• Maggio 19, 2022

10 cose che DOVETE sapere sui nuovi documenti Pfizer

di Steve Kirsch

Ad oggi abbiamo accesso a 150 documenti. Ecco una prima analisi di ciò che abbiamo trovato.

CAUTELA: Questo documento è ancora in fase di modifica e controllo ed è probabile che contenga errori.

Sto scrivendo questo articolo con Kyle Beattie. Kyle è stato l’autore dello studio sui 145 paesi che nessuno è stato in grado di confutare che ha dimostrato che più si vaccina, maggiore è il tasso di infezione e mortalità COVID .

Informazioni sui documenti

Abbiamo lavorato sodo esaminando i documenti Pfizer rilasciati il 1 ° marzo 2022.

Pfizer ha rilasciato piccole parti, una serie di pillole a partire dai documenti il 18 novembre 2021 e fino al primo marzo di quest’anno.

Finora ci sono 150 documenti che comprendono circa 50.000 pagine. I documenti sono tutti pubblicati qui su questo portale di terze parti (non è gestito da Pfizer):

Finora, ci hanno fornito alcuni dei loro dizionari di codice interni, che corrispondono a vari altri documenti, studi e fogli di calcolo e richiederanno del tempo per analizzare completamente (usano principalmente SAS). Hanno inoltre fornito alcuni documenti che hanno inviato e ricevuto dalla FDA, nonché alcuni dei loro risultati dei loro studi clinici su animali e umani. Questo è un riassunto degli elementi interessanti che abbiamo trovato finora.

Limiti della nostra analisi

Dal momento che ho uno staff limitato su questo progetto (io e Kyle), non saremo in grado di fare tutto ciò che gli altri copriranno. Sono sicuro che i media mainstream e anche la comunità medica saranno attenti a questi documenti che espongono la corruzione in grande dettaglio…

OK, stavo solo scherzando. La verità è che le uniche persone che vi faranno sapere cosa sta realmente succedendo in questi documenti sono le persone che i media mainstream chiamano “diffusori di disinformazione”. Tutti gli altri faranno finta che sia tutto regolare.

Conclusione chiave: i loro dati non supportano le loro affermazioni

I dati di Pfizer non supportano l’affermazione che i loro vaccini COVID-19 siano “sicuri ed efficaci”.

Pfizer ha apparentemente mentito alla FDA sostenendo che i loro vaccini prevengano COVID-19, e la FDA e i media mainstream hanno poi doverosamente mentito al popolo globale ripetendo questa falsa affermazione.

Cose che i documenti ci dicono ora

Ecco alcuni dei problemi che tratteremo in questa recensione. Altro seguirà man mano che approfondiremo di più:

  1. Pfizer ha affermato ripetutamente nei suoi documenti alla FDA che il loro vaccino avrebbe “prevenuto” COVID-19.
  2. Pfizer sapeva che gli effetti avversi dell’iniezione sarebbero aumentati con più iniezioni di richiami continui.
  3. Pfizer sapeva che le loro iniezioni non sarebbero rimaste nel sito di iniezione.
  4. Pfizer sapeva che il gruppo vaccinato riportava eventi avversi molto più sistemici rispetto al gruppo placebo.
  5. Pfizer sapeva che l’efficacia del vaccino diminuiva molto rapidamente nel tempo; fino al 50% in appena 1 mese dopo la seconda dose. Come mai non siamo stati avvisati di questo???
  6. Pfizer ha difeso VAERS (perché non volevano ulteriori oneri sui costi di segnalazione).
  7. Ci sono sei persone che sono iscritte a due diversi studi clinici in due siti diversi, il che è davvero strano.
  8. Pfizer sapeva che le persone vaccinate potevano ancora contrarre COVID-19 e risultare positive.
  9. Ci sono 1.448 pagine che comprendono 9.704 singoli soggetti che sono stati esclusi dagli studi. Non ci sono abbastanza dettagli per sapere perché.
  10. Pfizer ha pagato $ 2.875.842,00 per la domanda alla FDA.
  11. È preoccupante che Pfizer rediga informazioni non proprietarie che sarebbero molto utili per valutare i dati come il numero di dosi somministrate nel documento ADVERSE EVENTS OF SPECIAL INTEREST” (AESI) (aka il documento 5.3.6).

1. Pfizer ha affermato ripetutamente nei documenti forniti alla FDA, che il loro vaccino avrebbe “prevenuto” COVID-19

In questo documento, hanno affermato a pagina 1, riquadro 15A: che la loro domanda riguardava un prodotto con la seguente indicazione proposta per l’uso: “Immunizzazione attiva per prevenire COVID-19 causata da SARS-CoV-2 in individui ≥ 16 anni di età”.

