorni dopo.

Per ultimo era stato ascoltato il Vice Procuratore Generale dell’Ontario Mario Di Tommaso.

Secondo Di Tommaso, l’Emergencies Act federale è stato “utile, ma non necessario” per risolvere i blocchi del “Freedom Convoy” dello scorso inverno a Windsor e Ottawa, secondo le prove fornite in un’indagine dal massimo burocrate dell’Ontario responsabile della sicurezza pubblica.

L’“opinione personale” del Vice Procuratore Generale Mario Di Tommaso secondo cui la dichiarazione d’emergenza provinciale è stata più efficace nel porre fine alle proteste dello scorso inverno a Ottawa e Windsor è stata riportata in un riassunto messo agli atti dell’inchiesta.

Poco dopo, la sua testimonianza è stata drammaticamente interrotta, quando l’avvocato che ha interrogato il Vice Procuratore Generale è crollato in un momento chiave dell’audizione sull’uso federale della legge sulle emergenze.

Né il presidente della provincia dell’Ontario Doug Ford né l’avvocato generale Sylvia Jones testimonieranno all’inchiesta guidata dal giudice Paul Rouleau, dopo aver impugnato con successo una citazione a testimoniare e aver fatto affidamento su una protezione legale di lunga data per i legislatori in carica nota come privilegio parlamentare.

Quindi la testimonianza di Di Tommaso è la più chiara finora riguardo alla posizione del governo provinciale.

Dimostra che, almeno a livello burocratico di alto livello, il governo dell’Ontario credeva che la protesta di Ottawa rappresentasse un “inconveniente significativo” per i residenti , ma “non un rischio significativo per la sicurezza pubblica” e che il governo Trudeau avrebbe dovuto e potuto agire diversamente, mentre il blocco al valico della frontiera internazionale di Windsor sull’Ambassador Bridge era diventato una priorità più grande per la polizia provinciale dell’Ontario e Di Tommaso, il massimo funzionario della sicurezza pubblica della provincia.

Ciò rafforza le rivelazioni del giorno prima che Ford aveva fatto al primo ministro Justin Trudeau in un appello del 9 febbraio per l’eliminazione del blocco del ponte di Windsor, definito “il più grande per noi e per il paese”.

Gabriel Poliquin, avvocato della Commissione di emergenza per l’ordine pubblico, stava mostrando a Di Tommaso le sue prove quando è crollato improvvisamente.

Diverse persone si sono precipitate ad assisterlo mentre giaceva a terra prima che il giudice Rouleau ordinasse agli osservatori di lasciare la stanza.

Pochi istanti dopo, un’ambulanza si è fermata davanti all’edificio dove si sta svolgendo l’indagine. I paramedici sono entrati con una barella a ruote, e dopo pochi minuti sono usciti portando via Poliquin.

Nonostante l’interruzione, il riassunto del precedente colloquio di Di Tommaso con l’avvocato della commissione è entrato come prova e ha rivelato nuove informazioni sull’approccio del governo dell’Ontario e sulla conoscenza dei gravi errore e delle gravi carenze del governo..

Tra le nuove rivelazioni:

-Di Tommaso ha appreso dal capo della polizia di Toronto James Ramer, non dal commissario della Polizia della provincia dell’Ontario (OPP) Thomas Carrique o dalla polizia di Ottawa, il 3 febbraio che la polizia di Ottawa non aveva un piano operativo formale per porre fine a quello che a quel punto era un blocco di una settimana nel centro di Ottawa.
-Il governo provinciale è venuto a conoscenza più tardi lo stesso giorno, il 3 febbraio, che l’OPP e altri capi della polizia dell’Ontario avevano già perso la fiducia nel capo della polizia di Ottawa Peter Sloly. Carrique ha detto a Di Tommaso che “i capi della polizia erano molto preoccupati per la leadership del capo Sloly e che il capo Sloly doveva ancora mettere insieme un piano completo per porre fine all’occupazione a Ottawa”.
– Il governo provinciale ha appreso nella stessa telefonata con il commissario dell’OPP il 3 febbraio che un convoglio era diretto a Windsor. Quella divenne rapidamente la priorità dell’OPP, secondo Di Tomasso, con cui era d’accordo.
-Il Vice Procuratore Generale della provincia credeva che la protesta di Ottawa fosse “limitata alla” zona rossa “con l’impatto principale su Wellington Street”, in contrasto con le prove presentate che i camion occupavano anche le strade residenziali. Di Tommaso riteneva che rappresentasse “un inconveniente significativo ma … non presentava un rischio prioritario per la sicurezza pubblica”.
– L’alto funzionario provinciale considerava il blocco del ponte di Windsor una priorità maggiore perché “ha avuto un impatto significativo e sostanziale sulla sicurezza economica. Ha provocato la chiusura degli impianti e la perdita di posti di lavoro e ha sollevato preoccupazioni da parte dei partner commerciali americani”.
-L’OPP ha detto alla provincia che non c’erano abbastanza risorse di polizia per condurre contemporaneamente azioni di contrasto a Ottawa e Windsor. Di Tommaso ha affermato che i funzionari della polizia provinciale temevano che altri manifestanti avrebbero approfittato del personale ridotto della polizia per bloccare più località dell’Ontario.
-I rapporti tra i funzionari provinciali e federali erano difficili. Di Tommaso, l’alto funzionario provinciale, ha respinto un suggerimento federale secondo cui l’Ontario avrebbe dovuto fare di più, dicendo al consigliere per la sicurezza nazionale di Trudeau durante una telefonata del 6 febbraio che, poiché la protesta era alle porte del Parlamento, il governo federale aveva un “ruolo” e avrebbe potuto fare di più, tra cui abbandonare l’obbligo dei vaccini, incontrare i manifestanti o fornire più risorse di polizia.
-Di Tommaso riteneva, sulla base di quanto gli aveva detto il commissario dell’OPP, che la richiesta di Sloly di ulteriori 1.800 agenti di polizia fosse gonfiata, perché aveva espresso l’intenzione di chiedere “il doppio del numero di agenti di cui aveva effettivamente bisogno”. Quando la richiesta formale è stata finalmente presentata, Carrique ha affermato che si trattava di “una sovrarappresentazione” del numero necessario a Ottawa.
Di Tommaso tornerà a testimoniare domani giovedì 10 novembre per completare la sua deposizione. Nel frattempo, Ian Freeman del Ministero dei Trasporti della provincia, non è stato più ascoltato oggi a causa del crollo di Gabriel Poliquin.

Di seguito il video del crollo improvviso dell’avvocato Gabriel Poliquin.

FONTE

FONTE

Iscriviti alla nostra newsletter

Sostienici

Tutti noi di Eventi Avversi News vogliamo che siate sempre aggiornati. La nostra missione non è solo quella di tenere i riflettori accesi, noi vogliamo fornirvi i migliori contenuti. Se apprezzate il nostro lavoro e volete sostenerci, potete farlo con una libera donazione.


eVenti Avversi

Read Previous

La campionessa olimpica 24enne sta male. Lo sfogo su Twitter: “sono stata danneggiata dal v.!”

Read Next

Improvviso malore cardiaco. Muore a 47 anni il famoso manager milanese dell’alta finanza

Ads Blocker Image Powered by Code Help Pro

Ads Blocker Rilevato

Abbiamo rilevato che utilizzi adblock. Per proseguire la navigazione, per favore, disabilitalo sul nostro sito. Ci aiuta a mantenere i costi del servizio.

Powered By
Best Wordpress Adblock Detecting Plugin | CHP Adblock