• Maggio 19, 2022

Lo TSUNAMI del “Freedom Convoy” travolge tutto il mondo

Seguendo le tattiche utilizzate dai camionisti canadesi a Ottawa, un numero crescente di proteste ispirate ai camionisti del Freedom Convoy, sembra stia guadagnando slancio in tutto il mondo, con la formazione di gruppi nei Paesi Bassi, in Austria, negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Australia e in Nuova Zelanda.

La protesta di Ottawa, nota come “Freedom Convoy”, mira a eliminare gli obblighi canadesi sul vaccino COVID-19, in particolare per i camionisti che attraversano il confine tra Stati Uniti e Canada. Domenica sera, il sindaco di Ottawa ha dichiarato lo stato di emergenza, mentre la polizia ha iniziato a fare arresti e sequestrare il carburante dei camionisti.

In Nuova Zelanda, secondo quanto riferito, i camionisti hanno dato vita a un convoglio sia dalle Isole del Nord che da quelle del Sud. Convergeranno nella capitale del paese, Wellington, secondo il New Zealand Herald.

Uno dei camionisti, che si fa chiamare solo Jess, ha dichiarato al Toronto Star che sta tentando di organizzare una protesta dei camionisti in Nuova Zelanda, che ha alcune delle restrizioni COVID-19 più severe al mondo, perché “il suo paese ha bisogno di sentire la chiamata e ribellarsi”.

Ha confermato che i due gruppi convergeranno a Wellington nel prossimo futuro dopo aver comunicato con i camionisti tramite i social media.

I veicoli agricoli che si uniscono al convoglio di camionisti protestano contro gli obblighi COVID-19 parcheggiati a Ottawa il 5 febbraio 2020.

“Penso che stiate iniziando a vedere quello che diventerà un grande movimento globale per porre fine a questi obblighi”, Brian Brase, co-organizzatore della protesta negli Stati Uniti, ha dichiarato a Fox News domenica, riferendosi ai requisiti del vaccino.

“È una violazione dei diritti umani essere obbligati a ricevere questo vaccino. Se lo vuoi, vai a farlo, ma non essendo obbligato ad ottenerlo, ci stiamo opponendo a questo. Pensiamo che sia sbagliato”.

La scorsa settimana, gli organizzatori di un Freedom Convoy degli Stati Uniti hanno criticato Facebook dopo che il gigante dei social media ha rimosso una pagina che organizzava le proteste. I camionisti hanno riferito a Fox News che stanno progettando di guidare dalla California a Washington, D.C.

I camionisti nel Regno Unito manifesteranno in un sobborgo di Glasgow e guideranno fino a Edimburgo, la capitale, prima di dirigersi a Londra, hanno dichiarato gli organizzatori al quotidiano scozzese Daily Express. I convogli Freedom partiranno anche nelle città inglesi di Manchester, Exeter, Bristol e Bournemouth, così come nelle città di Irlanda, Irlanda del Nord e Galles.

Nei Paesi Bassi, secondo il locale NL Times, decine di camion e altri veicoli si sono riuniti a Leeuwarden per protestare contro gli obblighi vaccinali e le restrizioni locali relative al COVID-19 domenica. Un video pubblicato dal “Freedom Convoy Nederland” ha fatto vedere il gruppo.

I manifestanti che manifestano contro gli obblighi vaccinali COVID-19 si riuniscono mentre un convoglio di camion blocca l’autostrada al valico di frontiera degli Stati Uniti a Coutts, Alta., il 2 febbraio 2022.

Altrove in Europa, Aram Lemmer, imprenditore e organizzatore in Austria, ha riferito di aver ricevuto conferme da circa 2.500 veicoli per guidare fino a Vienna, la capitale, per protestare contro gli obblighi vaccinali. Recentemente, l’Austria ha approvato una legge che imporrà le vaccinazioni per tutte le persone idonee di età pari o superiore a 18 anni o dovranno affrontare pesanti multe.

E la polizia nel Territorio della Capitale Australiana riferisce che si aspetta che le dimensioni della folla per il “Freedom Convoy diCanberra” raggiunga il picco l’8 febbraio, quando il Parlamento australiano riprenderà le attività. I manifestanti guidati da camionisti si raduneranno fuori dal Parlamento.

Tutto ciò mentre il sindaco di Ottawa Jim Watson, ha dichiarato lo stato di emergenza domenica, definendo la pacifica protesta dei camionisti un “serio pericolo”. Gli organizzatori della protesta dichiarano il loro movimento pacifico.

l “pericolosi” manifestanti

“IMPORTANTE: Chiunque tenti di portare supporti materiali (gas, ecc.) ai manifestanti potrebbe essere soggetto ad arresto. L’applicazione è in corso”, ha dichiarato la polizia di Ottawa sui social media domenica.

La decisione è stata contestata dal Justice Centre for Constitutional Freedoms, un gruppo che rappresenta i camionisti.

“In una società libera e democratica governata dallo stato di diritto, i cittadini possono liberamente associarsi tra loro, compreso il dare e ricevere beni e doni. Non esiste una legge che consenta alla polizia di Ottawa di arrestare le persone per aver offertp carburante o cibo a un altro canadese”, ha dichiarato l’avvocato del Centro di giustizia per le libertà costituzionali Nicholas Wansbutter.

Source

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

L’attrice Chelsea Hadler dopo la terza dose ricoverata in ospedale per malore improvviso durante il suo tour teatrale “Vaccinated & Horny” (Vaccinata ed Eccitata)

Read Next

Cos’è V-AIDS, sindrome da immunodeficienza acquisita da vaccino.