Qui a pagina 3, fanno di nuovo la stessa richiesta, questa volta in un documento di rinuncia che è descritto in modo più dettagliato al punto numero 6. Affermano: “L’indicazione proposta che è oggetto di questa applicazione BLA iniziale è l’immunizzazione attiva per prevenire la malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) causata dalla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2) in individui di età pari o superiore a 16 anni”.

Anche in questo documento a pagina 1 affermano nuovamente che, “L’indicazione proposta è l’immunizzazione attiva per prevenire la malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) causata dalla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2) in individui di età pari o superiore a 16 anni. “

Pfizer ha frodato la FDA sostenendo che il vaccino che stavano proponendo avrebbe “prevenuto” COVID-19?

Fonte: https://phmpt.org/wp-content/uploads/2022/03/125742_S1_M1_356h.pdf 

Fonte: https://phmpt.org/wp-content/uploads/2022/03/125742_S1_M1_waiver-req-designated-suffix.pdf

Fonte: https://phmpt.org/wp-content/uploads/2022/03/125742_S1_M2_22_introduction.pdf

2. Pfizer sapeva che gli effetti avversi dell’iniezione sarebbero aumentati con più iniezioni di richiami continui

In particolare, a pagina 24 di questo documento, affermano che “Sono state osservate reazioni locali in animali maschi e femmine dosati IM con BNT162b2 (V8). L’incidenza e la gravità delle reazioni sono state più elevate dopo la seconda o la terza iniezione rispetto alla prima iniezione. La maggior parte degli animali presentava un edema molto lieve o raramente un leggero eritema dopo la prima dose. Dopo la seconda o la terza dose, la gravità dell’edema e dell’eritema è aumentata fino a gradi moderati o raramente gravi. “

Chiaramente sapevano che gli effetti collaterali erano dose-dipendenti e quindi sapevano che i vaccini stavano causando questi effetti.

Sapevano anche che questi effetti avversi potevano includere eventi come la necrosi muscolare e l’aumento delle dimensioni e del peso della milza.

Affermano: “I pesi della milza più elevati (fino a 1,62x) correlati a BNT162b2 (V8) erano evidenti e correlati con l’osservazione macroscopica dell’aumento delle dimensioni della milza … L’infiammazione del sito di iniezione è stata associata a edema moderato, lieve degenerazione della miofibra, necrosi muscolare occasionale e fibrosi lieve” (pagina 25).

Queste terribili reazioni, in particolare la necrosi, di cui abbiamo visto prove nella letteratura medica dopo la somministrazione di questi vaccini nel pubblico più ampio. In effetti, i loro stessi studi sugli animali lo hanno indicato.

Chi è stato vaccinato è stato avvisato di tutto questo? Non ricordo nemmeno Fauci o Walensky che lo menzionano.


Vedere i seguenti studi per le discussioni su varie forme di necrosi dopo la somministrazione del vaccino COVID-19:

Lal, N., Khan, S. A., Pillai, A. R., & Khan, S. A. (2021). Cancrena degli arti inferiori correlata al vaccino COVID: il primo caso clinico. International Surgery Journal, 8 (10), 3204-3207. https://dx.doi.org/10.18203/2349-2902.isj20214026 

Kuzumi, A., Yoshizaki, A., Chiba, K., Mitsuo, S., Matsuda, K.M., Norimatsu, Y., … & Sato, S. (2021). Necrosi genitale con trombosi cutanea dopo vaccinazione contro l’mRNA COVID-19. Giornale dell’Accademia Europea di Dermatologia e Venereologiahttps://doi.org/10.1111/jdv.17837 

Mishra, S.B., Mahendradas, P., Kawali, A., Sanjay, S., & Shetty, R. (2021). Riattivazione dell’infezione da varicella zoster che si presenta come necrosi retinica acuta dopo la vaccinazione COVID 19 in un maschio indiano asiatico. Rivista europea di oftalmologia, 11206721211046485.

https://doi.org/10.1177%2F11206721211046485

Iwai, S., Takayama, K., Sora, D., & Takeuchi, M. (2021). Un caso di necrosi retinica acuta associata alla riattivazione del virus della varicella zoster dopo la vaccinazione COVID-19. Immunologia oculare e infiammazione, 1-3. https://doi.org/10.1080/09273948.2021.2001541

Gruenstein, D., & Levitt, J. (2021). Necrosi cutanea in entrambi i siti di iniezione del vaccino COVID-19. Casi JAAD, 15, 67-68. https://www.jaadcasereports.org/article/S2352-5126(21)00510-5/fulltext 

Ramessur, R., Saffar, N., Czako, B., Agarwal, A., & Batta, K. (2021). Trombosi cutanea associata a necrosi cutanea a seguito della vaccinazione Oxford-AstraZeneca COVID-19. Dermatologia Clinica e Sperimentale. https://dx.doi.org/10.1111%2Fced.14819 

Fonte: https://phmpt.org/wp-content/uploads/2022/03/125742_S1_M2_24_nonclinical-overview.pdf


3. Pfizer sapeva che le loro iniezioni non sarebbero rimaste nel sito di iniezione

Come ho sottolineato nel maggio del 2021, l’iniezione non rimane nel sito di iniezione.

Gli stessi identici dati sono inclusi nei documenti rilasciati come Byram Bridle ottenuto a maggio tramite FOIA dal governo giapponese.

Infatti i loro stessi dati provenienti da studi sugli animali mostrano che con una sola dose in un periodo di 48 ore la quantità di vaccino diminuisce dal sito di iniezione e aumenta sostanzialmente nelle ovaie, nel fegato e nella milza in particolare, ma anche nelle ghiandole surrenali, nella vescica, nelle ossa, nel midollo osseo, negli occhi, nell’intestino crasso, nei linfonodi, nel pancreas, nelle ghiandole salivari, nella pelle, nell’intestino tenue, testicoli, timo, tiroide e utero.

Per essere precisi, lo 0,09% dell’iniezione finisce nelle ovaie, l’1,03% dell’iniezione finisce nella milza e circa il 16,2% dell’iniezione finisce nel fegato dopo 48 ore (pagina 7 e 8).

Si prega di consultare le tabelle a pagina 8 di questo rapporto, che si riferiscono al numero di rapporto: 185350, a cui si fa riferimento a pagina 2.

pagina 2

Evidenziazione gialla significa che la quantità di μg lipidico equivalente / g dell’iniezione Pfizer aumenta piuttosto che diminuire nel periodo di 48 ore che hanno osservato. Arancione significa uguale al giallo ma moderatamente alto rispetto ad altri. Rosso significa uguale al giallo ma è molto alto rispetto a tutti gli altri. Il verde è dove è iniziata l’iniezione e dove hanno affermato che sarebbe rimasta. Diminuisce chiaramente nel tempo e si presenta in altri punti del corpo, in particolare il fegato, le ovaie e la milza.

4. Pfizer sapeva che il gruppo vaccinato riportava molti più eventi avversi sistemici rispetto al gruppo placebo

I dati di reattogenicità di Pfizer mostrano che le persone che ricevono le iniezioni di BNT162b2 (30 μg) hanno da due a 25 o più volte più probabilità di avere eventi sistemici gravi rispetto al gruppo placebo.

Una rapida occhiata a questi dati mostra quanto gravemente il vaccino abbia colpito le persone rispetto al gruppo di controllo. Ad esempio, entro sette giorni da ogni dose, il doppio delle persone (23%) nel gruppo vaccinato ha subito eventi sistemici rispetto al gruppo placebo (11,3%), mentre la febbre grave è stata osservata nel gruppo vaccinato 14 volte di più rispetto al gruppo placebo.

pagina 35

Fonte: https://phmpt.org/wp-content/uploads/2022/03/125742_S1_M5_c4591001-T-S-final-reacto-tables-track.pdf

5. Pfizer sapeva che l’efficacia del vaccino diminuiva molto rapidamente nel tempo

Mentre i media mainstream hanno fatto del loro meglio per vendere il vaccino Pfizer come “sicuro ed efficace”, i dati di Pfizer già il 19 settembre 2020 non hanno mostrato nessuna di queste cose.

In particolare, l’efficacia del vaccino, anche per il breve periodo per il quale è stato studiato, ha mostrato che è diminuita fino al 50% in appena 1 mese dopo la seconda dose (Vedi S1-Binding e RBD-Binding IgG Levels nella tabella seguente).

Queste informazioni sono state nascoste al pubblico e sono state ampiamente denunciate come disinformazione medica fino a quando i “rari casi di svolta” sono diventati così comuni che non potevano più essere negati.

Si scopre che sapevano tutto il tempo.

Semplicemente non ce l’hanno detto per qualche motivo e nemmeno la FDA o il CDC.

intensità di dose di 30 μg

Fonte: https://phmpt.org/wp-content/uploads/2022/03/125742_S1_M5_5351_c4591001-fa-interim-efficacy-response.pdf 

6. Pfizer ha difeso VAERS

Pfizer ha chiesto una deroga della FDA per non dover registrare determinati dati di sicurezza sulle iniezioni perché sostenevano che VAERS fosse il sistema che ci avrebbe detto se si fossero verificati problemi di sicurezza con le iniezioni. Poi i media mainstream hanno fortemente denigrato i dati VAERS e hanno agito come se non fossero così significativi come in realtà sono.

In realtà, a pagina 3 e 4 della loro richiesta di deroga, Pfizer afferma che VAERS è un sistema “robusto” che è “progettato per rilevare problemi di sicurezza con i vaccini”. Hanno persino usato questa scusa per la loro rinuncia al suffisso sostenendo che non avessero bisogno di avere un suffisso designato dalla FDA che avrebbe contribuito a “garantire pratiche di erogazione sicure e farmacovigilanza ottimale” perché il sistema VAERS era “adeguato” e che qualsiasi altro requisito di segnalazione della sicurezza sarebbe stato “ridondante e oneroso”.

Quando non vogliono fare un lavoro extra, è incredibile quanto sia affidabile e preciso VAERS. Ma quando ci sono segnali di sicurezza avversi, allora VAERS è spazzatura.

Capito?

7. Ci sono sei persone che si sono iscritte a due diversi studi clinici in due siti diversi

Abbiamo alcuni veri go-getters in questo paese, abbiamo avuto una mezza dozzina di persone che si sono iscritte per essere cavie non solo per uno studio sperimentale di iniezione, ma due! Secondo la pagina 20 di questo documento Pfizer, “6 soggetti sono stati arruolati nello studio più di una volta”. Sfortunatamente, il loro ardore non ha aiutato lo studio e Pfizer è stata costretta a eliminare i loro risultati affermando che “Questi soggetti non saranno inclusi in alcuna analisi”.

È confortante, ma come diavolo hanno superato il processo di iscrizione?

Fonte: https://phmpt.org/wp-content/uploads/2022/03/125742_S1_M5_c4591001-A-adrg.pdf 

pagina 20

8. Pfizer sapeva che le persone vaccinate potevano ancora contrarre COVID-19 e risultare positive al test

In questo documento, Pfizer fornisce tabelle di tutte le diverse condizioni in cui le persone si sono ammalate di COVID-19 dopo la somministrazione della vaccinazione o del placebo. Complessivamente, il 12% dei casi positivi e/o sintomatici riportati sono individui che sono stati vaccinati con una o due dosi di Pfizer (BNT162b2, 30 μg).

Ciò significa che l’affermazione di Pfizer in altri documenti secondo cui questo vaccino previene l’infezione da SARS-CoV-2 è dimostrabilmente falsa, e lo sapevano.

9. Ci sono 1.448 pagine che comprendono 9.704 singoli soggetti che sono stati esclusi dagli studi

Queste persone sono state escluse dagli studi per vari motivi, tra cui non ricevere la dose 2 entro la finestra predefinita, non ricevere tutte le vaccinazioni come randomizzate o avere importanti deviazioni del protocollo.

Ricordate, tutte le persone che non sono mai tornate per le seconde dosi durante il 2021?

Quanti di questi individui nello studio clinico non sono tornati per la seconda dose a causa di qualche reazione che potrebbero aver avuto?

Quello che sappiamo dal mio lavoro precedente è che il numero di abbandoni nel percorso di Fase 3 è stato incredibilmente alto nel gruppo di trattamento. Non è potuto accadere solo per “sfortuna”.

Ecco la diapositiva di una presentazione precedente che ho fatto (vedi diapositiva 33, ma anche il resto della presentazione è fantastico):

Inoltre, questo riporta alla mente l’informatore del Ventavia Research Group la cui storia è stata pubblicata sul British Medical Journal in merito a “scarsa gestione del laboratorio, problemi di sicurezza dei pazienti e problemi di integrità dei dati”.

10. Pfizer ha pagato $ 2.875.842,00 per la domanda alla FDA

Se vi state chiedendo quanto è costato a Pfizer e cosa ha addebitato la FDA per valutare questa orribile serie di rapporti e studi clinici inclusi nella loro applicazione, è di circa $ 2,9 milioni di dollari.

Fonte: https://phmpt.org/wp-content/uploads/2022/03/125742_S1_M1_userfee.pdf 

Altre analisi dei dati Pfizer

  1. Il Dr. Been esamina il “documento 5.3.6” che è il dato sugli eventi avversi post-marketing in questo video di YouTube di 1 ora. Questo è il documento con il famoso: “ELENCO DEGLI EVENTI AVVERSI DI INTERESSE SPECIALE” (AESI) che ha 9 pagine di eventi avversi fittissime. Il mio commento preferito su questo video è questo: come è possibile che il dottor Been, da solo, possa informare chiaramente il pubblico, mentre il governo degli Stati Uniti fallisce ogni opportunità? Questa è una buona domanda.

Iscriviti alla nostra newsletter

eVenti Avversi

Read Previous

L’Austria sospende l’obbligo vaccinale: “non più proporzionato”

Read Next

Il mondo vorrebbe sapere cosa ci facessero i biolab statunitensi in Ucraina – portavoce del Cremlino